.
Annunci online

iotocco
Niente di personale, Visti & Riletti


Diario


17 febbraio 2011

200.000 visite

I blog vivono anche di traguardi.

Giunto a 50000 visite, ho deciso di cambiare la natura delle mie pubblicazioni: niente più notazioni personali.

“Al fin della licenza io Tocco” chiudeva, cambiava veste e diventava “Niente di personaleappunto. Minimo impegno, qualche recensione, post anti truffe, cose così.

Nonostante ciò, oggi scopro di aver raggiunto un altro traguardo: duecentomila visite.

Il che mi fa pensare che i blog, in qualche modo, vivano di vita propria, diventino pagine a disposizione dei naviganti e se ne freghino di quello che il proprietario decide per loro.

Sorrido.

A questo punto il progetto è completo; personalmente, non ho più nulla da aggiungere a questo blog.

Ma nel chiudere questo post è giusto che dica: grazie a chiunque è passato, ha commentato, ha condiviso con me questo percorso, aperto il 10 gennaio 2008, 3 anni fa quindi.

Ci sentiamo a 500.000 visite ;)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. blog iotocco

permalink | inviato da ioTocco il 17/2/2011 alle 17:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (28) | Versione per la stampa


8 dicembre 2010

Fight Club, un libro furbo ma gradevole

Questo libro non è un noir. Non è sadico. Questo libro non è una storia d'amore, non è una storia sul cancro. Non è il copione per un buon film. E non è un capolavoro.
 
E' un buon libro, però. Di quelli che leggi e poi ricordi. Soprattutto per la struttura narrativa, fatta di tante ripetizioni a mo' di slogan, che entrano facilmente in testa e catturano l'attenzione del lettore più del plot. 
In questo senso è un racconto furbetto. Ma va bene. 
"Tu non sei i soldi che hai in banca. Non sei il tuo lavoro. Non sei i tuoi problemi. Tu non sei la tua età"
"La prima regola del fight club è che non si parla del fight club. 
La seconda regola del fight club è che non si parla del fight club". 
Ma su tutte, io sceglierei questa, che racchiude più delle altre, a mio parere, la filosofia del narratore: 
"Se sei maschio e sei cristiano e vivi in America, tuo padre è il tuo modello di Dio. E se non hai mai conosciuto tuo padre, se tuo padre prende il largo o muore o non è mai a casa, che idea ti fai di Dio?" 
Perché è il richiamo ad una generazione X sempre più spaesata e individualista, che trova nel collettivo la perpetuazione della propria solitudine e dell'abbandono; e perché è meglio essere odiati de Dio che trovarsi al cospetto della sua indifferenza.


5 ottobre 2010

Davide Enia, ITALIA - BRASILE 3 A 2





Libretto gustosissimo, che ripercorre la mitica sfida, descrivendo un quadretto familiare molto riuscito, nei suoi riti e nei suoi tic.

Racconto lieve ma mai superficiale, accompagnato da una vena ispirata di ironia, perfino nelle note che ci spiegano le regole calcistiche con puntuale leggerezza. 


31 agosto 2010

Posta indesiderata (SPAM) - consigli

Lo spamming è l'invio di grandi quantità di messaggi indesiderati (generalmente commerciali). E' messo in atto soprattutto attraverso l'e-mail.

Per sua natura lo spam non sarà mai eliminato al 100%, neanche con l'utilizzo di filtri antispam all'apparenza perfetti. Il filtro antispam offerto dai maggiori server funziona generalmente attraverso un meccanismo di filtraggio, con un sistema monitorato e aggiornato centralmente.

Esistono però alcune mail di spam non generiche, ma mirate e personalizzate: solitamente sono finte richieste di contributi per persone ammalate, proposte di amicizia da parte di sconosciuti, richieste di transazioni economiche a fronte di ingenti guadagni ecc.

Queste e-mail sono difficilissime da bloccare vista l'impossibilità per un software di distinguerle da vere richieste di aiuto o amicizia.

