.
Annunci online

iotocco
Niente di personale, Visti & Riletti


Diario


31 agosto 2010

Posta indesiderata (SPAM) - consigli

Lo spamming è l'invio di grandi quantità di messaggi indesiderati (generalmente commerciali). E' messo in atto soprattutto attraverso l'e-mail.

Per sua natura lo spam non sarà mai eliminato al 100%, neanche con l'utilizzo di filtri antispam all'apparenza perfetti. Il filtro antispam offerto dai maggiori server funziona generalmente attraverso un meccanismo di filtraggio, con un sistema monitorato e aggiornato centralmente.

Esistono però alcune mail di spam non generiche, ma mirate e personalizzate: solitamente sono finte richieste di contributi per persone ammalate, proposte di amicizia da parte di sconosciuti, richieste di transazioni economiche a fronte di ingenti guadagni ecc.

Queste e-mail sono difficilissime da bloccare vista l'impossibilità per un software di distinguerle da vere richieste di aiuto o amicizia.

Solitamente si finisce nel mirino di questo tipo di spam utilizzando il proprio indirizzo di posta elettronica per acquisti online da siti insicuri, iscrizioni a newsletter, installazione di software gratuiti ma che richiedono una registrazione, accedendo a servizi online gratuiti che richiedono registrazione ecc.

In tutti questi casi è consigliabile non utilizzare il proprio indirizzo di posta principale. E' possibile semmai creare "ad hoc" una casella di posta "a tempo" che viene cancellata al termine del suo utilizzo.


14 luglio 2009

Aderisco allo sciopero



Adesione all'appello di Diritto alla Rete contro il DDl Alfano



28 novembre 2008

UN COMMENTO FINALE E UN... A RIVEDERCI

Quando ho aperto il primo blog, nell’agosto del 2007, il mio obiettivo era comunicare cose a più gente possibile.
Nel gennaio 2008, entrando a far parte della comunità del Cannocchio, ho pensato: vorrei comunicare CON più gente possibile.

E poi, t’immagini… far arrivare il mio blog , che so!... a cinquantamila presenze! BUM!

Era questo quello che pensavo.

Eccoci qui. A 50.000 click.
Più di un anno di carriera da blogger, non so più quanti post pubblicati, quante cose scritte, quanti dibattiti aperti, contatti, amicizie virtuali, incontri per strada con gente che mi dice: “sai? Ieri ti ho letto…”

Tra sette mesi farò 40 anni, tempo di bilanci, un’autobiografia già scritta e chiusa nel cassetto e questa esperienza, bloggare ogni sera, per più di un anno, che aggiungerà un tassello di biografia.

Cose fatte, cose da fare.

Come tutti i perfezionisti, non ho una infinita stima di me stesso. Diciamo che se mi incontrassi un giorno per strada (il mio io sdoppiato) direi: “simpatico, sì… ma non me lo sposerei” :-)

Però ho questo: idee e passione.

Ho aperto un blog, l’ho portato avanti con la GIUSTA passione. Senza rinnegare l’esperienza, facendo sì che mi arricchisse.

Bene. Missione compiuta.

Come tutte le cose che servono in un periodo particolare della vita, questa esperienza ha avuto un inizio e ha una fine.
Nessuno si strapperà i capelli, lo so. Ma ugualmente ho deciso che il titolo sarà a rivederci, a rileggerci, perché le cose definitive mi angosciano un po’.  Perché è bello, nel chiudere una porta, scordarsela socchiusa.

Questo blog si ferma.

Agli amici blogger: abbiamo condiviso un bel pezzo di strada insieme, ho conosciuto persone fantastiche. Continuerò a leggervi. Verrò a salutarvi. E soprattutto, continuiamo a sognare ;-)

Ai lettori, appassionati e distratti:
restate sintonizzati. Il sito continuerà a pubblicare, anche se non più sotto forma di blog.
Recensioni personali sui libri che leggo o sui film che vedo, soprattutto. Ma anche articoli utili o curiosi, notizie dal mondo.
Insomma, citando il titolo di una mia rubrica, e parafrasando il famoso detto popolare, TUTTO FA BLOG.

