.
Annunci online

iotocco
Niente di personale, Visti & Riletti


Diario


30 aprile 2008

INCONTRO CON CURZIO MALTESE, alla Feltrinelli di Bologna

Giovedì 22 maggio, ore 18.00                             
la Feltrinelli | Librerie
Bologna - Piazza Ravegnana, 1                                

INCONTRO CON CURZIO MALTESE

Quanto costa la Chiesa cattolica ai contribuenti italiani? Chi e come gestisce questo denaro? Una cifra enorme passa ogni anno dal bilancio dello Stato italiano e degli enti locali alle casse della Chiesa cattolica a cui bisognerebbe aggiungere il cumulo di vantaggi fiscali concessi al Vaticano e oggi al centro di un'inchiesta dell'Unione Europea. Il totale è di circa 4 miliardi di euro, una somma che solo per un quinto viene destinata a interventi di carità e di assistenza sociale. Curzio Maltese snocciola cifre, scandaglia documenti, bilanci e siti internet, dà voce a fonti insospettabili, in un'inchiesta sorprendente: La questua (Feltrinelli).


Nel suo nuovo libro Curzio Maltese, con il piglio del grande cronista, snocciola cifre e dati, scandaglia documenti, bilanci e siti internet, dà voce a fonti insospettabili, in un’inchiesta sorprendente e coraggiosa. Nel tentativo di fare luce su una realtà troppo poco conosciuta e non sempre trasparente, che tocca però nervi sensibilissimi della democrazia italiana come la lealtà fiscale, la corretta gestione delle risorse pubbliche, la laicità dello Stato. Una realtà, inoltre, che provoca non pochi disagi all’interno stesso del mondo dei fedeli, se è vero che importanti intellettuali cattolici hanno denunciato il dirigismo, il centralismo e lo strapotere raggiunto dalla burocrazia nella Chiesa.




permalink | inviato da ioTocco il 30/4/2008 alle 19:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


29 aprile 2008

LIBERI COMMENTI IN LIBERO POST

CON QUESTO POST DEDICO

UN ALTRO SPAZIO

DOPO IL PRIMO

UNO SPAZIO VUOTO

UN POST SENZA CONTENUTI


IN CUI LASCIARE SOLO COMMENTI

UN POST RECETTIVO OLTRE MISURA



CHI PASSA DA QUI

ANCHE IN FORMA ANONIMA

LASCI IL PROPRIO SCRITTO

NELLO SPAZIO COMMENTI

SU QUALSIASI ARGOMENTO


SENZA ALCUN INTERVENTO DA PARTE MIA


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. liberi commenti in libero post

permalink | inviato da ioTocco il 29/4/2008 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


27 aprile 2008

TRE PUNTI ED E' SCUDETTO!!!

TRE PUNTI ED E' SCUDETTO!!!

GOL DI CRUZ E MATERAZZI. DOMENICA IL DERBY

L'Inter si impone per 2-1 a San Siro sul Cagliari (reti nerazzurre di Cruz al 22' e di Materazzi, al suo primo centro stagionale, all'82') e mette un altro tassello sulla conquista del 16esimo titolo tricolore. A tre giornate dal termine del campionato, il vantaggio sulla Roma rimane invariato a sei punti e, per la certezza matematica dello scudetto, ai nerazzurri basteranno tre punti da conquistare nelle ultime tre giornate. Domenica 4 maggio è in programma il derby contro il Milan, e chissà se sarà proprio la sfida stracittadina a regalare ai tifosi nerazzurri il terzo scudetto consecutivo...

FORZA RAGAZZI!!!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. derby lotta per lo scudetto

permalink | inviato da ioTocco il 27/4/2008 alle 21:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


26 aprile 2008

Vita di coppia


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ELLEKAPPA

permalink | inviato da ioTocco il 26/4/2008 alle 15:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


24 aprile 2008

La torta dei fondi all'editoria, un articolo di GIOVANNI VALENTINI su Repubblica del 22 ottobre 2007

Pubblico questo illuminante articolo, per meglio inquadrare l'iniziativa di Beppe Grillo, di cui al post precedente.

