.
Annunci online

iotocco
Niente di personale, Visti & Riletti


Diario


10 settembre 2010

Impiccioni (se la cercavano) - il Buongiorno di Massimo Gramellini su La Stampa

Emilio Alessandrini, magistrato. Giorgio Ambrosoli, avvocato. Vittorio Bachelet, magistrato. Marco Biagi, professore. Paolo Borsellino, magistrato. Bruno Caccia, magistrato. Luigi Calabresi, poliziotto. Rocco Chinnici, magistrato. Carlo Casalegno, giornalista. Nini Cassarà, poliziotto. Francesco Coco, magistrato. Fulvio Croce, avvocato. Carlo Alberto Dalla Chiesa, generale. Massimo D’Antona, professore. Mauro De Mauro, giornalista. Giuseppe Diana, sacerdote. Giovanni Falcone, magistrato. Francesco Fortugno, medico e politico. Boris Giuliano, poliziotto. Peppino Impastato, conduttore radiofonico. Pio La Torre, politico. Rosario Livatino, magistrato. Oreste Leonardi e con lui tutti gli agenti di scorta caduti sul lavoro. Giorgiana Masi, studentessa. Piersanti Mattarella, politico. Aldo Moro, politico. Francesca Morvillo, magistrato. Emanuele Notarbartolo, banchiere. Vittorio Occorsio, magistrato. Giuseppe «Joe» Petrosino, poliziotto. Pino Puglisi, sacerdote. Guido Rossa, sindacalista. Roberto Ruffilli, professore. Giancarlo Siani, giornalista. Antonino Scopelliti, magistrato. Giovanni Spampinato, giornalista. Ezio Tarantelli, professore. Walter Tobagi, giornalista. Angelo Vassallo, sindaco. E tanti, tanti altri.

Grazie, perché ve la siete andata a cercare. («Senatore Andreotti, come mai Ambrosoli, l’avvocato che indagava sugli illeciti di Sindona, fu ucciso da un killer nel 1979?». «Non voglio sostituirmi a polizia e giudici, certo è una persona che in termini romaneschi se l’andava cercando». Da La storia siamo noi, in onda ieri su Raitre).


7 aprile 2009

Sei pezzi da mille



Nel commentare American Tabloid dicevo: quando la scrittura mette la quarta.
In questo secondo episodio è questo aspetto che crea qualche inconveniente: la scrittura è TROPPO veloce e i fatti da narrare, i personaggi, gli intrighi, le macchinazioni sono, davvero, talmente difficili da seguire che il racconto ad un certo punto cede.
O forse, chissà, subentra la stanchezza del lettore.
C'è un altro aspetto che riguarda la scrittura: è molto caratterizzata, Ellroy utilizza i trucchi del mestiere ed il suo linguaggio è francamente geniale in alcuni passi. Poi diventa ripetitivo, ostico, e finisce per scorrere troppo in superficie.
Detto questo, i personaggi sono sempre iperaffascinanti, le figure femminili meglio delineate e più pungenti rispetto ad A.T.
Però: la mancanza che il lettore prova per Kemper B. non è colmata dalla new entry Wayne Tedrow Jr. e, infine, non si capisce che fine abbiano fatto rispettivamente la figlia di Ward Littel e la figlia di Kemper Boyd. Ma forse le reincontreremo nel terzo episodio, quando uscirà! Io ci spero...




Sei Pezzi da Mille è un romanzo di James Ellroy, il secondo della cosiddetta trilogia americana. In esso Ellroy ricostruisce le trame e le macchinazioni che sarebbero l'origine di avvenimenti chiave della storia americana miscelando fonti storiche e invenzioni letterarie.

La vicenda inizia il 22 novembre 1963 (assassinio di John Fitzgerald Kennedy a Dallas) e termina il 9 giugno 1968, passando per l'assassinio di Martin Luther King, l'escalation militare in Vietnam, le follie del miliardario Howard Hughes, il Ku Klux Klan, gli esuli cubani anticastristi, la Mafia. Così come nel precedente American Tabloid, la narrazione in Sei pezzi da mille si sviluppa seguendo alternativamente il punto di vista dei personaggi principali (Ward Littel, Pete Bondurant, Wayne Tedrow Jr.) e le comunicazioni secretate tra J. Edgar Hoover e vari agenti e collaboratori dell'FBI. Lo stile di scrittura è frenetico, fatto di periodi brevi ed incalzanti.

Il risultato finale è un angosciante affresco degli Stati Uniti, dipinti come una nazione fortemente influenzata dalle lotte e dalle macchinazioni di differenti gruppi di potere che ricorrono ad ogni mezzo alla loro portata per espandere la propria area di influenza.




20 dicembre 2008

American Tabloid, quando la scrittura mette la quarta



Questo libro è una bomba!
Quando la scrittura si fa velocità pura, e ti impone di procedere con lei, senza tregua.