Un caro saluto a tutti.

Io…
       …Tocco.



22 settembre 2008

furto d'identità on line e phishing

Una piccola parte del mio blog è dedicata alla prevenzione sulle truffe, in casa, in strada, on line.
I post sono archiviati nella rubrica "Tutto fa blog", ovvero è possibile cliccare sul tag "truffa" nella barra o nella nuvola dei tags.

Dedico pertanto i prossimi due post all'argomento truffe on line, e ad una particolare truffa, che viene chiamata FURTO DELL'IDENTITA'




------------------------------------------------------------
Che cos'è il furto d'identità via e-mail?
------------------------------------------------------------


Il furto d'identità via e-mail è una forma di attività illegale, perpetrata da truffatori specializzati nei furti d'identità e finalizzata all'acquisizione, ai fini della frode, di dati personali, quali password, numeri di conto corrente e di carte di credito.
Gli autori delle frodi si presentano come rappresentanti di un'azienda o di un'istituzione inviando messaggi di posta elettronica apparentemente ufficiali o provenienti da siti sicuri.


Il furto d'identità via e-mail
è un'attività illegale on-line attuata da truffatori del Web  
è un tentativo di indurre a divulgare informazioni riservate come password e numeri di conto
può portare al furto d'identità
può portare al prosciugamento dei conti bancari della vittima
può portare all'uso fraudolento delle sue carte di credito
può portare alla vendita dei suoi dati riservati ad altri truffatori che cercheranno di frodare i suoi conti finché la persona danneggiata non si accorgera di essere una vittima

Qual è la metodologia di attacco del furto d'identità via e-mail?

Gli autori delle frodi tentano di indurre i consumatori a rivelare le proprie password e i propri numeri di conto inviando falsi messaggi di posta elettronica collegati a falsi siti Web che in apparenza si presentano esattamente come i siti di note società.
I siti degli istituti bancari sono quelli maggiormente contraffatti dagli autori delle frodi.


Come fare per evitare di diventare una vittima del phishing

Acquistare un software per la protezione dotato di una funzione di tutela contro i furti d'identità
Acquistare un software di protezione dotato di una funzione di guida per la sicurezza sul Web
Non rispondere mai a messaggi di posta elettronica non richiesti che invitano a "verificare" o "confermare" i dati relativi ai propri conti
Ricorrere al proprio buon senso e dubitare di qualsiasi richiesta relativa a numeri di conto corrente e di carte di credito



24 luglio 2008

CONSIGLI PER PREVENIRE LE TRUFFE

Avevo già segnalato a gennaio la truffa del "finto" specchietto rotto. Pare che siano stati segnalati altri episodi.

Le truffe costituiscono una fiorente fonte di introiti per la malavita e un danno, psicologico ancor prima che economico, per chi le subisce. In estate c'è un incremento, a danno soprattutto degli anziani soli.
Val la pena, quindi, di rinnovare alcuni consigli, ma una lista più esaustiva di consigli e avvertimenti si trova nel sito della Polizia di Stato, che invito a visitare:

CONSIGLI PER PREVENIRE LE TRUFFE:

Non aprite la porta di casa a sconosciuti anche se vestono un'uniforme o dichiarano di essere dipendenti di Comune, ENEL, azienda del gas, banca presso cui siete clienti.
Potete sempre prendervi tutto il tempo che volete, per telefonare all'Ente di cui si dicono dipendenti, e verificare. In ogni caso è meglio non aprire se non si è proprio certi.
Dite loro che verificherete chiamando il 113, prima di aprire. Se sono truffatori, scapperanno. Se sono lavoratori, resteranno ad attendere.

Nessun Ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente. Quindi diffidate sempre da questo tipo di richieste.

