.
Annunci online

iotocco
Niente di personale, Visti & Riletti


Diario


15 marzo 2008

A un mese dalle elezioni, un ricordo di Alexander Langer

Consigli su una lettura istruttiva per ogni coscienza civile che si appresta ad eleggere o ad essere eletta



Pubblicato su Romareporter:
http://www.romareporter.it/index.php?sez=articolotuttogue&id=8112

 

A un mese dalle nuove elezioni, devo ancora una volta cercare dentro di me le motivazioni profonde che mi spingano a recarmi a votare. Non è disamore per la politica, piuttosto un sentimento di disgusto per i nostri politici, che si contenderanno ancora l’Italia a suon di promesse vuote e slogan riciclati.

Ho bisogno, dicevo, di ritrovare le ragioni che mi avevano portato ad amare la politica e a riconoscerla come via primaria per il progresso, per il cambiamento e lo sviluppo.

Mi ha soccorso, in questo percorso, un libro, trovato per caso negli scaffali di una nota libreria. Il titolo del libro è: In viaggio con Alex, la vita e gli incontri di Alexander Langer (1946 - 1995) scritto da Fabio Levi ed edito da Feltrinelli.

 

E’ un bel libro, sentito; l’autore ha raccolto decine di testimonianze, documenti, scritti, ed ha percorso tutta l’esistenza di Langer, il suo pensiero, le ragioni umane e politiche, non sempre scindibili, del personaggio. Nella parte centrale, forse, il libro eccede per puntiglio nella ricostruzione del lavoro politico e intellettuale e la lettura si fa un po’ ostica, rallentando la capacità di attenzione.

Ma è una difficoltà che il lettore riesce a superare agevolmente, se solo si lascia affascinare dalla figura di Alex Langer.


Langer è stato, ancor prima che un politico, un uomo di grande coerenza, un mediatore naturale abituato  a muoversi nel conflitto. E’ stato un politico militante, che, come scriveva lui stesso, ha “attraversato le esperienze del pacifismo, della sinistra cristiana, del ’68 (già da grande), dell’estremismo degli anni ’70, del sindacato, della solidarietà con il Cile e con l’America Latina, col Portogallo, con la Palestina, della nuova sinistra, del localismo, del terzomondismo e dell’ecologia”.

Langer lottava con passione per la pace tra i popoli, per l’integrazione tra Nord e Sud del mondo, portando slancio e idee, iniziative concrete e solidarietà. Era caparbio, ma mai ostile; anzi: aveva come dote una grande, quasi unica, capacità di ascolto e di contatto. Era un tessitore di relazioni.

Ma quello che colpisce di più è il suo profondo crederci, la sua buona fede nella politica, che lo ha spinto a consumarsene, a sentire su di sé il peso di responsabilità troppo grandi.

Il suo cruccio, negli anni che hanno preceduto l’atto finale e tragico del suicidio, era quello di non avere fatto abbastanza, di non avere portato a termine le sue missioni.

E’ impossibile, leggendo la storia di quest’uomo esile, miope, fragile eppure tenace, non rivolgere poi lo sguardo alla pochezza dei tanti, troppi protagonisti della scena politica attuale. E’ impossibile, pensando a come Langer e altri uomini come lui hanno inteso il loro mandato politico davvero per il bene dei popoli, non provare disgusto pensando all’affarismo bieco di chi ci ha governato e si prepara a governarci ancora.

Ai nostri politici, che preparano le loro liste candidando gente a caso, solo per poter acchiappare qualche voto in più, consiglio vivamente la lettura di questo libro, istruttivo per ogni coscienza civile che si appresta ad eleggere o ad essere eletta.

 

Per chi non sapesse chi è Alexander Langer, traggo brevi note biografiche da Wikipedia:

http://it.wikipedia.org/wiki/Alexander_Langer

 

Alexander Langer, nato a Vipiteno nel 1946 e con profonde radici nel Sud Tirolo, e morto a Firenze nel 1995, è stato un politico ed un giornalista, tra i fondatori del partito dei Verdi italiani e promotore di numerosissime iniziative per la pace, la convivenza, i diritti umani e l’ambiente. Inoltre è stato anche l'ultimo direttore del quotidiano Lotta Continua.