Apri la prima pagina, leggi il primo capitolo, il secondo, il terzo... e ci sei dentro. Non riesci a staccartene. Il ritmo è incalzante, grazie a periodi di tre parole o poco più, ed all'uso di frequenti "rapporti" che si alternano al racconto.
Così incalzante da non potersi soffermare che per due righe neanche sull'omicidio più sorprendente (per il lettore).

La storia è mischiata con la fantasia, ma mai fantasia è stata più autorevole.

E' un libro che interesserà più i lettori votati alla politica e all'analisi storica dei fatti, ai tratti di fantapolitica (quanto FANTA?), magari con un gusto pulp: il racconto è forte e non risparmia nulla. Per dirla con l'autore, American Tabloid è un grande dito nel culo degli Stati Uniti d'America!

La storia dei Kennedy e di quell'America ne viene fuori compromessa già dal bellissimo prologo.

I personaggi di Pete Bondurant, Kemper Boid e Ward Littel sono indimenticabili.
Associati ai tanti personaggi della realtà, Howar Hughes, Jack e Bob Kennedy, Hoover, Jack Ruby,
Lee Harvey Oswald.

Ho già comprato la seconda parte (si tratta di una trilogia incompiuta): "Sei pezzi da mille".
Ci sono di nuovo dentro!


James Ellroy

'American Tabloid' è il primo romanzo della trilogia americana (il secondo è Sei pezzi da mille, il terzo non è stato ancora pubblicato). American Tabloid è un crudissimo spaccato dell'America degli anni sessanta. Nel quadro storico, ricostruito con minuzia e puntualità da James Ellroy, si muovono tre personaggi in bilico tra crimine e giustizia, ideali e tornaconto personale, in un viaggio allucinante che culmina con l'omicidio di John Kennedy. CIA, FBI, Mafia, Ku Klux Klan, castristi e sbirri: la (presunta) storia sotterranea degli Stati Uniti di quegli anni esplode in una miriade di collegamenti, piste, relazioni, doppi e tripli giochi, un mosaico disperante in cui nessuno è innocente.

Vedono la luce in questo romanzo personaggi memorabili come Kemper Boyd, Pete Bondurant e Ward Littel, protagonisti di grande spessore che proseguiranno le loro avventure nel seguito Sei pezzi da mille.



4 dicembre 2008

Il capo dei capi

Oggi, su Canale 5, andrà nuovamente in onda la prima puntata della fiction

Il capo dei capi

Pubblico la recensione che ne feci il 16 novembre 2007 su Romareporter.

_______________________

Finalmente ieri ho visto una puntata della fiction Il capo dei capi, la serie tratta dal libro dei giornalisti Bolzoni e D'Avanzo, di cui sono grande ammiratore.
     
Per fortuna o purtroppo, non guardo televisione (se non un telegiornale alla sera e le partite dell'Inter), così non mi era facile convincermi a star lì davanti e mi sono convinto tardi, alla quarta puntata.
La fiction è ben recitata, un palermitano vero e non il solito slang siculo-raulbovese. Tutto, quindi, acquista credibilità, e fa sembrare di assistere a una storia vera. Il problema è, però, che questa storia è vera per davvero. E allora sorgono i primi dubbi.
Partiamo da un distinguo: chi sono i buoni? I buoni sono quelli che combattono la mafia.
In ogni film del filone, lo spettatore ha tutto il tempo per ragionare su questo punto, appassionarsi all'uomo di Stato, che muore per avere avuto troppe palle e aver creduto in quello che faceva. Monta la rabbia al pensiero di chi ci ha spezzato il sogno, di chi ha stroncato la vita dell'eroe che stava spalando un po' di merda.
Ecco: in questa fiction la rabbia non monta: vedi morire gente come Boris Giuliano, Gaetano Costa, Cesare Terranova, e rimani lì, impalato. La loro morte non suscita emozioni; anzi! attendi di sapere cosa farà o dirà adesso Riina, Totò u curtu!
Se non fosse che Giuliano, Terranova, Costa, sono personaggi di uno spessore e di un coraggio che quello da solo dovrebbe offuscare le miserabili gesta di qualunque capomafia.
La produzione ha creato un personaggio a tutto tondo, Riina, che, diciamolo apertamente, emana un fascino a cui è difficile sottrarsi. La storia della sua ascesa somiglia troppo a quella di Michael Corleone, e ci appassiona come se si trattasse del Padrino. Vedi il momento in cui il boss Gambino, il capo americano, riconosce che in Italia adesso comandano i corleonesi. Quello è il momento topico, a questo punto abbiamo un déjà vieux col film di Coppola.
L'alter ego di Riina dovrebbe essere questo personaggio immaginario, Biagio Schirò, totalmente votato alla sua idea di giustizia, per cui sacrifica la famiglia che ama profondamente. Schirò rappresenta tutti i soldati semplici che hanno combattuto la mafia. E' un po' poco, onestamente. Anche perchè Schirò rimane il personaggio meno credibile di tutta la fiction. Ancora, perchè c'erano talmente tanti personaggi reali che potevano fare da contraltare a Riina, ed è un peccato vedere un giovane Falcone in sfondo, e non potere zoomare su di lui, è un peccato vedere il Procuratore Gaetano Costa così incerto, fare il suo dovere solo quando incalzato dal poliziotto Schirò.
Mi viene in mente questa immagine:


