.
Annunci online

iotocco
Niente di personale, Visti & Riletti


Diario


26 maggio 2008

Ricordo di quando ballavo tra gli angeli

Frequentando il blog di Capastuerta, ho partecipato a questo giochino,  in cui si doveva collegare uno pezzo di vita vissuta ad un film. A me è venuto in mente un episodio della mia vita dei primi anni di liceo, insieme al mio film preferito dell'epoca, il Tempo delle mele. L'episodio è uno tra i più stupidi, ma quella era un'età dove le cose si vivevano al doppio della velocità, e gli strascichi che lasciava anche il più inutile degli accadimenti erano eterni!


L'episodio riguarda una delle prime feste liceali che avevo organizzato a casa mia, un vecchio giradischi collegato a due casse e un amplificatore, patatine Pai e cocacola, non occorreva altro. Non c'erano droghe nè alcool a fiumi, e il successo della festa era direttamente proporzionale alla presenza di portoghesi. Quindi si diceva di venire solo con l'invito, ma si sperava sul passaparola.
I miei genitori chiusi in cucina col cane, noi pigiati in salotto, la mia compagna di banco, detta nutella, che pomiciava sul divano, gli altri sudati a ballare.
La porta di casa sempre aperta perchè il campanello non lo sentiva nessuno.


Ed è da lì che la vedo entrare, tra i non invitati, lei, bionda, figa che più figa non si può, alla mia festa, Angela si chiama, e infatti è un angelo.
E' Quella ragazzina talmente carina che nessuno osa avvicinarla subito (altri tempi, sì), ma tutti la studiano, perfino nutella smette un attimo il pomiciamento.
Io la avvicino in quanto padrone di casa, ma mi trema la voce.
Lei si accomoda, si mette a suo agio, dopo un po' comincia a ballare.


Ed è dopo un po' di pezzi, quando gli altri stanno già prendendo coraggio, che mi viene l'iniziativa, il colpo di genio: come quando si gioca a calcio, e il proprietario del pallone acquista il diritto di vita e di morte sugli altri giocatori, io ordino a mio fratello di togliere Billie Jean, suscitando le proteste di tutti (vitae necisque potestas!!!) e al suo posto gli porgo il 45 giri della Kool & The Gang, il mitico lento NO SHOW (colpo di stato, imporre i lenti a metà serata).
Mi avvicino a lei, e le chiedo di ballare.

Lei non rifiuta (come potrebbe, col padrone di casa), ma non si sforza neanche. Friggo per gli sguardi degli altri sui nostri corpi. La stringo con cautela, chissà si rompe, o svapora in una nuvola di fumo, come nei concerti.
Le dico che farei l'abbonamento per ballare con lei (battutona!), e quando mio fratello mette Reality di Richard Sanderson, lei mi chiede di ballare ancora, e mi sussurra: "tanto hai l'abbonamento, no?"




Ecco: il mio ricordo termina qui, eroe per una sera, ottomila generazioni di latin lover che si convogliano in me, immortale mentre ballo tra gli angeli!




23 maggio 2008

23 maggio 1992, FALCONE ASSASSINATO... 16 anni dopo il lutto non sbiadisce.

Il 23 maggio 1992, alle 17,58, presso il Km. 5 della A29, una carica di cinque quintali di tritolo posizionata in un tunnel scavato sotto la sede stradale nei pressi dello svincolo di Capaci - Isola delle Femmine viene azionata per telecomando da Giovanni Brusca, il sicario incaricato da Totò Riina.
La deflagrazione ucciderà Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, gli agenti di scorta Antonio Montinaro, Vito Schifani, Rocco Di Cillo.
L’attentato viene soprannominato “La strage di Capaci”.



Sono passati 16 anni, nel corso dei quali è stato detto, scritto, e rappresentato tutto quello che conosciamo. Palermo ha avuto la forza di ribellarsi, e con la città lo Stato, che ha conseguito vittorie importanti, anche se la guerra è ancora tutta da combattere.
La memoria si è spenta solo in parte, costa dolore il pensiero che il tempo possa sbiadire il lutto di quei giorni.