Tra le tematiche al centro della sua attenzione intellettuale e del suo agire politico erano la situazione nell'Alto-Adige ed in particolare il rapporto tra le diverse comunità linguistiche; le problematiche internazionali, il rapporto tra Nord e Sud del mondo, la situazione dei paesi dell'Europa dell'Est e i problemi di convivenza nelle aree di crisi; gli interrogativi sul senso e la dinamica dell'unificazione europea.

Altrettanto fondamentale ed innovativo fu il contributo dato alle tematiche ambientali e al suo movimento, fu tra i fondatori negli anni ottanta del movimento politico dei Verdi in Italia ed in Europa. Viene eletto al Parlamento Europeo per la prima volta nel 1989 divenendo il primo presidente del gruppo parlamentare dei Verdi. Viene rieletto nel 1994.

Langer ha dedicato negli ultimi anni della sua vita un particolare impegno alle ragioni della pace nei territori dell'ex-Jugoslavia segnati da violente guerre civili, in particolare nella Bosnia-Erzegovina, dove in alcuni suoi scritti indicò la necessità dell'intervento della comunità internazionale tramite una forza dell'ONU per far cessare il conflitto.

Il 3 luglio del 1995 si tolse la vita nella campagna toscana, nei pressi di Firenze; ai familiari e agli amici lasciò un breve biglietto che recitava: "Non siate tristi, continuate in ciò che era giusto.". Riposa nel piccolo cimitero di Telves (BZ), accanto ai suoi genitori.

sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
ioTocco news & co.
Racconti
biografie
visti & riletti
tutto fa blog
Bar sport
BloggerOTECA

VAI A VEDERE

X CURIOSARE QUA E LA':
Mauro SQUIZ Daviddi
Mauro Daviddi fotografo
INTER F.C.
Attivissimo antibufala
Home Movies Bologna
IMSU
.
I VOSTRI BLOG:
Ale
Concy31
Il Conte
Dilettomanoppello (Stefano)
Disastro
Efesto
Elepuntaallaluna
Gattara
GuyFawkes
Lei... Julia
liberol'anima (blue eyes)
Lu, i 400 colpi
Marte(not-Neon)
Nat
occhiodelciclone
Piero, SvegliaItalia
Saxer
Yogurtina :)



iotocco bologna andreotti mafia paolo borsellino aldo bianzino animali alitalia alexander langer american tabloid bloggeroteca andré gorz america palermo biografie politica tutto fa blog inter aikido andavo a messa la domenica blog ambiente alberto cairo allevamento albania anniversario stato american underworld thrilogy giovanni falcone andrzej anni 50 alanis morissette







le stelle potrebbero essere nientemeno che semi del cielo, e in una notte far nascere fiori, uno, per ogni stella caduta. ma io pensavo, che le stelle fossero solo lacrime degli angeli, ed i girasoli, che crescessero così alti per asciugarle di nascosto, nella notte.

SE LASCI UN COMMENTO, QUESTO BLOG DIVENTA ANCHE UN PO' TUO...


Add to Technorati Favorites

 Chuck Palahniuk,
FIGHT CLUB

Il richiamo ad una generazione X sempre più spaesata e individualista, che trova nel collettivo la perpetuazione della propria solitudine: perchè è meglio essere odiati da Dio che trovarsi al cospetto della Sua indifferenza.

 

 Andrea Camilleri,
LA CACCIA AL TESORO

Migliore degli ultimi Montalbano, meno svogliato, ma non più all'altezza dei primi.

 Davide Enia,
ITALIA - BRASILE 3 A 2 

Libretto gustosissimo, che ripercorre la mitica sfida, descrivendo un quadretto familiare molto riuscito, nei suoi riti e nei suoi tic. Racconto lieve ma mai superficiale, accompagnato da una vena ispirata di ironia, perfino nelle note che ci spiegano le regole calcistiche con puntuale leggerezza. 