Intendo dire che chi ha vissuto Palermo in quegli anni, ed era dalla parte di Costa, certi brividi li prova eccome! I brividi li provo guardando le lapidi di Palermo, non guardando un poliziotto inventato.
Vorrei fare un'altra riflessione: ricordo bene, quando Totò u curtu fu arrestato (viveva in una villa con piscina accanto all'ufficio dove io andavo a lavorare tutti i giorni), ricordo bene, dicevo, il fascino criminale che emanava. Tutti appesi alle labbra di questo mostro, a partire dai giudici che lo interrogavano. Questa è la natura umana ed è difficile ribellarsi. Ma questo fascino è rinverdito alla grande dalla fiction Il capo dei capi, e non è difficile pensare a quale effetto avrà su certi bambini di Palermo, tanto per cominciare. Lavorando come educatore e poi come assistente sociale sui minori, a Palermo, ho incontrato molti bimbi in situazione che noi, per sintesi, definiamo di rischio. Questi bimbi, come tutti i bimbi del mondo, sono spugne, assorbono qualsiasi messaggio. A differenza di altri bimbi, più protetti, nessuno farà loro da filtro, e chi glielo spiega poi che zio Totò fa parte dei cattivi?


19 luglio 2008

Niente è stato fatto che possa restituirci la tua presenza!

E manchi al mondo. Maledettamente!



16 anni dopo il lutto non sbiadisce


Nella strage di via D'Amelio rimasero uccisi:
  • Agostino Catalano, capo scorta, 43 anni. Sposato, aveva perso la moglie ed era rimasto solo con le sue due figlie.
  • Walter Eddie Cosina, 30 anni. Era nato in Australia. Morto durante il trasporto in ospedale. Lasciava la moglie Monica.
  • Emanuela Loi, 24 anni, la prima donna poliziotto entrata a far parte di una squadra di agenti addetta alla protezione di obiettivi a rischio.
  • Vincenzo Li Muli, 22 anni. Il più giovane della pattuglia. Da tre anni nella Polizia di Stato, aveva ottenuto pochi mesi prima la nomina ad agente effettivo.
  • Claudio Traina, 26 anni. Arruolato in Polizia giovanissimo, dopo essere stato a Milano e Alessandria, aveva ottenuto da poco il trasferimento nella sua città: Palermo.
Antonio Vullo, 32 anni, agente, sposato e padre di un figlio è l’unico riuscito a sopravvivere alla strage. Mentre i suoi colleghi si stringevano, come d’abitudine, attorno al magistrato, Vullo parcheggiava la macchina poco distante.



Onore a chi perse la vita per lo Stato


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stato mafia giovanni falcone paolo borsellino

permalink | inviato da ioTocco il 19/7/2008 alle 14:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


23 maggio 2008

23 maggio 1992, FALCONE ASSASSINATO... 16 anni dopo il lutto non sbiadisce.

Il 23 maggio 1992, alle 17,58, presso il Km. 5 della A29, una carica di cinque quintali di tritolo posizionata in un tunnel scavato sotto la sede stradale nei pressi dello svincolo di Capaci - Isola delle Femmine viene azionata per telecomando da Giovanni Brusca, il sicario incaricato da Totò Riina.
La deflagrazione ucciderà Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, gli agenti di scorta Antonio Montinaro, Vito Schifani, Rocco Di Cillo.
L’attentato viene soprannominato “La strage di Capaci”.



Sono passati 16 anni, nel corso dei quali è stato detto, scritto, e rappresentato tutto quello che conosciamo. Palermo ha avuto la forza di ribellarsi, e con la città lo Stato, che ha conseguito vittorie importanti, anche se la guerra è ancora tutta da combattere.
La memoria si è spenta solo in parte, costa dolore il pensiero che il tempo possa sbiadire il lutto di quei giorni.