Qui non si discute della bontà o meno del personaggio Grillo, ma della validità della sua iniziativa e dell'opportunità di diffonderne l'informazione.

La torta dei fondi all'editoria

Mentre il governo da una parte sovvenziona con i soldi di tutti noi, cittadini e contribuenti - la tv digitale e quella locale, la produzione e la distribuzione cinematografica, lo sviluppo della banda larga, lo sport e l' iscrizione alle palestre; dall' altra parte taglia sull' informazione, riducendo le agevolazioni postali e i contributi diretti per l' editoria giornalistica: dai 450 milioni stanziati quest' anno ai 380 previsti per quello prossimo, di cui la maggior parte (307 milioni) per le compensazioni alle Poste che peraltro vantano un cumulo di crediti arretrati. È la logica dei due pesi e delle due misure applicata ai danni del pluralismo e della libertà di stampa. Cioè, in definitiva, dei medesimi cittadini e contribuenti. Con il decreto fiscale collegato alla finanziaria 2008, il governo Prodi è riuscito a scontentare sia gli editori sia i giornalisti, mettendoli una volta tanto d' accordo. E intanto il Consiglio dei ministri approva "kafkianamente" - come dice il presidente della Federazione Editori Giornali, Boris Biancheri il disegno di legge a cui è rimessa la riforma dell' intero settore. Da qui, la "assoluta contrarietà" della Fieg a ogni intervento che anticipi disorganicamente il progetto, a cui corrispondono sul fronte opposto le critiche della Federazione Nazionale della Stampa, il sindacato di categoria. A farne le spese, se il decreto non verrà modificato e corretto nel corso del suo iter parlamentare, sarà tutta la carta stampata. Il taglio del 7% sulle agevolazioni postali, in una situazione di mercato che di fatto è un monopolio, colpisce tutti i giornali, quotidiani e periodici. Ma, al colmo del paradosso, penalizza maggiormente i più virtuosi e cioè quelli che hanno puntato sugli abbonamenti per sostenere e fidelizzare la diffusione. Finora, contro una tariffa ordinaria di 28,30 centesimi per spedire un giornale fino a 200 grammi di peso, gli editori ne pagavano 12,45 e lo Stato ne versava alle Poste 15,85, a titolo di compensazione per il monopolio e anche di incentivazione alla lettura. Il meccanismo del decretolegge prevede invece un credito d' imposta da incassare a posteriori, pari al 50% e comunque in misura decrescente, con un "tetto" globale di spesa: in pratica, secondo i calcoli della Fieg, l' aumento dei costi di spedizione a carico delle aziende sarà del 9% e per quelle maggiori potrà arrivare addirittura al 16. Tutto ciò in un Paese che, per le carenze strutturali del sistema, registra appena l' 89% di abbonamenti sul totale della diffusione contro una media europea che tocca il 60. A fronte di questi tagli generalizzati a danno delle imprese editoriali, lo stesso provvedimento riduce anche i contributi diretti - circa 170180 milioni all' anno - alla cosiddetta "editoria di finalità": in questa selva di testate figurano, oltre agli organi di partito, giornali pubblicati da altri movimenti politici, costituiti da appena due o tre parlamentari; dalle minoranze linguistiche e da alcune cooperative, ormai a numero chiuso per mancanza di fondi. E a volte si tratta di testate fantasma che non hanno, come polemizza ancora Biancheri, "né giornalisti né lettori". Se si trattasse soltanto degli organi di partito o delle minoranze linguistiche, si potrebbe ancora considerare la questione sotto il profilo del pluralismo politico, sebbene anche questi fondi dovrebbero essere compresi nel finanziamento pubblico o nei cosiddetti rimborsi elettorali. Ma il fatto è che il taglio indifferenziato dei contributi diretti comporta sacrifici insostenibili per la vera "editoria di finalità" e per le autentiche cooperative di giornalisti. E ciò a beneficio di una giungla di testate, più o meno fantasiose e folcloristiche, di cui basta scorrere l' elenco per constatare l' inconsistenza. Vediamo in dettaglio, categoria per categoria. ORGANI DI PARTITO. Qui, secondo i dati