Se qualcuno vi ferma, dicendovi che vostro figlio o nipote gli deve dei soldi, probabilmente vi sta truffando. Anche se vi passa al telefono il vostro parente, non vi fidate. Richiamate voi, col vostro telefonino, il parente, ovvero andate via.

Occhio al bancomat: evitate di operare se vi sentite osservati. Nel digitare il codice segreto, mettete una mano a ricoprire la tastiera.

Soprattutto, ricordate che potreste avere a che fare con professionisti della truffa: quasi mai violenti, sempre gentili, ben vestiti, affabili. Purtroppo, molto bravi. Per qualunque problema e per chiarivi qualsiasi dubbio non esitate a chiamare il 113.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. truffa protezione tutto fa blog

permalink | inviato da ioTocco il 24/7/2008 alle 9:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa


11 marzo 2008

LEGGIAMO BENE LE UOVA

Impariamo a leggere il codice presente sul guscio di tutte le uova.

Sul guscio il codice riporta la storia del prodotto immesso sul mercato, con il luogo di provenienza e il tipo di allevamento, aiutando così il consumatore ad una scelta d'acquisto più consapevole.

Dall'aprile 2004, con legge Alemanno, è obbligatoria l'indicazione del sistema di allevamento, da riportare per esteso, sugli imballaggi nonchè la timbratura di un codice alfanumerico sulle uova (tracciabilità) identificativo del sistema di allevamento praticato e dell'azienda produttrice, anche nel caso di vendita di uova sfuse, classificate.
I sistemi di allevamento sono codificati come segue:
0 = biologico
1 = all'aperto
2 = a terra
3 = in gabbia


Molti di noi sono sensibili a quest'ultima definizione, conoscendo le terribili sofferenze e deprivazioni a cui sono sottoposte le galline da allevamento in gabbia. Il prodotto di una gallina che soffre, difficilmente tra l'altro sarà un buon prodotto, in quanto la gallina è molto più esposta a malattie.
Saper leggere il codice delle uova, in modo da non comprare più uova di galline allevate in gabbia, costringerà presto gli allevatori a cambiare metodi di allevamento, accellerando un processo che è già in atto, ma che si dovrebbe concludere, salvo imprevisti, solo nel 2012.







23 febbraio 2008

'Sei indagato', e la mail falsa infetta il PC

Dal sito di Repubblica:
http://www.repubblica.it/2008/02/sezioni/cronaca/truffa-mail/truffa-mail/truffa-mail.html

Questo è il testo del messaggio che può arrivare via mail direttamente nella vostra posta elettronica: "Sei indagato. Cerca di nascondere subito tutto, e fai veloce!!! Il tuo nome è comparso questa mattina sul sito del Caff di Roma. Controlla tu stesso sei nella lista di gennaio e indica un indirizzo internet cui collegarsi per una personale verifica. Nel post scriptum si legge 'in ogni caso io non esisto, mi raccomando, non fare mail il mio nome!!!?".

Il Nucleo Speciale Frodi Telematiche della Guardia di Finanza avverte che la comunicazione è falsa; chi segue le istruzioni della mail e fa clic sul link consigliato, finisce sul sito 'mail-certicata.com' e il suo computer viene subito infettato dal virus 'NewHeur_PE'".



"La pagina che viene visualizzata sullo schermo di chi si collega al sito in questione - avverte inoltre la nota della Guardia di Finanza - è stata realizzata clonando il logo con la bandiera tricolore utilizzato nelle comunicazioni ufficiali della presidenza del Consiglio dei Ministri. La dicitura Comando Antifrode Caff (che potrebbe erroneamente far pensare al Comando Nucleo Frodi Telematiche) e la sigla Caff GM (ingannevoli perché potenzialmente confondibili con i Centri di Assistenza Fiscale o addirittura con l'acronimo Gat GdF che identifica il reparto delle fiamme gialle specializzato nel contrasto alle frodi online) sono estranee a qualsivoglia realtà della Pubblica amministrazione e ad organismi delle forze di polizia".