Io ero in via Croce Rossa, in licenza dal servizio civile che stavo prestando a Caltanissetta, al carcere minorile della città. Avevo i miei pensieri: la lontananza da casa, un amore che finiva, la borsa coi vestiti sporchi e un pullman che, l’indomani, mi avrebbe riportato in carcere.
La notizia me la diede l’amica a cui stavo telefonando da una cabina telefonica. Avevo già sentito tante sirene, troppe, tutte in direzione autostrada. Avevo capito che qualcosa di grave era accaduto. Ma non pensavo irreparabile.
L’amica mi disse che Falcone era ancora vivo, forse anche la moglie. Ma erano gravi, gravissimi.
Ammutolii. La sensazione che qualcosa si fosse irrimediabilmente sgretolato, e che non vi fosse più rimedio. Capii cosa significa sentirsi crollare il mondo addosso.
Prima di cena, Palermo intera cadde in uno sconforto senza limiti, le telefonate si susseguivano frenetiche tra amici, ma le parole non c’erano. Era solo desiderio di contatto.
Non avevo voglia di tornare in carcere, a Caltanissetta, dove forse mi attendevano detenuti in festa, come quelli, di cui seppi, che dentro l’Ucciardone stavano festeggiando la vittoria sullo Stato.
Ma ero in servizio civile e non potevo far nulla, ero anch’io un frammento di Stato. Dovetti lasciare Palermo, la mia città ferita a morte.
Il direttore del carcere mi negò la possibilità di partecipare ai funerali. Anche lui rappresentava lo Stato. E con esso il senso del dovere.
I funerali li vidi in televisione, a Caltanissetta, insieme alle guardie e ai detenuti, trattenendo le lacrime. Ma scoprii che anche loro le trattenevano.
Sentii parlare Rosaria Costa, vedova Schifani. Il prete che le porgeva il microfono era lo stesso che anni prima mi aveva dato la cresima. Adesso lo vedevo lì, allontanarle il microfono per paura che la vedova dicesse parole di troppo. Struggenti, vere, ma di troppo.
E c’era Borsellino, di pietra, e Antonino Caponnetto, in un dolore composto che a luglio di quell’anno sarebbe diventato, definitivamente, senza speranza.


Sedici anni fa, era questo che accadeva. Altro ancora sarebbe accaduto, prima che lo Stato si risollevasse e portasse giustizia.                                                                               A noi resta il dovere della memoria.

Falcone diceva:
“Ognuno di noi deve fare la sua parte,
piccola o grande che sia,
per contribuire a creare condizioni di vita più umane.
Perché certi orrori non abbiano più a ripetersi”



Segnalo l'iniziativa di Palermo Urban blog, che raccoglie tutte le testimonianze dei navigatori, alla semplice domanda:
tu dov'eri quel giorno?
Idea semplice, e molto interessante come lo sono le cose semplici.

Segnalo inoltre questo I N T E R E S S A N T I S S I M O video da YouTube,
illuminante sull’argomento,
dal titolo:

Costanzo Show: Totò Cuffaro aggredisce Giovanni Falcone
http://www.youtube.com/watch?v=F5MZmJLMQ9Y



A questi due uomini, solo grazie. Dopo 16 anni. Ancora grazie!


20 maggio 2008

GIOCO: TRA I COMMENTI, INSERISCI LA TUA CITAZIONE

BASTA!
MI SONO ROTTO I MARONI DI PARLARE DI POLITICA.

Lancio un gioco ai più volenterosi (e siete in tanti).
La preghiera è: P A R T E C I P A T E!

Il gioco è di carattere letterario, mi è venuto in mente leggendo il bellissimo blog di Jericho.

Nello spazio commenti copiate l'incipit o un brano significativo (anche breve) di un libro che vi è piaciuto, romanzo, saggio, quello che volete.

Riempiamo sto post di commenti, ogni commento un libro da leggere.
Fantastico, no? E allora, che aspettate?

Comincio io, ovvio no?
E non posso non citare il libro che da il titolo al mio blog, non fosse altro che per riconoscenza:

“Cyrano de Bergerac” di Edmond Rostand


Ecco, ed io gitto con grazia il cappello,
poscia comodamente, pian pianino,
mi libero del mio vasto mantello
che mi attabarra, e lo spadon sguaìno.
Di Celandone piu' gentil, piu' fino
di Scaramuccia al gioco dello scocco
vi prevengo, mio caro paladino,
che giusto in fin della licenza io tocco.

La famosa frase "al fin della licenza, io tocco, non è ovviamente tratta dalla canzone del maestro Guccini, bensì dal libro di Edmond Rostand.
CYRANO la pronuncia quando sconfigge in duello il Visconte, al quale aveva detto che lo avrebbe toccato con la spada solo alla fine di otto versi, improvvisati ad ogni attacco.
Cyrano mantiene quanto promesso e ... in fin della licenza (cioe' dell'ottavo verso improvvisato e quindi dell'ottavo attacco) affonda la spada e... tocca!