aggiornati al 5 ottobre 2007, lo Stato spende in totale 27 milioni 518 mila e 820 euro all' anno. In testa alla classifica, c' è "l' Unità" che fa riferimento al gruppo parlamentare dei Democratici di sinistra con un contributo di 6 milioni e mezzo di euro. Seguono, alla pari, "Liberazione" organo di Rifondazione comunista e "La Padania" della Lega Nord con oltre 4 milioni di euro ciascuno. Quindi "Europa" della Margherita (3,7 milioni) e "Il Secolo d' Italia" di Alleanza nazionale (poco più di 3 milioni). Ora, dopo la nascita del Partito democratico e lo scioglimento dei Ds e della Margherita, bisognerà vedere che fine faranno i due rispettivi giornali e i relativi contributi statali.
ORGANI DI MOVIMENTI POLITICI. Si fa già fatica a capire quale sia la distinzione fra organi di partito e organi di movimenti politici. Ma spesso, in questo secondo caso, si tratta di finti movimenti politici, costituiti "ad hoc" da un paio di parlamentari solo per consentire a un giornale di accedere alle provvidenze statali: in totale, 25.234.157 euro all' anno. Spiccano, in questa lista, il quotidiano "Il Foglio" che si definisce "Organo della Convenzione per la Giustizia" e riceve il contributo più alto dallo Stato: 3.821.781 euro. Poi, il "Roma" che fa capo al parlamentare di Alleanza nazionale, Italo Bocchino; "Linea", giornale del Movimento sociale Fiamma tricolore; e quindi il "Nuovo Riformista" (già "Le ragioni del socialismo"), tutti e tre con più di 2,5 milioni ciascuno. Più distaccato "Il nuovo Campanile" che fa riferimento all' Udeur di Clemente Mastella (1,331 milioni).
COOPERATIVE. In questa categoria, per la quale lo Stato spende complessivamente la bellezza di 48 milioni e 113 mila euro all' anno, il quotidiano che riceve le sovvenzioni maggiori è il "Manifesto" con 4.441.592 milioni all' anno. A seguire, con oltre 2,5 milioni, "l' Avanti!", il "Corriere" (di Forlì), il "Corriere mercantile", insieme a una testata dichiaratamente d' élite come "Sportsman - cavalli e corse", la cui pubblica utilità appare quantomeno dubbia. Tra i quotidiani editi da società la cui maggioranza è detenuta da cooperative, troviamo ai primi posti "Libero" che pure fa capo a una fondazione (6.417.244 euro all' anno); quindi "Avvenire", il giornale della Conferenza Episcopale Italiana (6,3 milioni); e ancora "Italia Oggi" (5 milioni e 61 mila euro) che fa parte di un gruppo quotato in Borsa come Class Editori.
MINORANZE LINGUISTICHE. Il contributo statale per i "giornali di frontiera" ammonta complessivamente a 5.407.063 euro all' anno. La testata "Primorski Dnevnik", stampata in Friuli Venezia Giulia, ne incassa la maggior parte: in tutto, 2.969.627 euro. Il resto viene diviso tra i due quotidiani altoatesini: il "Dolomiten" di Bolzano (1,6 milioni) e "Die neue Sudtiroler Tageszeitung" (836 mila).
QUOTIDIANI ALL' ESTERO. Per mantenere vivo lo spirito patriottico tra i nostri connazionali emigrati, lo Stato spende 8.376.533 euro all' anno. In Canada, la missione è affidata al "Corriere canadese" (2,892 milioni); negli Stati Uniti ad "America Oggi" e in Australia al "Globo" (2,582 milioni a testa); e infine, in Venezuela, alla "Voce d' Italia" (319 mila euro).
PERIODICI. Un capitolo di spesa a parte riguarda i periodici editi da cooperative, fondazioni o enti morali: in totale, 17.841.392 euro all' anno. La fetta maggiori va a una varietà di testate, guidate da "Metropolis" (edito da Stampa democratica) con un milione e 458 mila euro, tra le quali però si trovano anche "Motocross", "Fare vela" e "Il mucchio selvaggio" (517 mila euro); "Chitarre" (287 mila) o "Mare e monti" (118 mila). Altri 6 milioni e 849 mila euro infine vengono sparsi, come la manna biblica, tra una miriade di periodici e di settimanali diocesani: da "Famiglia cristiana" (416 mila euro) a "Buddismo e società" (14 mila); dal "Giornalino" (408 mila) all' "Aurora della Lomellina" (47 mila); con una serie di testate che si richiamano tutte alla "Vita", nuova o comunque cattolica, da Trieste a Udine, da Trento a Cremona.
GIOVANNI VALENTINI


