.
Annunci online

iotocco
Niente di personale, Visti & Riletti


Diario


16 luglio 2008

In Italia non esiste la tortura, esiste il "diritto di polizia"

Tortura. Non è una formula impropria o sovrattono. Due anni di processo a Genova hanno documentato - contro i 45 imputati - che cosa è accaduto a Bolzaneto, nella caserma Nino Bixio del reparto mobile della polizia di Stato nei giorni del G8, tra venerdì 20 e domenica 22 luglio 2001, a 55 "fermati" e 252 arrestati. Uomini e donne. Vecchi e giovani. Ragazzi e ragazze. Un minorenne.

Tra venerdì 20 e domenica 22 luglio 2001.


Quella sospensione della democrazia in Italia resterà non giudicata. Chi ha commesso il fatto è stato "solo" l'ispettore Antonio Gugliotta, condannato a cinque anni di reclusione.

A lui, e a pochi altri (24 su 45) viene addebitata intera la responsabilità per quei fatti. Nessuno sconterà la pena.

Vediamo cosa furono, questi fatti.

Un colore diverso per ogni tortura, colori pastello, perchè la stonatura col testo risulti EVIDENTE. PERCHE' C'E' QUALCOSA DI PROFONDAMENTE STONATO, IN QUELLO CHE SI LEGGE:

C'è chi viene picchiato con stracci bagnati
Chi sui genitali con un salame, mentre steso sulla schiena è costretto a tenere le gambe aperte e in alto
C'è chi subisce lo spruzzo del gas urticante-asfissiante
Chi patisce lo spappolamento della milza

D. arriva nello stanzone con una frattura al piede. Non riesce a stare nella "posizione della ballerina". Lo picchiano con manganello. Gli fratturano le costole. Sviene. Quando ritorna in sé e si lamenta, lo minacciano "di rompergli anche l'altro piede". Poi, gli innaffiano il viso con gas urticante mentre gli gridano. "Comunista di merda".

C'è chi ricorda un ragazzo poliomielitico che implora gli aguzzini di "non picchiarlo sulla gamba buona".

S. P. viene condotto in un'altra stanza, deserta. Lo costringono a denudarsi. Lo mettono in posizione fetale e, da questa posizione, lo obbligano a fare una trentina di salti mentre due agenti della polizia penitenziaria lo schiaffeggiano.

J. S., lo ustionano con un accendino.

Le donne sono costrette a restare a lungo nude dinanzi a cinque, sei agenti della polizia penitenziaria. Dinanzi a loro, sghignazzanti, si svolgono tutte le operazioni. Umilianti.

Una ragazza è stata costretta a rimuovere il suo piercing vaginale con le mestruazioni dinanzi a quattro, cinque persone

A L. K. hanno spruzzato sul viso del gas urticante. Vomita sangue. Sviene. Rinviene sul lettino con la maschera ad ossigeno. Stanno preparando un'iniezione. Chiede: "Che cos'è?". Il medico risponde: "Non ti fidi di me? E allora vai a morire in cella!".

G. A. si stava facendo medicare al San Martino le ferite riportate in via Tolemaide quando lo trasferiscono a Bolzaneto. All'arrivo, lo picchiano contro un muretto. Gli agenti sono adrenalinici. Dicono che c'è un carabiniere morto. Un poliziotto gli prende allora la mano. Ne divarica le dita con due mani. Tira. Tira dai due lati. Gli spacca la mano in due "fino all'osso". G. A. sviene. Rinviene in infermeria. Un medico gli ricuce la mano senza anestesia. G. A. ha molto dolore. Chiede "qualcosa". Gli danno uno straccio da mordere. Il medico gli dice di non urlare.


Si potrà parlare a lungo delle ragioni e dei torti, di come si svolsero i fatti in quel tragico appuntamento di Genova. Se ne potrà parlare a lungo, sì. Ma con una macchia: giustizia non è stata fatta. La sentenza dimostra che ci fu chi, dietro una divisa dello Stato italiano, torturò persone fermate o arrestate e quindi sotto tutela dello Stato.

Ma la sentenza stessa adduce ad un solo sottoufficiale la responsabilità di tutto questo.

Esiste dunque un diritto di polizia, al quale ci affideremo se verremo fermati, cercando il poliziotto buono, quello che deciderà di concederci i nostri diritti, perchè il diritto dello Stato, dentro una caserma, non ci tutelerà.