Io ero in via Croce Rossa, in licenza dal servizio civile che stavo prestando a Caltanissetta, al carcere minorile della città. Avevo i miei pensieri: la lontananza da casa, un amore che finiva, la borsa coi vestiti sporchi e un pullman che, l’indomani, mi avrebbe riportato in carcere.
La notizia me la diede l’amica a cui stavo telefonando da una cabina telefonica. Avevo già sentito tante sirene, troppe, tutte in direzione autostrada. Avevo capito che qualcosa di grave era accaduto. Ma non pensavo irreparabile.
L’amica mi disse che Falcone era ancora vivo, forse anche la moglie. Ma erano gravi, gravissimi.
Ammutolii. La sensazione che qualcosa si fosse irrimediabilmente sgretolato, e che non vi fosse più rimedio. Capii cosa significa sentirsi crollare il mondo addosso.
Prima di cena, Palermo intera cadde in uno sconforto senza limiti, le telefonate si susseguivano frenetiche tra amici, ma le parole non c’erano. Era solo desiderio di contatto.
Non avevo voglia di tornare in carcere, a Caltanissetta, dove forse mi attendevano detenuti in festa, come quelli, di cui seppi, che dentro l’Ucciardone stavano festeggiando la vittoria sullo Stato.
Ma ero in servizio civile e non potevo far nulla, ero anch’io un frammento di Stato. Dovetti lasciare Palermo, la mia città ferita a morte.
Il direttore del carcere mi negò la possibilità di partecipare ai funerali. Anche lui rappresentava lo Stato. E con esso il senso del dovere.
I funerali li vidi in televisione, a Caltanissetta, insieme alle guardie e ai detenuti, trattenendo le lacrime. Ma scoprii che anche loro le trattenevano.
Sentii parlare Rosaria Costa, vedova Schifani. Il prete che le porgeva il microfono era lo stesso che anni prima mi aveva dato la cresima. Adesso lo vedevo lì, allontanarle il microfono per paura che la vedova dicesse parole di troppo. Struggenti, vere, ma di troppo.
E c’era Borsellino, di pietra, e Antonino Caponnetto, in un dolore composto che a luglio di quell’anno sarebbe diventato, definitivamente, senza speranza.


Sedici anni fa, era questo che accadeva. Altro ancora sarebbe accaduto, prima che lo Stato si risollevasse e portasse giustizia.                                                                               A noi resta il dovere della memoria.

Falcone diceva:
“Ognuno di noi deve fare la sua parte,
piccola o grande che sia,
per contribuire a creare condizioni di vita più umane.
Perché certi orrori non abbiano più a ripetersi”



Segnalo l'iniziativa di Palermo Urban blog, che raccoglie tutte le testimonianze dei navigatori, alla semplice domanda:
tu dov'eri quel giorno?
Idea semplice, e molto interessante come lo sono le cose semplici.

Segnalo inoltre questo I N T E R E S S A N T I S S I M O video da YouTube,
illuminante sull’argomento,
dal titolo:

Costanzo Show: Totò Cuffaro aggredisce Giovanni Falcone
http://www.youtube.com/watch?v=F5MZmJLMQ9Y



A questi due uomini, solo grazie. Dopo 16 anni. Ancora grazie!


23 aprile 2008

L’U.D.C. C’ENTRA

Pochi giorni fa, durante un telegiornale, sentivo parlare Lorenzo Cesa.
Parlava di legalità, era convincente.
Mi chiedo come è possibile che certi politici siano tacciati di bassa moralità anche di fronte ad una tale mostra di rigore.

Lorenzo Cesa è del partito dell’Unione di Centro.

L’UdC ha preso tanti voti in Sicilia, in un’isola che oggi è molto più che ieri reattiva sul fronte mafia.

Grazie ai voti siciliani, l’UdC elegge al Senato della Repubblica tre uomini, due dei quali sono:

SALVATORE CUFFARO, detto Totò – condannato in primo grado per favoreggiamento, per aver passato informazioni riservate ad un mafioso.

SALVATORE CINTOLA - indicato come «amico personale» del capomafia Giovanni Brusca (ora pentito) e fra gli uomini politici coinvolti nel progetto di Leoluca Bagarella che voleva realizzare il partito di Cosa nostra “Sicilia Libera”. Di Cintola parlano i pentiti Antonino Calvaruso, Balduccio Di Maggio, Mario Santo Di Matteo e Tullio Cannella.

Di Cintola, “l’amico di Brusca” scrive il 17 aprile ’08 su La Stampa Lirio Abbate, il giornalista di cronaca più volte minacciato dalla mafia.


Sentire Lorenzo Cesa parlare di legalità è una di quelle cose che allontanano dalla politica.
Sentire Lorenzo Cesa parlare di legalità è una di quelle cose che fanno vomitare.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia Cintola Cuffaro Lirio Abbate

permalink | inviato da ioTocco il 23/4/2008 alle 9:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa


2 marzo 2008

Riina Jr. a passeggio. Salvuccio rientra a Corleone.

Il figlio del boss torna a casa!