Solitamente si finisce nel mirino di questo tipo di spam utilizzando il proprio indirizzo di posta elettronica per acquisti online da siti insicuri, iscrizioni a newsletter, installazione di software gratuiti ma che richiedono una registrazione, accedendo a servizi online gratuiti che richiedono registrazione ecc.

In tutti questi casi è consigliabile non utilizzare il proprio indirizzo di posta principale. E' possibile semmai creare "ad hoc" una casella di posta "a tempo" che viene cancellata al termine del suo utilizzo.


12 luglio 2010

Hanno tutti ragione, di Paolo Sorrentino



Libretto da spiaggia.
L'idea non è malaccio; la prefazione, ad esempio, è godevole, ma ha lo stesso difetto (e annuncia il difetto principale) del seguito: reitera la formula, che da affascinante che era diventa noiosa. Questo libro è palloso, fondamentalmente.
Puntualizzo: il libro "gode" di una brutta scrittura, per scelta dei termini, per coerenza stilistica, per originalità; ma all'inizio glielo si perdona, perchè si pensa che voglia dimostrare qualcosa. Andando avanti, però, il lettore capisce che lo scrittore vuole dimostrare quello che il lettore stesso aveva già capito dalle prime pagine, e così la brutta scrittura ha il sopravvento e, come dice Califano, il resto è noia.
I personaggi, che parlano tutti allo stesso modo, sono petulanti e quasi tutti poco credibili. La summa di luoghi comuni sul saper vivere che tutti sparano a mitraglietta, è francamente insopportabile. Intollerabili pure i riferimenti banalissimi sui tempi moderni e sui misteri di Stato.
Il personaggio di Alberto Ratto è snervante per quanto è mal descritto e peggio raccontato, e gli ultimi paragrafi sono sociologia spiccia a buon mercato.
Insomma: raramente avevo letto un libro così brutto.
E dire che Sorrentino regista mi piace. Come dire: perchè non continuare a dirigere bei film?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ioTocco

permalink | inviato da ioTocco il 12/7/2010 alle 14:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


8 aprile 2010

La verità su Bébé Donge di Georges Simenon



Cercando nella mia libreria, tra le cose comprate e non ancora lette, ho scovato questo Adelphi rosso di Georges Simenon.
Avendo ben presente che non avrei letto qualcosa del commissario Maigret, copertina gialla e personaggio con il quale il nome di Simenon viene quasi sempre associato, ho portato con me il libro per poterlo leggere in treno, un paio d'ore di percorso in alta velocità.
E' così che ho divorato questo racconto, che fatico a chiamare giallo, perché è molto di più.
Qui non c'è solo un delitto da esplorare, c'è tutta la sapienza letteraria di Simenon, per il percorso introspettivo di un marito, il signor Donge, alla ricerca della verità su sua moglie, Bèbè, sul loro rapporto e, infine, su se stesso. Mentre la giustizia, inesorabilmente, percorre una strada parallela, che nulla ha a che vedere con gli uomini. La giustizia si nutre solo di fatti e conseguenze. Al signor Donge i fatti non bastano più. Le domande lo incalzano.
Le anime si scontrano, in questo splendido racconto, in cui ogni personaggio non è casuale, ed ogni azione può essere riletta in sfumature opposte, fino a conclusioni in antitesi tra loro, come quella che porta la sorella di Bèbè, Jeanne, a dire, senza speranza: "A che serve continuare a porsi domande? Facciamo tutto quello che possiamo..."


30 gennaio 2010

Esce a settembre il nuovo romanzo di James Ellroy, Il sangue è randagio

piccolo grande aggiornamento:
il 5 FEBBRAIO 2010 a Bologna, Cinema Lumiere,
James Ellroy converserà con Carlo Lucarelli per presentare il suo libro,
finalmente in uscita in Italia!!!

Notizia per tutti i fans di James Ellroy!
Il 22 settembre 2009 è la data attesa che segna la conclusione della American Underworld Thrilogy. Dopo American Tabloid e Sei pezzi da mille, ecco BLOOD'S A ROVER (Il sangue è randagio), che in Italia uscira per i tipi della Mondadori (€ 22,00).