Aggiungo che questa non è l'unica falsa comunicazione che circola via mail. Insistenti e probabilmente dannose sono le mail che giungono di frequente, con finto mittente Banca di Roma, ovvero Poste Italiane. Annunciano problemi sul conto personale e mettono il destinatario in allarme sul blocco temporaneo del proprio conto. Anche lì, finte istruzioni da seguire per comprendere cosa accade. Chi ci casca clicca su un link e scarica il virus.



Solitamente si dice: provare per credere. In questo caso meglio credere. E basta!



4 febbraio 2008

Black Google, cosa c'è di vero?

Ho ricevuto oggi questa mail:

TESTO:

LEGGETE BENE, e riflettete... 
Lo sapevate che se la schermata di google fosse nera, considerando la gran quantità di persone che lo usano, si calcola che si risparmierebbero circa 750 megawatt/ora annualmente.
così google ha creato una versione nera chiamata blackle
  www.blackle.com
 con le stesse identiche funzioni della versione in bianco ma con un consumo di energia inferiore.
vi consiglio di salvarlo tra i preferiti, al posto del google classico!
passate l'informazione, anche il minimo conta, no?
. . . l'oceano è davvero fatto di minuscole gocce...
 .....siate gocce, farete la differenza!


così sono andato a vedere questo fantomatico Black Google.

E' un motore di ricerca a sfondo nero, ma non ha nulla a che vedere con Google, nel senso che è  piuttosto un suggerimento su come dovrebbe essere Google per creare risparmio energetico.
L'idea sembrava buona. Così ho provato a capirci di più.

Sono andato su ecoblog.it
http://www.ecoblog.it/post/4120/tutta-la-verita-su-black-google
dove ho potuto capire cosa c'è di vero su black google.

In sintesi, mutare la schermata principale dei vari siti (e non solo Google) da bianco a nero provocherebbe un piccolo risparmio energetico per quegli utenti che possiedono i monitor di vecchia generazione (monitor CRT) ma non per chi possiede un monitor LCD (il 75% degli utenti internet).
Insomma, sembra che il problema non stia tanto nel colore dello schermo, quanto nell'efficienza energetica dei vecchi monitor, che consumano molto di più di un LCD.
Morale della favola, dice Ecoblog: se avete uno schermo CRT cambiatelo. Ricordatevi però di smaltirlo consegnandolo al Comune!



18 gennaio 2008

Catene di Sant'Antonio

Una catena di sant'Antonio è un sistema per propagare un messaggio inducendo il destinatario a produrne copie da spedire, a propria volta, a nuovi destinatari. Tra i metodi comunemente sfruttati dalle catene di sant'Antonio vi sono storie che manipolano le emozioni, sistemi piramidali che promettono un veloce arricchimento e l'uso della superstizione per minacciare il destinatario con sfortuna, malocchio o anche violenza fisica o morte se "rompe la catena" e rifiuta di aderire alle condizioni poste dalla lettera. È un fenomeno propagatosi anche su Internet attraverso le e-mail, malgrado diffondere questo tipo di messaggi sia una violazione della netiquette.
Fin qui la definizione di Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Catena_di_Sant'Antonio