Tutto ciò mi riporta alla vicenda di Aldo Bianzino, e di tutti coloro che, entrati nelle carceri o nei commissariati dello Stato, si sono trovati in assenza di uno stato di diritto e si sono visti condannati senza giudizio. Alcuni, lasciandoci la vita.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. g8 di genova lager bolzaneto Aldo Bianzino

permalink | inviato da ioTocco il 16/7/2008 alle 18:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


18 marzo 2008

Aldo Bianzino, ucciso in carcere (un video, una lettera)

La storia è sempre quella di Aldo Bianzino, ne avevo parlato già in post precedenti.

Più sento parlare di questa storia, più si fa forte la rabbia per la profonda illogicità dei fatti.

I fatti sono questi:
Aldo Bianzino era un artigiano umbro, viveva con la moglie e un figlio di 14 anni in campagna. E' stato arrestato insieme alla moglie per coltivazione di cannabis, diverse piantine di maria rinvenute nel suo campo alle spalle dell'abitazione. All'arrivo dei carabinieri Aldo Bianzino ha tentato di scagionare la moglie, dicendo che erano per il suo uso personale. Questo il reato: detenzione di piante di cannabis. I due sono stati portati in cella. Poco dopo la moglie è stata chiamata d'urgenza e interrogata. Le è stato chiesto di cosa soffrisse Aldo Bianzino, perchè era stato trovato in cella in gravi condizioni. La moglie non ha saputo rispondere, Aldo Bianzino era in perfetta salute prima di entrare in carcere a Capanne. Riportata in gabbia, è stata nuovamente chiamata d'urgenza e, stavolta, scarcerata. Posso vedere mio marito, ha chiesto. Lo vedrà dopo l'autopsia, le è stato risposto.
I fatti sono così crudeli, così poco giustificabili da lasciare senza parole. L'incredibile è anche che non vi siano ancora le risposte alle ovvie domande che tutti ci poniamo. Aldo Bianzino aveva delle ferite che lo stesso medico legale ha definito come inferte per uccidere. Morire in carcere, senza un motivo, ovvero con motivo ancora da accertare, con uno Stato incapace di proteggerti anche sotto la Sua diretta custodia, nelle Sue carceri.

C'è un video a cura dello staff di Beppe Grillo. L'ho visto tutto, dura circa 7 minuti ma è impossibile staccarsene prima. Parla la compagna di Aldo Bianzino. Questa donna, per tutta l'intervista, NON VERSA UNA LACRIMA, alla faccia dei Verissimo di casa nostra. Questa donna racconta ciò che è accaduto, e basta. Ma occorre vederlo, questo video, per rendersi conto.
Va visto, tutto. Ecco il link:
http://it.youtube.com/watch?v=-N3cNZCBDr4


Il video termina con una domanda, che la donna, Roberta Radici, pone al giudice: cosa dovrò raccontare a mio figlio, che ha perso suo padre a 14 anni.
Così si può morire, dunque, nelle prigioni di Stato?
Morire perchè, nell'anno del Signore 2007, sei stato arrestato e portato in carcere perchè tenevi qualche pianta di maria a casa tua, in campagna.
Morire così, quando, cazzo! intorno non c'è giustizia nè sicurezza, nè senso dello Stato, nè solidarietà, qualcuno, per favore, ci spieghi il perchè e il percome è morto Aldo Bianzino.

Aldo Bianzino morto in carcere - lettera del padre

Segnalo questo link
http://www.ciardullidomenico.it/BIBLIOTECA/bianzino_padre_interroga.htm


La lettera è dura nei contenuti, ma è la lettera di un padre a cui hanno arrestato un figlio per possesso di marijuana e glielo hanno restituito morto. Ucciso, mi permetto di dire.
Occorre fare chiarezza, per i suoi congiunti, ma anche per tutti noi che restiamo scossi, profondamente scossi da questa tragedia senza spiegazioni.

FARE LUCE!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Aldo Bianzino iotocco

permalink | inviato da ioTocco il 18/3/2008 alle 18:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


17 marzo 2008

Le violenze impunite del lager Bolzaneto

Oggi, su Repubblica, a firma D'Avanzo, c'è un lungo dossier sulle violenze al carcere di Bolzaneto.

http://www.repubblica.it/2007/11/sezioni/cronaca/g8-genova-2/notte-democrazia/notte-democrazia.html


Tortura. Non è una formula impropria o sovrattono. Due anni di processo a Genova hanno documentato - contro i 45 imputati - che cosa è accaduto a Bolzaneto, nella caserma Nino Bixio del reparto mobile della polizia di Stato nei giorni del G8, tra venerdì 20 e domenica 22 luglio 2001, a 55 "fermati" e 252 arrestati. Uomini e donne. Vecchi e giovani. Ragazzi e ragazze. Un minorenne.