 

James Ellroy,
IL SANGUE E' RANDAGIO

Completa la trilogia americana. Più toccante e magico dei primi due, dipinge personaggi inediti e tiene alto il ritmo. Degnissima conclusione di una trilogia esplosiva. 859 pagine che corrono via. Per gli appassionati del genere è un libro imperdibile.

IGORT,
5 è il numero perfetto

Interessante romanzo a fumetti, sul ritorno alla scena e sul riscatto di un vecchio guappo.

Hermann Koch,
LA CENA

Attuale e intrigante racconto sulla "banalità del male", con un punto di vista originale. Scrittura veloce e non sempre efficace, il romanzo merita comunque di essere letto!

 Paolo Sorrentino,
HANNO TUTTI RAGIONE

Da spiaggia!

 Georges Simenon,
LA VERITA SU BEBE' DONGE 
††††

Le anime si scontrano, in questo splendido racconto, in cui ogni personaggio non è casuale, ed ogni azione può essere riletta in sfumature opposte, fino a conclusioni in antitesi tra loro, come quella che porta la sorella di Bèbè, Jeanne, a dire, senza speranza: "A che serve continuare a porsi domande? Facciamo tutto quello che possiamo..."

 

 ERRI DE LUCA,
IL PESO DELLA FARFALLA
††††

Un racconto che mette il lettore alla pari col mondo e lo riporta a una condizione essenziale di uomo. Sorretto da una scrittura un po' ampollosa, ma efficace, scorre lieve e delicato fino all'ultima pagina.

FRANCO ALFONSO,
BARBIERE SI NASCE
††

L'esperienza di vita di un bambino di paese che, in un periodo in cui non era facile sognare, aveva un grande sogno: diventare barbiere a Palermo! Un libro genuino che ha molto da insegnare.

  Letti nel 2009:

SERGIO ROTINO,
UN MODO PER USCIRNE
†††

ANDREA CAMILLERI,
LE INCHIESTE DEL COMMISSARIO COLLURA

 

WILLA CATHER,
IL MIO MORTALE NEMICO

DANILO "MASO" MASOTTI,
IL CODICE BOLOGNA

GIANRICO CAROFIGLIO,
IL PASSATO E' UNA TERRA STRANIERA

ANDREA CAMILLERI,
LE PECORE E IL PASTORE

C. AUGIAS, M. PESCE,
INCHIESTA SU GESU'

JAMES ELLROY,
SEI PEZZI DA MILLE


ANDREA CAMILLERI,
LA DANZA DEL GABBIANO

ANDREA CAMILLERI,
L'ETA' DEL DUBBIO


Letti nel 2008:


JAMES ELLROY,
AMERICAN TABLOID



WU MING 4,
STELLA DEL MATTINO



ORNELA VORPSI,
LA MANO CHE NON MORDI



SANDOR MARAI,
LE BRACI
††


WU MING,
PREVISIONI DEL TEMPO
††

 
Andrea Camilleri,
IL CAMPO DEL VASAIO



Georges Simenon,
LETTERA AL MIO GIUDICE
†††


Andrè Gorz,
LETTERA A D.
†††

Lettura in corso
Fabio Levi,
IN VIAGGIO CON ALEX
††

Ultimo letto
Attilio Bolzoni Giuseppe D'Avanzo,
IL CAPO DEI CAPI
††


Fruttero & Lucentini,
LA DONNA DELLA DOMENICA
††††

La mia opinione:
†      passatempo
††    interessante
†††   
da leggere
††††  imperdibile

 

 
Giuseppe Di Stefano

il grande Tenore e un incontro del 1993


              Io dono... e tu?


      JULIO C
RUZ      




ETNA INNEVATA


TORTA ETNA



Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne la rimozione.











NO CENSURA!

 

 

CERCA