Questa è la mia citazione. E adesso, via al gioco. Ogni commento, un libro da leggere!


AGGIORNAMENTO DEL 22 MAGGIO

68 citazioni letterarie,
la Costituzione italiana,
1 poesia,
2 canzoni,
1 fumetto
1 cartone animato.

E' meraviglioso.
Io devo andare avanti col blog, ma il gioco è sempre aperto.
Arrivati a 100 citazioni (se ci arriviamo), pubblicherò un post con la prima bloggeroteca! :)
Sarà un punto d'arrivo, 100 libri consigliati dai bloggers, ognuno dei quali avrà una piccola citazione di approfondimento in questo spazio.
G R A Z I E


18 maggio 2008

FIERI DI QUESTA INTER

LA STORIA SIAMO NOI

CAMPIONI D'ITALIA
2007-08

FIERI DI QUESTA INTER


A 4 minuti dalla fine, già nei minuti di recupero, Recalcati, grande “telecroninterista”, ha detto: INIZIATE AD ALZARVI DAL DIVANO, SGRANCHITE LE GAMBE!

Adue minuti dalla fine: ADESSO POTETE METTERE FUORI LE BANDIERE

Poi: MENO 15 SECONDI, MENO DIECI, MENO CINQUE!

POI…

FEEESTAAA!

 

16 volte

Grazie!

Un enorme grazie al nostro CAPITANO,

Saverio Zanetti,

il trattore, combattente,

capitano unico!



17 maggio 2008

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè
rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano
antipatici.
Poi vennero a prendere gli omosessuali e fui sollevato perché mi erano
fastidiosi.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero
comunista.
Un giorno vennero a prendere me e non c'era rimasto nessuno a protestare.

Bertolt Brecht


Aggiornamento del 21 luglio 2008
Grazie ad una segnalazione di Fulvio scopro che il testo non è in nessun modo attribuibile a Bertolt Brecht, ma piuttosto, sembra, al pastore Martin Niemöller (1892-1984)
Per maggiori informazioni, prego leggere le interessanti pagine segnalate dal commentatore Fulvio:
http://blog.webnews.it/23/05/2008/prima-di-tutto-vennero-a-prendere-le-bufale/


12 maggio 2008

CAMBIAMENTO CLIMATICO, verso una road map

Il Nobel per la Pace assegnato ad Al Gore e all’IPCC, la task force di scienziati dell’ONU, da l’idea di quanto sia urgente la preoccupazione sui rischi legati al cambiamento climatico. Il solo annuncio della notizia ha contribuito ad accelerare il difficile percorso verso un accordo internazionale sul taglio dei gas serra, la road map sul clima, come è stato soprannominato.

Come osservatori, navighiamo a vista tra dichiarazioni catastrofiche e smentite di presunti esperti, ma non serve essere scienziati per capire la portata del mutamento che sconvolge i ritmi climatici e gli equilibri del pianeta. La maggior parte di noi, credo, accetterebbe un freno allo sviluppo, un cambio di rotta nel tentativo di migliorare la situazione, a partire dal dimezzamento dell’emissione dei gas serra. Come sempre, aspettiamo il contributo determinante dei nostri leader, di una politica che metta da parte gli interessi di potere e prenda una buona volta parte alla nostra vita. Domani non si combatterà più per il petrolio, ma per l’acqua, per le materie di prima necessità.

Però c’è un aspetto strettamente quotidiano nella vicenda, che fatica ad ottenere il giusto risalto: il consumo e lo smaltimento dei prodotti, l’inquinamento dell’aria, lo spreco delle risorse,

riguarda soprattutto le nostre condotte di vita.

In Italia è ancora troppo basso il numero di persone che differenziano

e riciclano la loro spazzatura.

Oggi si può riciclare il legno, il ferro, la plastica, la carta, il vetro, gli scarti alimentari, con più o meno efficacia a seconda delle politiche cittadine, ma troppa gente, anche in città virtuose, si ostina a non differenziare i rifiuti. Chi non ha sentito la lamentela sul “camion della nettezza urbana che raccoglie tutto indistintamente, quindi non vale la pena”. Ma differenziare e riciclare i rifiuti deve diventare uno stile di vita, deve potersi fare cultura, quotidianità.