Bello e griffato, Salvatore Riina, terzogenito di Totò u curtu e nipote di Bagarella, condannato in appello a 8 anni e 10 mesi per mafia e scarcerato giovedì dalla Cassazione per scadenza dei termini di custodia cautelare, è tornato a Corleone, il suo regno, il regno dei Riina.
E' già scandaloso così. Senonchè interviene il commento dell'attuale Ministro della Giustizia Luigi Scotti, che esclude qualsiasi possibilità di pronto intervento sulla situazione, ma promette un controllo "per vedere se ci sono stati ritardi non giustificati" e poi chiede "scusa agli italiani per questi ritardi della giustizia"

Scuse non accettate, caro Ministro!
Il 6 novembre del 2007, all'indomani dell'arresto dei Lo Piccolo, veniva pubblicato a pagina 4 di Repubblica un articolo a firma Bolzoni, dal titolo "Cosa Nostra senza un capo".
Sottotitolo: "Dopo Riina e Provenzano al potere una generazione di nuovi mafiosi. Ecco i nomi".
In particolare l'ottimo Bolzoni fa i nomi dei boss del futuro: PIETRO TAGLIAVIA di Brancaccio, GIANNI NICCHI di Pagliarelli, e SALVO RIINA di Corleone.
Ma come? mi chiedo: Salvo Riina grazie a dio è in galera!

Poi leggo nell'articolo, (il 6 novembre dello scorso anno!): ... Il terzo è Salvo Riina, classe 1977, .... fra qualche settimana in libertà. La Cassazione gli ha annullato la condanna.

Della scarcerazione di Riina Jr. si sapeva quindi da novembre.
C'era tutto il tempo di porre rimedio con un decreto legge ad hoc, come si era fatto nel '91 per riportare in cella una trentina di boss scarcerati per decorrenza dei termini.
La delusione è doppia, caro Ministro. Il precedente Governo ha smantellato il codice penale, questo Governo ha avuto i riflessi lenti come un bradipo.

I Ministri rivendicano sempre come successi gli arresti eccellenti che sono il successo del lavoro di funzionari delle Forze dell'Ordine fedeli allo Stato, qualunque colore abbia.
E' quello lo Stato che fa sempre il proprio dovere. E che ora dovrà occuparsi daccapo di SALVO RIINA di Corleone.



17 febbraio 2008

Appello per Rita Borsellino, di Vincenzo Consolo

Pubblico di seguito l'appello in favore di Rita Borsellino a ruolo di Governatrice della Regione Sicilia, scritto da Vincenzo Consolo, famoso scrittore siciliano.

Al di là dell'appello, che naturalmente sottoscrivo, vorrei dare risalto alla notizia, freschissima, della disponibilità di
Anna Finocchiaro a candidarsi al ruolo di governatrice, con un ticket composto da lei e dalla Borsellino, vicepresidente.
Sarebbe un sogno!
Sarebbe una ventata d'aria sana per la mia terra!
Sarebbe come dire che finalmente
la Sicilia ha l'occasione di svoltare, con l'impegno dello Stato nella lotta alla mafia, con la ribellione degli imprenditori al racket, capitanati da Ivan Lo Bello che, giustamente, non entra in politica, e adesso con questa coppia di donne siciliane di indubbio valore e di indiscutibile integrità, e con una buona capacità politica, rafforzata dall'esperienza di Anna Finocchiaro e dalla "freschezza" di Rita Borsellino!
Ne sarei felice.

Segue l'appello di Consolo:


APPELLO

 

La Sicilia ha bisogno di una svolta radicale. Le dimissioni del
governatore Cuffaro lasciano intatto il sistema clientelare che
conosciamo e che oggi grazie ai fermenti che la società siciliana sta
vivendo, potrebbe finalmente essere scardinato.

 

E' necessario che la politica faccia un salto di qualità scegliendo come
candidato alla presidenza dell'isola chi per storia e identità personale
possa raccogliere e attrarre attorno a sé le energie migliori della
Sicilia al di là delle logiche di schieramento e di partito. Un
candidato che sappia rivoluzionare i meccanismi e le logiche della
politica, in sintonia con il meraviglioso percorso di cambiamento
culturale in corso tra pezzi della società siciliana.

 

Rita Borsellino ha queste caratteristiche. Se i partiti vogliono davvero
voltare pagina, se il centrosinistra lo vuole, allora sappia guardare
con occhi attenti a cosa accade fuori dai palazzi e alla storia di
questa terra.

 

Vincenzo Consolo


 


9 febbraio 2008

Quindici anni fa, funerali della scorta del giudice Borsellino

Mi è venuto in mente adesso, di fronte a quest'ondata di arresti, a questi successi del nostro Stato finalmente vincente contro la mafia.
Era il 21 luglio del 1992. Eravamo ai funerali, in Cattedrale a Palermo, della scorta del giudice Borsellino. Faceva caldo.


La folla premeva un cordone di poliziotti che sbarravano l'ingresso alla cattedrale già piena di politici. Ogni politico di ogni schieramento era lì, le contestazioni erano fortissime, anche dentro la chiesa.