Nel suo tipico stile provocatorio e insolente, ecco il comunicato che Ellroy stesso ha diffuso alle librerie:
“Cari librai, ecco in tutta la sua magnificenza il mio nuovo romanzo,in cui si parla di uomini offesi, Blood’s A Rover. La casaeditrice Knopf lancerà questo libro bomba il 22 settembre. Fino aquella data avete il compito di creare un’ attesa presentandolo come unlibro profondo e coinvolgente. Poi inizierete a propinarlo ai lettori,e allora io arriverò nelle vostre librerie e farò impazzire legioni difan; verrà un sacco di gente e comprerà il mio e altri libri e,nonostante il periodo di magra, faremo tutti una barcadi soldi. Chiaro, no? (…) Leggete il libro. Apprezzatene la grandezza.Cercatemi su Facebook e fatemi sapere cosa ne pensate. Vostro, JamesEllroy”

Si ripartirà dall'imperialismo Usa in America Latina, per seguire ildilagare del Black Power, la morte di J. Edgar Hoover, la presidenzaNixon, interrompendosisull'orlo del Watergate. Ma si ripartirà soprattutto da Pete Bondurant!
Io certamente lo comprerò. Sperò sara una... buona lettura ;)


7 dicembre 2009

Revolutionary Road, un film un po' angosciante



Tratto dall’omonimo romanzo di Richard Yates, Revolutionary Road è il nome (quasi profetico) della via di una tranquilla zona della città di New York. In cima alla collina c’è una casetta bianca, un nido da sogno diuna coppia felice dell’America anni ’50, Frank e April Wheeler.

I coniugi coltivano uno sfumato anticonformismo, hanno sogni, si sentono meno ordinari degli altri, se non straordinari, e proprio per questo sono speciali agli occhi dei loro vicini e amici. Ma presto qualcosa appassisce, e un nuovo progetto potrebbe ridare fiato e senso alla loro vita: lasciare tutto, una romantica fuga destinazione Parigi.

Ecco, questo è grosso modo il filo conduttore di questo non facile film, dai risvolti complessi.

La famiglia borghese e felice rimane avviluppata tra desideri opposti e aspettative di una società altrettanto borghese, fino ad entrare in un viluppo di non detti, decisioni non decise, sentimenti non esplosi, trattenuti, in una trama delicata, interessante e un po’ angosciante,laddove dietro quella famiglia è facile vedere i nodi irrisolti di tantissime coppie.

Buono il contorno di figure attorno ai coniugi Wheeler, un po’ stereotipata la figura del folle saggio Givins, l’unico che può vedere oltre il conformismo degli altri. Bella l’ambientazione in una Grande Mela provinciale e periferica, scarso l’apporto fornito dai due attori principali, mai troppo credibili. La loro recitazione rischia spesso il melodramma, e se dramma c’è, in questo plot, quello che proprio non serve è la recitazione da filmone drammatico, melensa appunto.

(ndr Avrei visto molto bene Nicole Kidman, in quella parte...)

Infine: ottimo il finale, che sfuma la voce della signora Givins sul volto impassibile e apparentemente apatico del marito, ma con un sussulto di verità.


23 ottobre 2009

Siamo dei (fragili e imperfetti)


Oggi, scrivendo a due persone a me care, ragionavo sul senso del perdono, parola inflazionata che faccio fatica a riconoscere nel mio vocabolario. Che significa "perdonare"? Chi sa perdonare, chi sa farsi perdonare, chi perdona chi, e per cosa? Si può imparare a perdonare? Non saprei...

Io penso agli esseri umani come a degli dei fragili. Stiamo al mondo sapendo che moriremo, e questa è la condanna che pesa sulla intera nostra vita, oltre a quella di sforzarsi di credere a un dio che non si vede e, a volte, proprio non c'è.
Quello che ci rimane è la solidarietà tra noi. E, per questo, capisco quelle persone che dicono: la cosa che chiedo al mio compagno è di essermi accanto, di esserci.

Di contro, c'è la vita che preme, la nostra unica vita; e in questo siamo tutti peccatori, pecchiamo nei confronti di noi stessi per non osare abbastanza, pecchiamo nei confronti dei nostri cari nel momento in cui osiamo qualcosa di più. E tutto per sentirci vivi.