C’è poi il tema del riutilizzo: si buttano via troppe cose che potrebbero invece avere ancora vita. Un televisore, un frigo, i giochi dei bimbi, i vestiti usati e tutto ciò che non ci interessa più, potrebbe interessare altri. Frequentare i mercatini dell’usato, al di là del piccolo guadagno che questa attività può costituire, significa permettere ad altri di riutilizzare la roba che stavamo per buttare via.
Il risparmio energetico nelle nostre case, non spegnere il televisore dal telecomando, mettere lampadine a risparmio di energia o filtri rompigetto per l’acqua, non costituisce solo risparmio per le nostre tasche, ma libera risorse per tutti, almeno quanto moderare l’uso dell’aria condizionata o non sprecare la carta nei nostri uffici.
Questi sono pochi esempi di come tutti noi c’entriamo con la salvezza del pianeta. Al di là delle responsabilità dei politici, c’è la nostra responsabilità di cittadini nell’appropriarci di abitudini nuove per il bene collettivo, nell’imboccare questa strada e insegnarla ai nostri figli.




permalink | inviato da ioTocco il 12/5/2008 alle 10:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


9 maggio 2008

L'operaio dimenticato sull'isola di Sakhalin, da un articolo di Repubblica

Alla fin dei conti il problema principale è l'indifferenza; non quella degli altri: LA NOSTRA.
Qual'è la capacità che ognuno di noi ha, di assorbire tragedie, riuscendo ancora a scoprirsi davvero sconcertato?
Un telegiornale ci vomita addosso in media una decina di tragedie a sera, i due terzi delle cose a cui assistiamo ci rimandano solo sentimenti d'impotenza, pian piano ci scopriamo non abbastanza turbati, quasi indifferenti. E ce ne facciamo una colpa.

Sfogliando Repubblica, ieri, ho letto questo articolo. Tra tutte le tragedie infinite, la mia attenzione si è fermata su questi due operai, dimenticati dalla loro Ditta, morti di fame.

Gli ultimi. La spazzatura del mondo. Persone che non importano, quindi oggetti di un'azienda che, come può accadere per gli oggetti, se li è dimenticati.



Ecco l'articolo:

L'operaio dimenticato sull'isola di Sakhalin

I suoi padroni l'hanno fatto morire di fame

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE MOSCA - Un lavoratore nordcoreano è morto di fame mentre faceva la guardia ad un piccolo impianto di lavorazione del legname in una remota zona dell' isola di Sakhalin, nella taiga, a 83 chilometri dal villaggio di Nish che si trova a sudovest della città di Nogliki, sulla costa del Pacifico. Dello sventurato immigrato non è stato comunicato nemmeno il nome. Nulla, se non la sua atroce e assurda morte, in quest' isola dove petrolio e gas stanno portando ricchezza e però anche contrasti sociali terribili. Sappiamo invece che quel poveraccio era lì dallo scorso agosto, assieme ad un altro sventurato compagno di lavoro: abbandonati con qualche provvista alimentare, l' ordine di sorvegliare i macchinari e le attrezzature, la vaga promessa che sarebbero tornati a riprenderli al più presto. I due vigilanti non hanno visto più nessuno per otto mesi. Il grande freddo li ha bloccati. Un' altra emblematica tragedia della globalizzazione e del capitalismo selvaggio. Lo sfruttamento intensivo delle foreste per produrre legname è sotto controllo, in Siberia, delle cosche mafiose. Corrompono, e hanno mano libera. C' è voluta la commovente cocciutaggine del capo della comunità nordcoreana di Sakhalin a dare l' allarme. Più volte aveva sollecitato i dirigenti dell' azienda - una ditta di Sakhalin - di andare a controllare la situazione, perché non aveva più notizie dei due compatrioti. Fatica sprecata. E così, il capo dei coreani si è rivolto alla polizia del distretto di Nogliki. Il commissario ha mandato un gruppo di agenti. Quando sono arrivati, hanno trovato un cadavere e un altro uomo in fin di vita. Erano rimasti senza cibo e senza medicinali. Sebbene abituati a sopravvivere con qualche manciata di riso al giorno, i due nordocoreani hanno ceduto a metà aprile. Una fine beffarda: all' inizio della lenta illusoria primavera di Sakhalin. Per la sua impietosa climatologia gli zar l' avevano scelta come estrema colonia penale. Il grande Anton Cechov fu autore di un celebre pamphlet in cui denunciò le atroci condizioni cui venivano sottoposti i galeotti. Dopo qualche settimana di soggiorno, scrisse nel suo diario: «Ho visto Ceylon, che è il paradiso, e Sakhalin che è l' inferno». La notizia è stata diffusa soltanto ieri. Per merito dell' indignata Olga Savchenko, capo dell' ufficio immigrazione di Sakhalin, che ha convocato una conferenza stampa. Nell' isola vasta 76400 chilometri quadrati e scarsamente popolata - poco più di mezzo milione di abitanti - sono sotto contratto 3500 lavoratori di nazionalità nordcoreana. Sono gli immigrati più disperati, accettano paghe miserabili e trattamenti disumani. La signora Savchenko ha detto che la società era in arretrato con lo stipendio ai due da 18 mesi, e non ha neppure voluto pagare i danni alle loro famiglie: «Ci ha colpito tale crudele trattamento del datore di lavoro. Abbiamo consegnato il dossier alla procura che ha già avviato un' inchiesta. Da parte nostra, faremo tutto il possibile per denunciare penalmente i dirigenti della società e per sospenderne l' attività. Per noi è una questione d' onore». (l. c.)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Russia globalizzazione ultimi povertà