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. grillo repubblica vday2

permalink | inviato da ioTocco il 24/4/2008 alle 11:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


23 aprile 2008

Messaggio a blog unificati

UN'INIZIATIVA NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA MA DI BUON SENSO
Il mio blog  promuove, insieme a Caffenero, Geco, e Martenot-Neon, la divulgazione dell'iniziativa di Beppe Grillo, che non riesce a trovare spazi adeguati su giornali e TV.
Inauguriamo, così, questa nuova forma di collaborazione tra blogger:
il Messaggio a blog unificati


L'Italia non ha una informazione libera. Questo è il motivo per il
quale nessuna
televisione, nessun giornale sta promuovendo il referendum del 25
aprile per una
"Libera informazione in un libero Stato". Sarebbe la loro fine.
Ho bisogno del tuo aiuto. Diffondi la notizia e i punti di raccolta
delle firme
elencati di seguito.

Invia questa email a tutti coloro che vogliono una informazione libera
in Italia
per firmare il 25 aprile per i tre referendum:

1- abolizione dell'ordine dei giornalisti, di Mussolini
2- cancellazione dei contributi pubblici all'editoria, che la rende
dipendente dalla politica
3- eliminazione del Testo Unico Gasparri sulla radiotelevisione, per
un'informazione libera dal duopolio Partiti-Mediaset


Il 25 aprile saremo in 460 punti in tutta Italia e in città su 5
continenti.

<http://www.beppegrillo.it/v2day/mappa/>
http://www.beppegrillo.it/v2day/mappa/

Coraggio!
Beppe Grillo.

PS Stampa e diffondi anche il volantino:
<http://www.beppegrillo.it/immagini/immagini/volantino_v2-day.pdf>
http://www.beppegrillo.it/immagini/immagini/volantino_v2-day.pdf



23 aprile 2008

L’U.D.C. C’ENTRA

Pochi giorni fa, durante un telegiornale, sentivo parlare Lorenzo Cesa.
Parlava di legalità, era convincente.
Mi chiedo come è possibile che certi politici siano tacciati di bassa moralità anche di fronte ad una tale mostra di rigore.

Lorenzo Cesa è del partito dell’Unione di Centro.

L’UdC ha preso tanti voti in Sicilia, in un’isola che oggi è molto più che ieri reattiva sul fronte mafia.

Grazie ai voti siciliani, l’UdC elegge al Senato della Repubblica tre uomini, due dei quali sono:

SALVATORE CUFFARO, detto Totò – condannato in primo grado per favoreggiamento, per aver passato informazioni riservate ad un mafioso.

SALVATORE CINTOLA - indicato come «amico personale» del capomafia Giovanni Brusca (ora pentito) e fra gli uomini politici coinvolti nel progetto di Leoluca Bagarella che voleva realizzare il partito di Cosa nostra “Sicilia Libera”. Di Cintola parlano i pentiti Antonino Calvaruso, Balduccio Di Maggio, Mario Santo Di Matteo e Tullio Cannella.

Di Cintola, “l’amico di Brusca” scrive il 17 aprile ’08 su La Stampa Lirio Abbate, il giornalista di cronaca più volte minacciato dalla mafia.