In questo senso, nessuno di noi è un dio perfetto, siamo tutti dei fragili, la nostra deità è votata alla fedeltà e, per estrema contraddizione, al peccato. Se sei fedele a te stesso, pecchi nei confronti dell'altro, e viceversa.

Ecco perchè dobbiamo perdonarci a vicenda. Il vero percorso cristiano delle nostre esistenze è questo: lo sforzo reciproco e mai finito di comprendere le ragioni degli altri e, se possibile, accettarle.
Bel casino...


22 settembre 2009

Diario di... una scoperta sul Web

Solitamente diffido dagli inviti alla lettura di tutto ciò che non è scritto su fogli stampati (e possibilmente rilegati insieme). Insomma, per me la letteratura è un po’ inscindibile dal suo supporto per eccellenza, il libro.

Ho fatto un’eccezione.

La scoperta è avvenuta tramite il solito link su Facebook. La quasi totalità di questi link portano quasi sempre a qualcosa di "poco letterario", video divertenti, notizie, cagate.
Questo link no. Sono arrivato ad un blog di Splinder con scarsa convinzione e poco tempo per leggere.

Il titolo però mi incuriosiva:

Un post al mese circa, tutti postati da noauthorname.



Difficile quindi capire chi scriva, ma la scrittura funziona e così mi inoltro. Pagina dopo pagina lo leggo tutto. Ogni mese circa c’è un aggiornamento.

Un progetto letterario a una o più mani (ma probabilmente colui che scrive è uno solo). Un bel ritmo, uno stile preciso, ancora un po’ acerbo, ma per questo più genuino.

Insomma, un diario ma anche un progetto del quale ci è dato sapere il giusto, in attesa del finale.


Maggiori informazioni su MYSPACE (mi dicono che l’ascolto da quella piattaforma renda ancora di più...)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ioTocco blog letteratura libri operatore

permalink | inviato da ioTocco il 22/9/2009 alle 9:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa


3 agosto 2009

Viaggiare con gli animali

E' on line Turisti a 4 zampe, il nuovo sito promosso dal Ministero del Turismo, dedicato a chi viaggia in Italia in compagnia dei propri animali.
Sul sito si trova una lista dettagliata di hotel, agriturismi, campeggi, residence e spiagge che accettano gli animali, oltre a tutta una serie di informazioni e consigli utili su come comportarsi con gli animali in vacanza, sulle vaccinazioni, sulle norme che regolano il trasporto degli animali in treno, auto, aereo ecc...
Uno strumento utile che intende anche contribuire alla lotta contro l'abbandono degli animali.



16 luglio 2009

Arriva il caricabatterie unico

A partire dal 2010 l'incompatibilità dei caricatori per i telefoni cellulari non sarà più un problema per noi utilizzatori, poiché la Commissione Europea ha invitato i principali produttori di telefonia mobile a standardizzare i caricatori nell'UE, trovando un accordo per risolvere questo problema senza il ricorso a strumenti legislativi.
Attualmente, infatti, come tutti noi ci siamo accorti :), nell'Unione Europea esiste in produzione una gran varietà di caricatori per i telefonini, e molti di essi possono servire a caricare soltanto un determinato tipo di telefono cellulare.
L'industria s'impegna quindi ad assicurare la compatibilità dei nuovi telefoni cellulari ad un modello unico di caricatore, basato sul connettore Micro-USB come interfaccia per il caricamento.
Il micro USB, per intenderci, è l'interfaccia che tutti noi abbiamo imparato a conoscere per connettere le macchine fotografiche digitali al PC di casa e scaricare le foto (almeno per quei PC che non leggono le CARD e per quei sistemi che non hanno il wireless).
Le previsioni dicono che la prima generazione di nuovi telefoni cellulari con caricatore intercompatibile arrivi sul mercato UE a partire dal 2010.
Attendiamo speranzosi...