Io ero in prima fila, come succede per caso. La polizia non ci faceva passare, indietreggiammo. Poi, tutti insieme caricammo. C'erano giovani, come me, ma anche anziani. Ci fecerò passare. Fu una corsa a scavalcare il muro della cattedrale. Nella foga, io e pochi altri rompemmo pure il secondo cordone, quello che doveva proteggere i politici. Mi ritrovai nell'atrio, insieme ai giornalisti che fremevano per cogliere impressioni. Uno di loro, lavorava per IL GIORNO, mi intervistò. Parlai di quella ennesima violenza, vietare i funerali alla folla per proteggere gente che avrebbe preferito uscire dalla porta di servizio, pur di non affrontare la protesta (solo Fini ebbe il coraggio di uscire dalla porta principale). Il giornalista mi chiese il nome, glielo dissi.
Il giorno dopo trovai scritte dichiarazioni che mai hanno fatto e faranno parte del mio pensiero, in favore della pena di morte.

Imparai lì, cos'è l'informazione poco accurata!
E' solo un ricordo. Nessuno mai, tra i ragazzi che piangevano accanto a me, avrebbe pensato che, dopo 15 anni, lo Stato si sarebbe ripreso il suo ruolo di garante dei cittadini onesti contro la mafia.
Grazie ancora agli uomini di buona volontà, che lavorano contro tutto e tutti, lasciando le dichiarazioni di successo ai politici di turno, a cui quei successi non appartengono.
Grazie!


8 febbraio 2008

Presi i boss del nuovo patto Italia-Usa. Lo Stato vince sulla mafia!

Così Bolzoni su Repubblica:
http://www.repubblica.it/2008/01/sezioni/cronaca/operazione-palermo-ny/operazione-palermo-ny/operazione-palermo-ny.html
Il primo nome è quello di Francesco Paolo Augusto Calì, meglio conosciuto a Brooklyn come Frank o Franky Boy. E' considerato l'"ambasciatore" di Cosa Nostra americana nell'impresa di mettere ordine nei rapporti con le "famiglie" di Palermo. Sin dalla fine del 2003 molti mafiosi siciliani sono volati dall'Italia a New York per incontrarlo, per fare business, per riferire proprio a Franky Boy come andavano le cose in Sicilia.
Da più di dieci anni Franky Boy è un "wiseguy", un uomo d'onore della "famiglia" Gambino.

"Frank è amico nostro, è il tutto di là", confidava in una telefonata il mafioso Gianni Nicchi - uno degli uomini d'onore siciliani che hanno fatto la spola fra Palermo e gli States per un commercio di stupefacenti - al suo capomandamento Antonino Rotolo. Era chiaro che "è il tutto di là" voleva dire che era Frank a comandare a New York.

Il "piano" degli Inzerillo di riconquistare Palermo è fallito. I boss della mafia storica siculo-americana sono stati fermati proprio mentre si stavano riorganizzando. Anche loro stessi avevano intuito che non sarebbero andati molto lontano.


Ancora grazie a tutti:
Sono personaggi importanti quelli scivolati nell'indagine della polizia italiana e dell'Fbi, le ordinanze di custodia cautelare sono state firmate a Palermo dai procuratori Giuseppe Pignatone, Maurizio De Lucia, Domenico Gozo, Roberta Buzzolani, Michele Prestipino, Nino Di Matteo e Guido Lo Forte; a New York i mandati di arresto sono stati ordinati dal procuratore distrettuale.

Link per i video di Repubblica Radio TV
la camera della morte:
http://tv.repubblica.it/home_page.php?playmode=player&cont_id=17015


7 febbraio 2008

Blitz a Palermo e New York, 90 arresti in Cosa Nostra

Bellissima, importantissima notizia!!!

Blitz a Palermo e New York
90 arresti in Cosa Nostra

E' stato arrestato, tra gli altri, il boss Frank Calì, fondamentale anello di congiunzione tra mafia siciliana e americana, esponente di spicco della famiglia Gambino di New York

Operazione "Old Bridge". Nel mirino Inzerillo, Gambino e Di Maggio. Presi uomini che trattavano il rientro in Italia degli sconfitti dai Corleonesi.
Grasso: "Così si ridà fiducia ai cittadini"
http://www.repubblica.it/2008/01/sezioni/cronaca/operazione-palermo-ny/reazioni-grasso/reazioni-grasso.html


E' una notizia, oltre che importante, di quelle che restituiscono fiducia in questo nostro Stato, in uomini che non mollano mai, che non tradiscono, che non promettono ma sanno mantenere, magistrati, SCO, servizi investigativi in genere. Mi verrebbero tanti nomi, ma è giusto non farne per non dimenticare nessuno.
Sono loro la faccia bella dello Stato italiano!