Sentire Lorenzo Cesa parlare di legalità è una di quelle cose che allontanano dalla politica.
Sentire Lorenzo Cesa parlare di legalità è una di quelle cose che fanno vomitare.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia Cintola Cuffaro Lirio Abbate

permalink | inviato da ioTocco il 23/4/2008 alle 9:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa


20 aprile 2008

Il denaro non esiste

Ieri ero a tavola con due cari amici, davanti a una pizza fumante, quando è venuto fuori questo discorso dei soldi che non esistono. Strana teoria, parrebbe.

Ma la realtà lo conferma: i soldi non esistono, non ci sono, sono un’invenzione dell’era contemporanea. Solo che, come dentro Matrix, la realtà è nascosta, e tutti noi viviamo nella commedia.

 
Mi spiego meglio: ogni 26 del mese, io prendo uno stipendio. Ciò significa che mi collego alla rete intranet dell’ufficio e scarico il mio cedolino, la busta paga. Poi mi collego all’home banking e verifico che nel mio conto quella somma esiste. Sempre in home banking faccio un bonifico verso un altro conto, quello del mutuo, e stampo un foglio che attesta l’avvenuto versamento. Ripeto l’operazione per tutti i pagamenti (asilo nido, condominio e via così), fino a che della somma relativa al mio stipendio rimane poco o nulla.

In pratica, ho già speso quasi tutto lo stipendio, ma, MAGIA, non ho manipolato neanche una banconota.

 
Il denaro non esiste. Non c’è.

 

Giorno dopo giorno, tutti noi muoviamo numeri in pagine internet che chiamiamo “il mio conto”, il “conto del mutuo”, il conto di mia moglie”, ecc… ma sono tabelle excel in internet.

Giriamo per negozi e facciamo la spesa nei supermercati, pagando con graziose tesserine magnetiche, ricevendo in cambio uno scontrino di carta.

Partiamo in aereo prenotando i biglietti per telefono (a proposito: neanche i biglietti esistono più!) dando il numero della nostra carta di credito.

Ma ancora una volta tra le nostre mani c’è carta. Il denaro non esiste.

Se ci viene un dubbio (e ci viene…) DESIDERIAMO TOCCARE CON MANO.

Ci rechiamo al primo sportello bancomat a chiedere dei soldi. Un omino dentro la macchina ci molla un paio di pezzi da cento, per rassicurarci. Il denaro esiste, adesso lo abbiamo in mano.

 

Ma se mi venisse un dubbio: vorrei avere in mano tutti i soldi che ho, li conterei un attimo e poi li restituirei, giusto per verificare che ci sono, che esistono.

Col piffero!

L’omino dentro la macchina mi dice che € 250,00 per oggi bastare, ripassare domani, please.

 

I soldi, quelli veri, quelli sudati, non ci sono. C’è una macchina bancomat, che, come un genitore, ti da la paghetta.

Lavoriamo un mese intero per vedere un numero a quattro cifre scritto su un foglio excel chiamato “il mio conto in banca”.

Il denaro non esiste, credetemi!




permalink | inviato da ioTocco il 20/4/2008 alle 0:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa


19 aprile 2008

Bloggers in catene

Martenot-Neon, famoso blogger del Cannocchio, dice "così è se mi pare".
E così gli è parso giusto di incatenarmi a questo giochino, in cui io, a mia volta, devo incatenare altri bloggers inconsapevoli (già me la rido...).
Ma prima di tutto, devo citare le regole:

REGOLAMENTO:
- indicare il link di chi vi ha coinvolti
- inserire il regolamento del gioco sul blog
- citare sei cose che vi piace fare e perché
- coinvolgere altre sei persone
- comunicare l'invito sul loro blog

Adesso cito sei cose che mi piacciono (non in ordine d'importanza):

1) mi piace scrivere racconti e correggerli di continuo, all'infinito
2) mi piace l'odore dei libri, e mi piace leggerli
3) mi piace ascoltare le storie degli altri, mi perdo nei racconti della gente, da cui imparo sempre tanto
4) mi piace giocare con i miei figli e dar loro il bacio della buonanotte
5) mi piace guardare le partite dell'Inter, ma solo quando vince :-)
6) mi piace discutere con chi la pensa diversamente da me, mi piace avere ragione e mi piace avere torto, mi piace trovare insieme almeno un punto di contatto