Tra venerdì 20 e domenica 22 luglio 2001.


Il dibattito su quella sospensione della democrazia in Italia, che come ormai sappiamo resterà impunita, può risultare ormai anacronistico. Ma c'è gente, come me, che non ha alcuna voglia di dimenticare.
Invito tutti a leggere l'articolo in questione, dunque.


Si potrà parlare a lungo delle ragioni e dei torti, di come si svolsero i fatti in quel tragico appuntamento di Genova. Se ne potrà parlare a lungo, sì. Ma con una macchia: giustizia non sarà fatta. Non nei confronti di chi, dietro una divisa dello Stato italiano, torturò persone fermate o arrestate e quindi sotto tutela dello Stato.

Un colore diverso per ogni tortura, colori pastello, perchè la stonatura col testo risulti EVIDENTE. PERCHE' C'E' QUALCOSA DI PROFONDAMENTE STONATO, IN QUELLO CHE SI LEGGE:

C'è chi viene picchiato con stracci bagnati
Chi sui genitali con un salame, mentre steso sulla schiena è costretto a tenere le gambe aperte e in alto
C'è chi subisce lo spruzzo del gas urticante-asfissiante
Chi patisce lo spappolamento della milza

D. arriva nello stanzone con una frattura al piede. Non riesce a stare nella "posizione della ballerina". Lo picchiano con manganello. Gli fratturano le costole. Sviene. Quando ritorna in sé e si lamenta, lo minacciano "di rompergli anche l'altro piede". Poi, gli innaffiano il viso con gas urticante mentre gli gridano. "Comunista di merda".

C'è chi ricorda un ragazzo poliomielitico che implora gli aguzzini di "non picchiarlo sulla gamba buona".

S. P. viene condotto in un'altra stanza, deserta. Lo costringono a denudarsi. Lo mettono in posizione fetale e, da questa posizione, lo obbligano a fare una trentina di salti mentre due agenti della polizia penitenziaria lo schiaffeggiano.

J. S., lo ustionano con un accendino.

Le donne sono costrette a restare a lungo nude dinanzi a cinque, sei agenti della polizia penitenziaria. Dinanzi a loro, sghignazzanti, si svolgono tutte le operazioni. Umilianti.

Una ragazza è stata costretta a rimuovere il suo piercing vaginale con le mestruazioni dinanzi a quattro, cinque persone

A L. K. hanno spruzzato sul viso del gas urticante. Vomita sangue. Sviene. Rinviene sul lettino con la maschera ad ossigeno. Stanno preparando un'iniezione. Chiede: "Che cos'è?". Il medico risponde: "Non ti fidi di me? E allora vai a morire in cella!".

G. A. si stava facendo medicare al San Martino le ferite riportate in via Tolemaide quando lo trasferiscono a Bolzaneto. All'arrivo, lo picchiano contro un muretto. Gli agenti sono adrenalinici. Dicono che c'è un carabiniere morto. Un poliziotto gli prende allora la mano. Ne divarica le dita con due mani. Tira. Tira dai due lati. Gli spacca la mano in due "fino all'osso". G. A. sviene. Rinviene in infermeria. Un medico gli ricuce la mano senza anestesia. G. A. ha molto dolore. Chiede "qualcosa". Gli danno uno straccio da mordere. Il medico gli dice di non urlare.


Tutto ciò mi riporta alla vicenda di Aldo Bianzino, e di tutti coloro che, entrati nelle carceri o nei commissariati dello Stato, si sono trovati in assenza di uno stato di diritto e si sono visti condannati senza giudizio. Alcuni, lasciandoci la vita.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. g8 di genova lager bolzaneto Aldo Bianzino

permalink | inviato da ioTocco il 17/3/2008 alle 11:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa


11 gennaio 2008

Aldo Bianzino, ucciso in carcere (video)