26 gennaio 2008

Le dimissioni di Cuffaro, Palermo festeggia

Mi giungono notizie fresche da Palermo: giusto in questo momento tanta gente è scesa in centro, ognuno con un cannolo in mano, per festeggiare le dimissioni di Cuffaro.
Mi sembra una bella scena, non di opposizione politica, ma di reazione al disgusto che tutti noi abbiamo provato alla decisione del Governatore di non dimettersi: Aveva festeggiato a cannoli, lo accompagnano a cannoli fuori dall'assemblea regionale siciliana.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stato mafia giovanni falcone paolo borsellino

permalink | inviato da ioTocco il 26/1/2008 alle 18:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


21 gennaio 2008

Petizione Grillo per invitare Cuffaro a dimettersi

Da qualche giorno c'è stata la sentenza che ha condannato Totò Cuffaro.
Il governatore non ha intenzione, però, di dimettersi.

Vediamo di mandarlo a casa raccogliendo anche un po' di firme!

Invitate tutti a firmare, inviatela per mail, fatela girare!

Qui la petizione:
http://www.petitiononline.com/d1i2m3i4/petition.html

Firmate, firmate, firmate!

P.S. io sono al 970° posto
970.Marco Tocco


15 gennaio 2008

Due modi di essere Stato

C’è uno Stato che spreca, che gira a vuoto, che coltiva palesemente o meno interessi di pochi, e c’è un altro Stato, composto da gente, visi poco noti ai più, che non ha mai smesso di lavorare per la collettività, che non chiede voti ai cittadini pur impegnandosi e rischiando ogni giorno. E produce, questo Stato, o almeno ci prova. Produce legalità.
Il 15 febbraio del 2007, Rai 3 ha trasmesso una originale docu-fiction intitolata “Scacco al re, la cattura di Provenzano”. Molti di noi l’hanno vista con estremo interesse (era un prodotto televisivo di buon livello) e con la curiosità di vedere una storia di mafia, vera per giunta, che termina con un lieto fine. Ad alcuni di noi è stato perfino possibile riconoscersi tra la moltitudine di palermitani ai funerali degli uomini di scorta del giudice Borsellino. Lì, nel piazzale della Cattedrale di Palermo, avevamo visto uno Stato che usciva dalla porta di servizio, non volendo affrontare la folla che chiedeva giustizia per l’assassinio di due magistrati e delle loro scorte.
Ma lo Stato, giova dirlo, non è rappresentato soltanto dalla classe politica di ieri e di oggi. Lo Stato è anche in quei visi degli uomini dello SCO e della Mobile, nei visi dei PM Sabella e Prestipino, nel viso dell’investigatore Renato Cortese e, naturalmente nella figura di Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia. A queste persone dobbiamo essere riconoscenti. Lo Stato di cui ti puoi fidare, lo Stato presente, lo Stato che non promette ma mantiene è in quei visi, e in quelli di chi non ho ancora nominato, ma sono tanti: Giancarlo Caselli, Guido Lo Forte, Roberto Scarpinato, per citarne altri.
Sul vuoto di risorse destinate alle indagini antimafia, sulle dimenticanze di questo Governo e del precedente, lo scrittore Roberto Saviano, di ritorno nella sua terra, Casal Di Principe, aveva detto: Mi piacerebbe che la sinistra cominciasse daccapo. Mi piacerebbe che la destra potesse riprendere quella vocazione antimafia che fu del MSI, e che in molta parte del sud riuscì ad essere riferimento.
Noi, cittadini, elettori, di qualsiasi orientamento, corrente, partito, chiediamo con forza e speranza che anche questo pezzo di Stato si svegli, che smettano, i nostri politici, di occupare spazi nei TG e si diano da fare sui grandi temi, sul problema della legalità in Italia, sulla lotta alle mafie. Perché non è ancora tardi per cominciare, destra e sinistra insieme, ma ci urge vedere un segno, sentirli battere finalmente un colpo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stato mafia giovanni falcone paolo borsellino

permalink | inviato da ioTocco il 15/1/2008 alle 10:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
ioTocco news & co.
Racconti
biografie
visti & riletti
tutto fa blog
Bar sport
BloggerOTECA

VAI A VEDERE

X CURIOSARE QUA E LA':
Mauro SQUIZ Daviddi
Mauro Daviddi fotografo
INTER F.C.
Attivissimo antibufala
Home Movies Bologna
IMSU
.
I VOSTRI BLOG:
Ale
Concy31
Il Conte
Dilettomanoppello (Stefano)
Disastro
Efesto
Elepuntaallaluna
Gattara
GuyFawkes
Lei... Julia
liberol'anima (blue eyes)
Lu, i 400 colpi
Marte(not-Neon)
Nat
occhiodelciclone
Piero, SvegliaItalia
Saxer
Yogurtina :)



iotocco bologna andreotti mafia paolo borsellino aldo bianzino animali alitalia alexander langer american tabloid bloggeroteca andré gorz america palermo biografie politica tutto fa blog inter aikido andavo a messa la domenica blog ambiente alberto cairo allevamento albania anniversario stato american underworld thrilogy giovanni falcone andrzej anni 50 alanis morissette







le stelle potrebbero essere nientemeno che semi del cielo, e in una notte far nascere fiori, uno, per ogni stella caduta. ma io pensavo, che le stelle fossero solo lacrime degli angeli, ed i girasoli, che crescessero così alti per asciugarle di nascosto, nella notte.