Giorni fa, ho ricevuto un sms: cercasi donatori di sangue gruppo b+ per una bambina di 4 anni colpita da leucemia fulminante. Segue nome, cognome, numero tel. di riferimento.
Il messaggio arrivava da persona che ritengo seria ma, ugualmente, non mi andava di inoltrarlo.
Non c'era nè una data, nè una città, nè alcun'altra informazione per poter inquadrare la provenienza della richiesta, quindi ho pensato di telefonare al numero del papà della bambina.
Avrei messo volentieri a disposizione il blog, per aiutarlo e, ovviamente, avrei inoltrato il suo messaggio dopo averlo verificato personalmente.
Ho scoperto così che si era trattato di uno scherzo che qualche amico coglione aveva fatto a lui, allo scopo di sommergerlo di telefonate. L'amico si commenta da sè. Ma dalla storia si può dedurre che:
E' sempre intelligente verificare prima, giacchè sul web o tramite SMS gira di tutto. Invece di inoltrare passivamente, è più facile (e a volte meno costoso) verificare prima cosa si vuole inoltrare.
La maggior parte dei messaggi che circolano sul web, soprattutto se senza data, per decontestualizzarli, è fasulla, si tratta di catene studiate perchè non si interrompano mai.
Faccio un appello: NON INOLTRATE PIU' QUESTE CATENE. Se vi sembrano vere, prima di inoltrarle fate comunque una verifica.
Le verifiche sono molto più semplici di quanto si pensi. Io, ad esempio, vado a cercare la presunta notizia sul blog di Attivissimo http://attivissimo.blogspot.com/
E' un blog serio e completo, con un ottimo approfondimento su ogni questione.
Infine un'ultima cosa: a Natale e per la befana arrivano quei messaggini tipo labefanaviendinottecomefannolemignotte, e così via con filastrocche che occupano 3 pagine. Adesso una domanda: se un SMS è lungo 3 pagine, inoltrandolo, ognuno di noi inoltra 3 SMS a un indirizzario di (in media) 10 persone, quindi fanno 30 sms con un clic. Ognuno può così capire quanto gli è costato inoltrare la filastrocca della befana. Adesso: chi mi sa dire chi è che ci guadagna? Perchè se rispondete bene a questa domanda, saprete anche chi è l'autore di questi messaggi.


18 gennaio 2008

TRUFFE - il trucco del finto incidente

Tra le mail degne di nota e di massima diffusione ho scelto questa, che mi sembra possa riguardare tutti noi:


Pare che si diventata una cosa frequente . Ricevo e trasmetto :
"Cari amici e colleghi volevo informarvi su un'esperienza avuta e che può essere utile a tutti in futuro.
Ieri pomeriggio (ore 18 circa) sono stato oggetto di un tentativo di furto o rapina mentre ero sul tratto dell'autostrada Roma Fiumicino direzione Roma, altezza Parco Medici.
Io ero sulla corsia di sorpasso, quando ho sentito un colpo che proveniva dalla fiancata destra della mia vettura, come se avessi urtato con il mio specchietto un'altra vettura. Subito dopo ho notato che una macchina (una Lancia Y bianca) mi stava lampeggiando da dietro. A questo punto ho rallentato pensando, non tanto che avessi urtato un'altra vettura, ma che ci fosse per esempio la cintura di sicurezza del passeggero fuori dello sportello o qualche altra cosa che poteva aver provocato quel rumore.
Nel frattempo sono stato raggiunto e superato dalla vettura che mi lampeggiava e gli occupanti mi gesticolavano per farmi capire che ero matto e che mi dovevo fermare. Il conducente di questa vettura ha messo la freccia per fermarsi nella corsia di emergenza (circa 200 metri dallo svincolo per Parco Medici) ed anche io mi stavo per fermare. Però mentre la Y bianca mi stava superando avevo notato che nell'interno c'erano 4 zingari, due uomini e due donne, ed inoltre mi sono ricordato di un'avventura simile vissuta precedentemente da un'altro nostro collega. A questo punto sono rientrato nelle corsie di marcia dell'autostrada e sono arrivato a Roma.
Immediatamente sono andato al Commissariato Eur per sporgere denunzia e il poliziotto mi ha detto che è da tempo che stanno succedendo di queste cose, e che mi era andata bene in quanto, normalmente, il "giochetto dello specchietto" finisce o con il furto dell'auto o con una rapina (soldi e carte di credito) o, in alcuni casi, anche con il sequestro della persona e l'obbligo al prelievo ai sportelli Bancomat e, come non bastasse, con tante percosse...
Purtroppo da quanto ho capito è un tipo di crimine abbastanza ricorrente in tutta Italia e l'unico consiglio che mi è stato dato dalla Polizia è quello di non fermarsi mai in autostrada ma arrivare in un'area di servizio chiamando, nel frattempo, il 113 con il cellulare.
Ho pensato che sia utile che questa mia esperienza fosse portata a conoscenza di tutti gli amici che per motivi sia di lavoro che di vacanze transiteranno sia sulle autostrade (es. Roma Fiumicino) che sul Raccordo Anulare o Tangenziali.