La storia è quella di Aldo Bianzino.
Più sento parlare di questa storia, più si fa forte la rabbia per la profonda illogicità dei fatti.
I fatti sono questi:
Aldo Bianzino era un artigiano umbro, viveva con la moglie e un figlio di 14 anni in campagna. E' stato arrestato insieme alla moglie per coltivazione di cannabis, diverse piantine di maria rinvenute nel suo campo alle spalle dell'abitazione. All'arrivo dei carabinieri Aldo Bianzino ha tentato di scagionare la moglie, dicendo che erano per il suo uso personale. Questo il reato: detenzione di piante di cannabis. I due sono stati portati in cella. Poco dopo la moglie è stata chiamata d'urgenza e interrogata. Le è stato chiesto di cosa soffrisse Aldo Bianzino, perchè era stato trovato in cella in gravi condizioni. La moglie non ha saputo rispondere, Aldo Bianzino era in perfetta salute prima di entrare in carcere a Capanne. Riportata in gabbia, è stata nuovamente chiamata d'urgenza e, stavolta, scarcerata. Posso vedere mio marito, ha chiesto. Lo vedrà dopo l'autopsia, le è stato risposto.
I fatti sono così crudeli, così poco giustificabili da lasciare senza parole. L'incredibile è anche che non vi siano ancora le risposte alle ovvie domande che tutti ci poniamo. Aldo Bianzino aveva delle ferite che lo stesso medico legale ha definito come inferte per uccidere. Morire in carcere, senza un motivo, ovvero con motivo ancora da accertare, con uno Stato incapace di proteggerti anche sotto la Sua diretta custodia, nelle Sue carceri.
C'è un video a cura dello staff di Beppe Grillo. L'ho visto tutto, dura circa 7 minuti ma è impossibile staccarsene prima. Parla la compagna di Aldo Bianzino. Questa donna, per tutta l'intervista, NON VERSA UNA LACRIMA, alla faccia dei Verissimo e delle vite in diretta di casa nostra. Questa donna racconta ciò che è accaduto, e basta. Ma occorre vederlo, questo video, per rendersi conto.
Va visto, tutto. Ecco il link:
http://it.youtube.com/watch?v=-N3cNZCBDr4

Il video termina con una domanda, che la donna, Roberta Radici, pone al giudice: cosa dovrò raccontare a mio figlio, che ha perso suo padre a 14 anni.
Così si può morire, dunque, nelle prigioni di Stato?
Morire perchè, nell'anno del Signore 2007, sei stato arrestato e portato in carcere perchè tenevi qualche pianta di maria a casa tua, in campagna.
Morire così, quando, cazzo! intorno non c'è giustizia nè sicurezza, nè senso dello Stato, nè solidarietà, qualcuno, per favore, ci spieghi il perchè e il percome è morto Aldo Bianzino.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Aldo Bianzino

permalink | inviato da ioTocco il 11/1/2008 alle 10:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     giugno        agosto
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
ioTocco news & co.
Racconti
biografie
visti & riletti
tutto fa blog
Bar sport
BloggerOTECA

VAI A VEDERE

X CURIOSARE QUA E LA':
Mauro SQUIZ Daviddi
Mauro Daviddi fotografo
INTER F.C.
Attivissimo antibufala
Home Movies Bologna
IMSU
.
I VOSTRI BLOG:
Ale
Concy31
Il Conte
Dilettomanoppello (Stefano)
Disastro
Efesto
Elepuntaallaluna
Gattara
GuyFawkes
Lei... Julia
liberol'anima (blue eyes)
Lu, i 400 colpi
Marte(not-Neon)
Nat
occhiodelciclone
Piero, SvegliaItalia
Saxer
Yogurtina :)



tutto fa blog mafia animali bloggeroteca bologna alexander langer andavo a messa la domenica inter america anni 50 ambiente paolo borsellino alitalia alberto cairo albania andré gorz blog andreotti stato aldo bianzino allevamento alanis morissette american underworld thrilogy palermo anniversario andrzej american tabloid giovanni falcone iotocco politica biografie aikido







le stelle potrebbero essere nientemeno che semi del cielo, e in una notte far nascere fiori, uno, per ogni stella caduta. ma io pensavo, che le stelle fossero solo lacrime degli angeli, ed i girasoli, che crescessero così alti per asciugarle di nascosto, nella notte.

SE LASCI UN COMMENTO, QUESTO BLOG DIVENTA ANCHE UN PO' TUO...


Add to Technorati Favorites

 Chuck Palahniuk,
FIGHT CLUB

Il richiamo ad una generazione X sempre più spaesata e individualista, che trova nel collettivo la perpetuazione della propria solitudine: perchè è meglio essere odiati da Dio che trovarsi al cospetto della Sua indifferenza.