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ioTocco

permalink | inviato da ioTocco il 16/7/2009 alle 14:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa


14 luglio 2009

Aderisco allo sciopero



Adesione all'appello di Diritto alla Rete contro il DDl Alfano



16 giugno 2009

Il mio MP3

Il mio MP3 è pieno di musica, ma non sono soddisfatto.

E allora perchè non chiedervi aiuto?

Ognuno di voi ha un suo personale MP3, anche solo mentale, dal quale potrei attingere per crearmi una cultura musicale fatta in casa. In questo caso una bloggerOTECA musicale, ecco!

Aiutatemi.

Scrivete nei commenti a questo post le cinque canzoni che non mancherebbero mai nel vostro MP3. Le potrò ascoltare e far mie.
Aspetto contributi! :)


Quelle che non mancano mai nel mio MP3 sono:













17 febbraio 2009

Neppure quando è notte, un romanzo d'esordio



Questo libro è sorprendente. L'autore, che ho avuto il piacere di conoscere, è giovane, qui al suo romanzo d'esordio (da pochi mesi è uscito il suo terzo: "Il paese delle spose infelici"), e mette in campo una scrittura complessa, per una storia intrigante, coinvolgente, sul tema della marginalità. Soprattutto una storia non banale, cattiva anche.
A me questo romanzo è piaciuto, ma leggerlo non mi è stato facile. Credo sia un buon segno!




Anobii Book Description

Il romanzo si apre su una Roma decadente di fine millennio, in pieno Giubileo.L'Italia, con la sinistra di governo, sta vivendo un momento storicoparticolare: all'apparente ripresa economica si contrappongono fenomeniallarmanti come la malavita, le "nuove povertà", le "vecchie"tossicodipendenze e, più in generale, lo sbandamento di una nuova generazione.Vivere alla giornata è l'imperativo che si è dato Franz Maria, la vocenarrante e, quando arriva nella capitale da una cittadina della Puglia, nontrova di meglio che farlo tra i reietti della stazione Tiburtina, circondatoda un caleidoscopio di personaggi uniti in una sorta di "corte dei miracoli"underground di fine millennio.


sfoglia     gennaio       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
ioTocco news & co.
Racconti
biografie
visti & riletti
tutto fa blog
Bar sport
BloggerOTECA

VAI A VEDERE

X CURIOSARE QUA E LA':
Mauro SQUIZ Daviddi
Mauro Daviddi fotografo
INTER F.C.
Attivissimo antibufala
Home Movies Bologna
IMSU
.
I VOSTRI BLOG:
Ale
Concy31
Il Conte
Dilettomanoppello (Stefano)
Disastro
Efesto
Elepuntaallaluna
Gattara
GuyFawkes
Lei... Julia
liberol'anima (blue eyes)
Lu, i 400 colpi
Marte(not-Neon)
Nat
occhiodelciclone
Piero, SvegliaItalia
Saxer
Yogurtina :)



iotocco bologna andreotti mafia paolo borsellino aldo bianzino animali alitalia alexander langer american tabloid bloggeroteca andré gorz america palermo biografie politica tutto fa blog inter aikido andavo a messa la domenica blog ambiente alberto cairo allevamento albania anniversario stato american underworld thrilogy giovanni falcone andrzej anni 50 alanis morissette







le stelle potrebbero essere nientemeno che semi del cielo, e in una notte far nascere fiori, uno, per ogni stella caduta. ma io pensavo, che le stelle fossero solo lacrime degli angeli, ed i girasoli, che crescessero così alti per asciugarle di nascosto, nella notte.

SE LASCI UN COMMENTO, QUESTO BLOG DIVENTA ANCHE UN PO' TUO...


Add to Technorati Favorites

 Chuck Palahniuk,
FIGHT CLUB

Il richiamo ad una generazione X sempre più spaesata e individualista, che trova nel collettivo la perpetuazione della propria solitudine: perchè è meglio essere odiati da Dio che trovarsi al cospetto della Sua indifferenza.

 

 Andrea Camilleri,
LA CACCIA AL TESORO

Migliore degli ultimi Montalbano, meno svogliato, ma non più all'altezza dei primi.