E adesso, via con le nomine; devo incatenare 6 bloggers!
1) Mauro SQUIZ
2) Carla Lucilla
3) Geco
4) Kalispera
5) Leeloo
6) Nily




permalink | inviato da ioTocco il 19/4/2008 alle 14:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa


17 aprile 2008

PUNTI DI VISTA

Mio figlio di nove mesi, prende il latte ancora al seno.

Stasera, appoggiandosi al mobile del televisore, si alzato sulle sue gambe, ed ha accostato il viso allo schermo.
In quel momento andava in onda un programma con Victoria Silvstedt, e il busto della maggiorata Victoria prendeva tutto lo schermo.

Mio figlio l'ha guardata facendosi vicino vicino, poi si è voltato verso di noi e ha detto: PAPPA!



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vita familiare punti di vista ioTocco

permalink | inviato da ioTocco il 17/4/2008 alle 21:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa


16 aprile 2008

Beijing 2008 Olympic logo

La protesta sa vestirsi anche di arte. L'arte diventa così provocazione massima e riesce a dire ciò che ai Governi non riesce.

Diamo spazio alle legittime proteste contro la violenza del governo in Cina.










http://www.youtube.com/watch?v=kdqa8_RB8Mg

http://www.youtube.com/watch?v=NvCCFwSMZZs&feature=related



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. olimpiadi cinesi Tibet free

permalink | inviato da ioTocco il 16/4/2008 alle 14:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


15 aprile 2008

Eddire che si poteva fare... ma non s'è fatto

Oggi in ufficio atmosfera surreale, da psicodramma.
Siamo nella
rossa Bologna, detta anche la grassa.

Piove... nuovo governo ladro!

Timbro il cartellino nel silenzio. Mi avvio alle scale e mi infilo di corsa nel mio ufficio.
Sfoglio Repubblica, do una sbirciata al blog e a Repubblica on line.


Il giorno dopo i numeri appaiono ancora più catastrofici, e la speranza che era l'ultima a morire l'è bell'e morta.
Metto il naso fuori dalla porta, le colleghe sembrano tanti morti viventi che barcollano per i corridoi.
Non voglio parlare con nessuno, tanto è inutile. Il primo sguardo che incrocio è della mia responsabile. Ci guardiamo, sorridiamo, scuotiamo la testa, poi ci abbandoniamo allo sconforto.


Disastro.


Cominciamo a disegnare tutti gli scenari possibili, si avvicinano altre colleghe che paventano dodici anni di Berlusconi, si va verso la Repubblica presidenziale dominata dal nuovo presidente Berlusconì (come Sarkò).

Nessuno ci salverà, stavolta.


Tento una riflessione che vada oltre, oltre la delusione, tento di essere costruttivo.


Se penso che Berlusconi avrà ancora più potere che nel 2001, se penso che stavolta non avrà neanche la scusa dell'UdC che lo contrastava, credo che dal nuovo governo ci si dovrà attendere davvero molto, moltissimo.

Il Paese ha un fortissimo bisogno di una guida, e pazienza che il timoniere non è quello che speravo.


Occorre subito abbassare il debito, tagliare la spesa pubblica, fare le riforme che il paese attende.


Spero che si parta da qui, e non dal bollo auto. Continuerei a pagarlo volentieri pur di vedere il mio paese andare avanti.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. the day after

permalink | inviato da ioTocco il 15/4/2008 alle 16:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (40) | Versione per la stampa


14 aprile 2008

Berlusconi ha vinto. Bossi boom, Lega decisiva

Dunque, sì, Berlusconi ha vinto.
Sembra di cogliere nei numeri un successo convincente.

L'Italia esprime voglia di bipartitismo, forse di un sistema più semplice che non sia la negazione del pluralismo, ma che non consenta ad un piccolo partito di poter tenere sotto scacco un'intera coalizione e ricattare così un Governo.