SE LASCI UN COMMENTO, QUESTO BLOG DIVENTA ANCHE UN PO' TUO...


Add to Technorati Favorites

 Chuck Palahniuk,
FIGHT CLUB

Il richiamo ad una generazione X sempre più spaesata e individualista, che trova nel collettivo la perpetuazione della propria solitudine: perchè è meglio essere odiati da Dio che trovarsi al cospetto della Sua indifferenza.

 

 Andrea Camilleri,
LA CACCIA AL TESORO

Migliore degli ultimi Montalbano, meno svogliato, ma non più all'altezza dei primi.

 Davide Enia,
ITALIA - BRASILE 3 A 2 

Libretto gustosissimo, che ripercorre la mitica sfida, descrivendo un quadretto familiare molto riuscito, nei suoi riti e nei suoi tic. Racconto lieve ma mai superficiale, accompagnato da una vena ispirata di ironia, perfino nelle note che ci spiegano le regole calcistiche con puntuale leggerezza. 

 

James Ellroy,
IL SANGUE E' RANDAGIO

Completa la trilogia americana. Più toccante e magico dei primi due, dipinge personaggi inediti e tiene alto il ritmo. Degnissima conclusione di una trilogia esplosiva. 859 pagine che corrono via. Per gli appassionati del genere è un libro imperdibile.

IGORT,
5 è il numero perfetto

Interessante romanzo a fumetti, sul ritorno alla scena e sul riscatto di un vecchio guappo.

Hermann Koch,
LA CENA

Attuale e intrigante racconto sulla "banalità del male", con un punto di vista originale. Scrittura veloce e non sempre efficace, il romanzo merita comunque di essere letto!

 Paolo Sorrentino,
HANNO TUTTI RAGIONE

Da spiaggia!

 Georges Simenon,
LA VERITA SU BEBE' DONGE 
††††

Le anime si scontrano, in questo splendido racconto, in cui ogni personaggio non è casuale, ed ogni azione può essere riletta in sfumature opposte, fino a conclusioni in antitesi tra loro, come quella che porta la sorella di Bèbè, Jeanne, a dire, senza speranza: "A che serve continuare a porsi domande? Facciamo tutto quello che possiamo..."

 

 ERRI DE LUCA,
IL PESO DELLA FARFALLA
††††

Un racconto che mette il lettore alla pari col mondo e lo riporta a una condizione essenziale di uomo. Sorretto da una scrittura un po' ampollosa, ma efficace, scorre lieve e delicato fino all'ultima pagina.

FRANCO ALFONSO,
BARBIERE SI NASCE
††

L'esperienza di vita di un bambino di paese che, in un periodo in cui non era facile sognare, aveva un grande sogno: diventare barbiere a Palermo! Un libro genuino che ha molto da insegnare.

  Letti nel 2009:

SERGIO ROTINO,
UN MODO PER USCIRNE
†††

ANDREA CAMILLERI,
LE INCHIESTE DEL COMMISSARIO COLLURA

 

WILLA CATHER,
IL MIO MORTALE NEMICO

DANILO "MASO" MASOTTI,
IL CODICE BOLOGNA

GIANRICO CAROFIGLIO,
IL PASSATO E' UNA TERRA STRANIERA

ANDREA CAMILLERI,
LE PECORE E IL PASTORE

C. AUGIAS, M. PESCE,
INCHIESTA SU GESU'

JAMES ELLROY,
SEI PEZZI DA MILLE


ANDREA CAMILLERI,
LA DANZA DEL GABBIANO

ANDREA CAMILLERI,
L'ETA' DEL DUBBIO


Letti nel 2008:


JAMES ELLROY,
AMERICAN TABLOID



WU MING 4,
STELLA DEL MATTINO



ORNELA VORPSI,
LA MANO CHE NON MORDI



SANDOR MARAI,
LE BRACI
††


WU MING,
PREVISIONI DEL TEMPO
††

 
Andrea Camilleri,
IL CAMPO DEL VASAIO



Georges Simenon,
LETTERA AL MIO GIUDICE
†††


Andrè Gorz,
LETTERA A D.
†††

Lettura in corso
Fabio Levi,
IN VIAGGIO CON ALEX
††

Ultimo letto
Attilio Bolzoni Giuseppe D'Avanzo,
IL CAPO DEI CAPI
††


Fruttero & Lucentini,
LA DONNA DELLA DOMENICA
††††

La mia opinione:
†      passatempo
††    interessante
†††   
da leggere
††††  imperdibile

 

 
Giuseppe Di Stefano

il grande Tenore e un incontro del 1993


              Io dono... e tu?


      JULIO C
RUZ      




ETNA INNEVATA


TORTA ETNA



Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne la rimozione.











NO CENSURA!

 

 

CERCA