La e-mail prosegue con un altro intervento:

"Confermo tutto: anch'io sono scampato per un pelo ad un moderno
assalto alla diligenza, in autostrada, nel tratto Bergamo - Milano, ore 10 del mattino, l'anno scorso.
Modalità identiche: colpo sulla mia fiancata destra, tipo urto di specchietti in fase di sorpasso, e poi lampeggianti che non ti mollano finchè non accosti.
Mi sono salvato solo perchè dopo aver accostato in piazzola (errore! ma è veramente facile cascarci), ho bloccato le portiere e non sono sceso dall'auto, come venivo insistentemente invitato a fare per "constatare il danno allo specchietto", messo in allarme dall'insistenza del personaggio
che si era avvicinato a piedi al mio finestrino, e dall'aver intravisto una seconda persona, ancora sull' auto assalitrice, ma pronta a intervenire alle mie spalle appena fossi sceso.
Io ero solo, loro erano in due, nessun'altro in giro, se non auto che sfrecciano a pochi metri.... Ho messo in moto e mi sono dato, letteralmente, alla fuga.
Ovviamente lo specchietto non era danneggiato, ma la fiancata era segnata, come da una bastonata data quando, in sorpasso, le auto sono vicine, ma non si toccano.
Stesso commento della polizia stradale: succede MOLTO spesso; non fermatevi, se non in area di servizio presidiata, ma chiamateci al 113 col cellulare!"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. truffa password protezione tutto fa blog

permalink | inviato da ioTocco il 18/1/2008 alle 9:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
ioTocco news & co.
Racconti
biografie
visti & riletti
tutto fa blog
Bar sport
BloggerOTECA

VAI A VEDERE

X CURIOSARE QUA E LA':
Mauro SQUIZ Daviddi
Mauro Daviddi fotografo
INTER F.C.
Attivissimo antibufala
Home Movies Bologna
IMSU
.
I VOSTRI BLOG:
Ale
Concy31
Il Conte
Dilettomanoppello (Stefano)
Disastro
Efesto
Elepuntaallaluna
Gattara
GuyFawkes
Lei... Julia
liberol'anima (blue eyes)
Lu, i 400 colpi
Marte(not-Neon)
Nat
occhiodelciclone
Piero, SvegliaItalia
Saxer
Yogurtina :)



inter aikido alitalia bloggeroteca andrzej andavo a messa la domenica paolo borsellino andreotti allevamento anni 50 politica biografie albania blog alexander langer anniversario alberto cairo mafia animali american tabloid ambiente andré gorz tutto fa blog stato aldo bianzino alanis morissette american underworld thrilogy bologna giovanni falcone america iotocco palermo







le stelle potrebbero essere nientemeno che semi del cielo, e in una notte far nascere fiori, uno, per ogni stella caduta. ma io pensavo, che le stelle fossero solo lacrime degli angeli, ed i girasoli, che crescessero così alti per asciugarle di nascosto, nella notte.

SE LASCI UN COMMENTO, QUESTO BLOG DIVENTA ANCHE UN PO' TUO...


Add to Technorati Favorites

 Chuck Palahniuk,
FIGHT CLUB

Il richiamo ad una generazione X sempre più spaesata e individualista, che trova nel collettivo la perpetuazione della propria solitudine: perchè è meglio essere odiati da Dio che trovarsi al cospetto della Sua indifferenza.

 

 Andrea Camilleri,
LA CACCIA AL TESORO

Migliore degli ultimi Montalbano, meno svogliato, ma non più all'altezza dei primi.