Auguri a Berlusconi, quindi.

Sono pessimista, Berlusconi non mi piace neanche un po' e temo che l'alleato Fini non abbia una personalità abbastanza forte da compensare la tendenza del leader a curare gli affari di famiglia. La Lega sarà, tra l'altro, decisiva. Nelle situazioni più spinose Casini potrà fare da (tanto agognato) ago della bilancia.

A parte il mio pessimismo, so bene che l'Italia ha bisogno di una guida.
Auguri, dunque, al nuovo Governo.
Ma gli auguri più sentiti sono per il popolo italiano, per tutti noi, tutti, che possiamo essere più uniti nel portare avanti le nostre battaglie, nel fare sentire la nostra voce, davvero lasciando da parte le ideologie, lavorando tutti insieme per il futuro del nostro Paese.




permalink | inviato da ioTocco il 14/4/2008 alle 21:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa


13 aprile 2008

INTER-FIORENTINA 2-0

E queste sò soddisfazioni.

Come si sa... vittoria chiama vittoria.
Direi che SI PUò FARE!



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. inter centenario

permalink | inviato da ioTocco il 13/4/2008 alle 23:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


12 aprile 2008

ISTRUZIONI PER IL VOTO

I seggi Domenica 13 Aprile apriranno alle ore 8.00 e chiuderanno alle ore 22.00, Lunedì 14 saranno aperti dalle ore 7.00 alle ore 15.00.


I cittadini dovranno recarsi ai seggi muniti di un documento valido e della tessera elttorale, chi non la trovasse può richiederla presso l'ufficio elettorale della propria città.

Si vota mettendo un segno sul simbolo, le schede che riporteranno altri segni o scritte saranno ritenute nulle.



Esempio voto valido


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. istruzioni per il voto

permalink | inviato da ioTocco il 12/4/2008 alle 13:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo   <<  1 | 2  >>   maggio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
ioTocco news & co.
Racconti
biografie
visti & riletti
tutto fa blog
Bar sport
BloggerOTECA

VAI A VEDERE

X CURIOSARE QUA E LA':
Mauro SQUIZ Daviddi
Mauro Daviddi fotografo
INTER F.C.
Attivissimo antibufala
Home Movies Bologna
IMSU
.
I VOSTRI BLOG:
Ale
Concy31
Il Conte
Dilettomanoppello (Stefano)
Disastro
Efesto
Elepuntaallaluna
Gattara
GuyFawkes
Lei... Julia
liberol'anima (blue eyes)
Lu, i 400 colpi
Marte(not-Neon)
Nat
occhiodelciclone
Piero, SvegliaItalia
Saxer
Yogurtina :)



alexander langer aikido mafia andreotti andré gorz bologna anni 50 animali america tutto fa blog palermo alberto cairo iotocco paolo borsellino anniversario aldo bianzino american underworld thrilogy alitalia inter allevamento stato andrzej american tabloid ambiente andavo a messa la domenica alanis morissette biografie politica bloggeroteca blog giovanni falcone albania







le stelle potrebbero essere nientemeno che semi del cielo, e in una notte far nascere fiori, uno, per ogni stella caduta. ma io pensavo, che le stelle fossero solo lacrime degli angeli, ed i girasoli, che crescessero così alti per asciugarle di nascosto, nella notte.

SE LASCI UN COMMENTO, QUESTO BLOG DIVENTA ANCHE UN PO' TUO...


Add to Technorati Favorites

 Chuck Palahniuk,
FIGHT CLUB

Il richiamo ad una generazione X sempre più spaesata e individualista, che trova nel collettivo la perpetuazione della propria solitudine: perchè è meglio essere odiati da Dio che trovarsi al cospetto della Sua indifferenza.

 

 Andrea Camilleri,
LA CACCIA AL TESORO

Migliore degli ultimi Montalbano, meno svogliato, ma non più all'altezza dei primi.