 Davide Enia,
ITALIA - BRASILE 3 A 2 

Libretto gustosissimo, che ripercorre la mitica sfida, descrivendo un quadretto familiare molto riuscito, nei suoi riti e nei suoi tic. Racconto lieve ma mai superficiale, accompagnato da una vena ispirata di ironia, perfino nelle note che ci spiegano le regole calcistiche con puntuale leggerezza. 

 

James Ellroy,
IL SANGUE E' RANDAGIO

Completa la trilogia americana. Più toccante e magico dei primi due, dipinge personaggi inediti e tiene alto il ritmo. Degnissima conclusione di una trilogia esplosiva. 859 pagine che corrono via. Per gli appassionati del genere è un libro imperdibile.

IGORT,
5 è il numero perfetto

Interessante romanzo a fumetti, sul ritorno alla scena e sul riscatto di un vecchio guappo.

Hermann Koch,
LA CENA

Attuale e intrigante racconto sulla "banalità del male", con un punto di vista originale. Scrittura veloce e non sempre efficace, il romanzo merita comunque di essere letto!

 Paolo Sorrentino,
HANNO TUTTI RAGIONE

Da spiaggia!

 Georges Simenon,
LA VERITA SU BEBE' DONGE 
††††

Le anime si scontrano, in questo splendido racconto, in cui ogni personaggio non è casuale, ed ogni azione può essere riletta in sfumature opposte, fino a conclusioni in antitesi tra loro, come quella che porta la sorella di Bèbè, Jeanne, a dire, senza speranza: "A che serve continuare a porsi domande? Facciamo tutto quello che possiamo..."

 

 ERRI DE LUCA,
IL PESO DELLA FARFALLA
††††

Un racconto che mette il lettore alla pari col mondo e lo riporta a una condizione essenziale di uomo. Sorretto da una scrittura un po' ampollosa, ma efficace, scorre lieve e delicato fino all'ultima pagina.

FRANCO ALFONSO,
BARBIERE SI NASCE
††

L'esperienza di vita di un bambino di paese che, in un periodo in cui non era facile sognare, aveva un grande sogno: diventare barbiere a Palermo! Un libro genuino che ha molto da insegnare.

  Letti nel 2009:

SERGIO ROTINO,
UN MODO PER USCIRNE
†††

ANDREA CAMILLERI,
LE INCHIESTE DEL COMMISSARIO COLLURA

 

WILLA CATHER,
IL MIO MORTALE NEMICO

DANILO "MASO" MASOTTI,
IL CODICE BOLOGNA

GIANRICO CAROFIGLIO,
IL PASSATO E' UNA TERRA STRANIERA

ANDREA CAMILLERI,
LE PECORE E IL PASTORE

C. AUGIAS, M. PESCE,
INCHIESTA SU GESU'

JAMES ELLROY,
SEI PEZZI DA MILLE


ANDREA CAMILLERI,
LA DANZA DEL GABBIANO

ANDREA CAMILLERI,
L'ETA' DEL DUBBIO


Letti nel 2008:


JAMES ELLROY,
AMERICAN TABLOID



WU MING 4,
STELLA DEL MATTINO



ORNELA VORPSI,
LA MANO CHE NON MORDI



SANDOR MARAI,
LE BRACI
††


WU MING,
PREVISIONI DEL TEMPO
††

 
Andrea Camilleri,
IL CAMPO DEL VASAIO



Georges Simenon,
LETTERA AL MIO GIUDICE
†††


Andrè Gorz,
LETTERA A D.
†††

Lettura in corso
Fabio Levi,
IN VIAGGIO CON ALEX
††

Ultimo letto
Attilio Bolzoni Giuseppe D'Avanzo,
IL CAPO DEI CAPI
††


Fruttero & Lucentini,
LA DONNA DELLA DOMENICA
††††

La mia opinione:
†      passatempo
††    interessante
†††   
da leggere
††††  imperdibile

 

 
Giuseppe Di Stefano

il grande Tenore e un incontro del 1993


              Io dono... e tu?


      JULIO C
RUZ      




ETNA INNEVATA


TORTA ETNA



Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne la rimozione.











NO CENSURA!

 

 

CERCA