 

 Andrea Camilleri,
LA CACCIA AL TESORO

Migliore degli ultimi Montalbano, meno svogliato, ma non più all'altezza dei primi.

 Davide Enia,
ITALIA - BRASILE 3 A 2 

Libretto gustosissimo, che ripercorre la mitica sfida, descrivendo un quadretto familiare molto riuscito, nei suoi riti e nei suoi tic. Racconto lieve ma mai superficiale, accompagnato da una vena ispirata di ironia, perfino nelle note che ci spiegano le regole calcistiche con puntuale leggerezza. 

 

James Ellroy,
IL SANGUE E' RANDAGIO

Completa la trilogia americana. Più toccante e magico dei primi due, dipinge personaggi inediti e tiene alto il ritmo. Degnissima conclusione di una trilogia esplosiva. 859 pagine che corrono via. Per gli appassionati del genere è un libro imperdibile.

IGORT,
5 è il numero perfetto

Interessante romanzo a fumetti, sul ritorno alla scena e sul riscatto di un vecchio guappo.

Hermann Koch,
LA CENA

Attuale e intrigante racconto sulla "banalità del male", con un punto di vista originale. Scrittura veloce e non sempre efficace, il romanzo merita comunque di essere letto!

 Paolo Sorrentino,
HANNO TUTTI RAGIONE

Da spiaggia!

 Georges Simenon,
LA VERITA SU BEBE' DONGE 
††††

Le anime si scontrano, in questo splendido racconto, in cui ogni personaggio non è casuale, ed ogni azione può essere riletta in sfumature opposte, fino a conclusioni in antitesi tra loro, come quella che porta la sorella di Bèbè, Jeanne, a dire, senza speranza: "A che serve continuare a porsi domande? Facciamo tutto quello che possiamo..."

 

 ERRI DE LUCA,
IL PESO DELLA FARFALLA
††††

Un racconto che mette il lettore alla pari col mondo e lo riporta a una condizione essenziale di uomo. Sorretto da una scrittura un po' ampollosa, ma efficace, scorre lieve e delicato fino all'ultima pagina.

FRANCO ALFONSO,
BARBIERE SI NASCE
††

L'esperienza di vita di un bambino di paese che, in un periodo in cui non era facile sognare, aveva un grande sogno: diventare barbiere a Palermo! Un libro genuino che ha molto da insegnare.

  Letti nel 2009:

SERGIO ROTINO,
UN MODO PER USCIRNE
†††

ANDREA CAMILLERI,
LE INCHIESTE DEL COMMISSARIO COLLURA

 

WILLA CATHER,
IL MIO MORTALE NEMICO

DANILO "MASO" MASOTTI,
IL CODICE BOLOGNA

GIANRICO CAROFIGLIO,
IL PASSATO E' UNA TERRA STRANIERA

ANDREA CAMILLERI,
LE PECORE E IL PASTORE

C. AUGIAS, M. PESCE,
INCHIESTA SU GESU'

JAMES ELLROY,
SEI PEZZI DA MILLE


ANDREA CAMILLERI,
LA DANZA DEL GABBIANO

ANDREA CAMILLERI,
L'ETA' DEL DUBBIO


Letti nel 2008:


JAMES ELLROY,
AMERICAN TABLOID



WU MING 4,
STELLA DEL MATTINO



ORNELA VORPSI,
LA MANO CHE NON MORDI



SANDOR MARAI,
LE BRACI
††


WU MING,
PREVISIONI DEL TEMPO
††

 
Andrea Camilleri,
IL CAMPO DEL VASAIO



Georges Simenon,
LETTERA AL MIO GIUDICE
†††


Andrè Gorz,
LETTERA A D.
†††

Lettura in corso
Fabio Levi,
IN VIAGGIO CON ALEX
††

Ultimo letto
Attilio Bolzoni Giuseppe D'Avanzo,
IL CAPO DEI CAPI
††


Fruttero & Lucentini,
LA DONNA DELLA DOMENICA
††††

La mia opinione:
†      passatempo
††    interessante
†††   
da leggere
††††  imperdibile

 

 
Giuseppe Di Stefano

il grande Tenore e un incontro del 1993


              Io dono... e tu?


      JULIO C
RUZ      




ETNA INNEVATA


TORTA ETNA



Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne la rimozione.











NO CENSURA!

 

 

CERCA