 Davide Enia,
ITALIA - BRASILE 3 A 2 

Libretto gustosissimo, che ripercorre la mitica sfida, descrivendo un quadretto familiare molto riuscito, nei suoi riti e nei suoi tic. Racconto lieve ma mai superficiale, accompagnato da una vena ispirata di ironia, perfino nelle note che ci spiegano le regole calcistiche con puntuale leggerezza. 

 

James Ellroy,
IL SANGUE E' RANDAGIO

Completa la trilogia americana. Più toccante e magico dei primi due, dipinge personaggi inediti e tiene alto il ritmo. Degnissima conclusione di una trilogia esplosiva. 859 pagine che corrono via. Per gli appassionati del genere è un libro imperdibile.

IGORT,
5 è il numero perfetto

Interessante romanzo a fumetti, sul ritorno alla scena e sul riscatto di un vecchio guappo.

Hermann Koch,
LA CENA

Attuale e intrigante racconto sulla "banalità del male", con un punto di vista originale. Scrittura veloce e non sempre efficace, il romanzo merita comunque di essere letto!

 Paolo Sorrentino,
HANNO TUTTI RAGIONE

Da spiaggia!

 Georges Simenon,
LA VERITA SU BEBE' DONGE 
††††

Le anime si scontrano, in questo splendido racconto, in cui ogni personaggio non è casuale, ed ogni azione può essere riletta in sfumature opposte, fino a conclusioni in antitesi tra loro, come quella che porta la sorella di Bèbè, Jeanne, a dire, senza speranza: "A che serve continuare a porsi domande? Facciamo tutto quello che possiamo..."

 

 ERRI DE LUCA,
IL PESO DELLA FARFALLA
††††

Un racconto che mette il lettore alla pari col mondo e lo riporta a una condizione essenziale di uomo. Sorretto da una scrittura un po' ampollosa, ma efficace, scorre lieve e delicato fino all'ultima pagina.

FRANCO ALFONSO,
BARBIERE SI NASCE
††

L'esperienza di vita di un bambino di paese che, in un periodo in cui non era facile sognare, aveva un grande sogno: diventare barbiere a Palermo! Un libro genuino che ha molto da insegnare.

  Letti nel 2009:

SERGIO ROTINO,
UN MODO PER USCIRNE
†††

ANDREA CAMILLERI,
LE INCHIESTE DEL COMMISSARIO COLLURA

 

WILLA CATHER,
IL MIO MORTALE NEMICO

DANILO "MASO" MASOTTI,
IL CODICE BOLOGNA

GIANRICO CAROFIGLIO,
IL PASSATO E' UNA TERRA STRANIERA

ANDREA CAMILLERI,
LE PECORE E IL PASTORE

C. AUGIAS, M. PESCE,
INCHIESTA SU GESU'

JAMES ELLROY,
SEI PEZZI DA MILLE


ANDREA CAMILLERI,
LA DANZA DEL GABBIANO

ANDREA CAMILLERI,
L'ETA' DEL DUBBIO


Letti nel 2008:


JAMES ELLROY,
AMERICAN TABLOID



WU MING 4,
STELLA DEL MATTINO



ORNELA VORPSI,
LA MANO CHE NON MORDI



SANDOR MARAI,
LE BRACI
††


WU MING,
PREVISIONI DEL TEMPO
††

 
Andrea Camilleri,
IL CAMPO DEL VASAIO



Georges Simenon,
LETTERA AL MIO GIUDICE
†††


Andrè Gorz,
LETTERA A D.
†††

Lettura in corso
Fabio Levi,
IN VIAGGIO CON ALEX
††

Ultimo letto
Attilio Bolzoni Giuseppe D'Avanzo,
IL CAPO DEI CAPI
††


Fruttero & Lucentini,
LA DONNA DELLA DOMENICA
††††

La mia opinione:
†      passatempo
††    interessante
†††   
da leggere
††††  imperdibile

 

 
Giuseppe Di Stefano

il grande Tenore e un incontro del 1993


              Io dono... e tu?


      JULIO C
RUZ      




ETNA INNEVATA


TORTA ETNA



Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne la rimozione.











NO CENSURA!

 

 

CERCA