 Davide Enia,
ITALIA - BRASILE 3 A 2 

Libretto gustosissimo, che ripercorre la mitica sfida, descrivendo un quadretto familiare molto riuscito, nei suoi riti e nei suoi tic. Racconto lieve ma mai superficiale, accompagnato da una vena ispirata di ironia, perfino nelle note che ci spiegano le regole calcistiche con puntuale leggerezza. 

 

James Ellroy,
IL SANGUE E' RANDAGIO

Completa la trilogia americana. Più toccante e magico dei primi due, dipinge personaggi inediti e tiene alto il ritmo. Degnissima conclusione di una trilogia esplosiva. 859 pagine che corrono via. Per gli appassionati del genere è un libro imperdibile.

IGORT,
5 è il numero perfetto

Interessante romanzo a fumetti, sul ritorno alla scena e sul riscatto di un vecchio guappo.

Hermann Koch,
LA CENA

Attuale e intrigante racconto sulla "banalità del male", con un punto di vista originale. Scrittura veloce e non sempre efficace, il romanzo merita comunque di essere letto!

 Paolo Sorrentino,
HANNO TUTTI RAGIONE

Da spiaggia!

 Georges Simenon,
LA VERITA SU BEBE' DONGE 
††††

Le anime si scontrano, in questo splendido racconto, in cui ogni personaggio non è casuale, ed ogni azione può essere riletta in sfumature opposte, fino a conclusioni in antitesi tra loro, come quella che porta la sorella di Bèbè, Jeanne, a dire, senza speranza: "A che serve continuare a porsi domande? Facciamo tutto quello che possiamo..."

 

 ERRI DE LUCA,
IL PESO DELLA FARFALLA
††††

Un racconto che mette il lettore alla pari col mondo e lo riporta a una condizione essenziale di uomo. Sorretto da una scrittura un po' ampollosa, ma efficace, scorre lieve e delicato fino all'ultima pagina.

FRANCO ALFONSO,
BARBIERE SI NASCE
††

L'esperienza di vita di un bambino di paese che, in un periodo in cui non era facile sognare, aveva un grande sogno: diventare barbiere a Palermo! Un libro genuino che ha molto da insegnare.

  Letti nel 2009:

SERGIO ROTINO,
UN MODO PER USCIRNE
†††

ANDREA CAMILLERI,
LE INCHIESTE DEL COMMISSARIO COLLURA

 

WILLA CATHER,
IL MIO MORTALE NEMICO

DANILO "MASO" MASOTTI,
IL CODICE BOLOGNA

GIANRICO CAROFIGLIO,
IL PASSATO E' UNA TERRA STRANIERA

ANDREA CAMILLERI,
LE PECORE E IL PASTORE

C. AUGIAS, M. PESCE,
INCHIESTA SU GESU'

JAMES ELLROY,
SEI PEZZI DA MILLE


ANDREA CAMILLERI,
LA DANZA DEL GABBIANO

ANDREA CAMILLERI,
L'ETA' DEL DUBBIO


Letti nel 2008:


JAMES ELLROY,
AMERICAN TABLOID



WU MING 4,
STELLA DEL MATTINO



ORNELA VORPSI,
LA MANO CHE NON MORDI



SANDOR MARAI,
LE BRACI
††


WU MING,
PREVISIONI DEL TEMPO
††

 
Andrea Camilleri,
IL CAMPO DEL VASAIO



Georges Simenon,
LETTERA AL MIO GIUDICE
†††


Andrè Gorz,
LETTERA A D.
†††

Lettura in corso
Fabio Levi,
IN VIAGGIO CON ALEX
††

Ultimo letto
Attilio Bolzoni Giuseppe D'Avanzo,
IL CAPO DEI CAPI
††


Fruttero & Lucentini,
LA DONNA DELLA DOMENICA
††††

La mia opinione:
†      passatempo
††    interessante
†††   
da leggere
††††  imperdibile

 

 
Giuseppe Di Stefano

il grande Tenore e un incontro del 1993


              Io dono... e tu?


      JULIO C
RUZ      




ETNA INNEVATA


TORTA ETNA



Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne la rimozione.











NO CENSURA!

 

 

CERCA