permalink | inviato da ioTocco il 9/5/2008 alle 10:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa


8 maggio 2008

Yoani Sánchez censurata?

Appena ieri parlavo del blog di Yoani Sánchez, 32 anni, blogger cubana, che ho avuto il piacere di leggere e commentare col mio spagnolo maccheronico, che oggi già non la trovo più!!!

CENSURA?


Aggiornamento delle 18,05: Francesca Lu
mi segnala che il blog di Yoani è tornato operativo!
Sono contento e sollevato...



7 maggio 2008

Andando a zonzo tra i 100 personaggi influenti di TIME...

...scopriamo un nome sconosciuto ai più (e non che sia l'unico):

Yoani Sánchez, 32 anni, blogger cubana.

Non una qualunque blogger, però.
Una donna che fa della sua passione per la rete, e del suo blog, un'occasione di
cyberdissidenza.
A Cuba, le connessioni private al Web sono illegali.
Yoani Sánchez deve fingersi straniera per poter scrivere.
Il suo blog, che ho visitato, è interessante, ricco e perfettamente comprensibile, ci porta dentro Cuba, sotto dittatura, col pane razionato la cui qualità continua a scarseggiare (post di ieri, 6 maggio).

Entriamo nelle pieghe della vita sotto Fidel (o Raul Castro, attualmente la differenza è poca).

Chi scrive è una donna semplice, che, sulla notizia di essere stata inclusa tra le 100 personalità che hanno influenza sul mondo, nella categoria "Eroi e pionieri", risponde scrivendo che avrebbe preferito essere nella categoria "cittadini" (
aunque preferiría la simple categoría de “ciudadano”)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. blog cuba yoani sánchez cyberdissidenza

permalink | inviato da ioTocco il 7/5/2008 alle 13:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


5 maggio 2008

Occhi d’un nero intenso

Occhi d’un nero intenso...

Erano quelli dell’attrice, non ricordo il nome, non quelli dolci da Tempo delle mele, piuttosto quelli grintosi di Flashdance, quelli da pantera, da ce la farò.
Sophie Marceau, la prima cotta cinematografica. No, piuttosto Jennifer Beals, con lo sguardo aggressivo e i riccioli in disordine. La vita stretta da ballerina mancata e un’energia speciale dentro.
Flashdance l’ho visto quattro volte, in quel cinema che prima era un teatro, lo stesso dove ho visto il primo film da adulto, senza genitori, I Barbapapà, mi pare.
Per il cinema ho sempre avuto passione, ancora non capisco perché mia zia Lina se la prendesse tanto per il fatto che c’era un teatro in meno.
- Mbe’?… adesso c’è un cinema in più - le rispondevo. E lei s’incazzava.
Ma alla fine la rispettavo, anche quando diceva che il teatro è d’un altro livello, con l’alterigia di chi sa di capirne di più.
- Ti mancano le basi, che vuoi farci?… colpa di tua madre. -
Da bambino, in effetti, sono state rare le occasioni in cui frequentare un teatro.
Quelle poche volte andavo con zia Lina, che era abbonata e s’intestardiva con mia madre perché a suo parere se le persone andassero a teatro fin da piccole il mondo funzionerebbe meglio.
Per la verità, a mia madre andava pure bene che mi togliessi di torno per tre ore, che così poteva dare lo straccio per terra e magari la cera. Ma quello che non andava giù a zia Lina era che potessi seguirla solo per scomparire un pomeriggio intero da casa.
- Sì, per favore, portatelo in giro così mi faccio il corridoio -
- Guarda che me lo porto a teatro - rispondeva zia Lina, sottolineando la necessità dell’evento.
- Meglio! Posso fare magari salotto, cucina e camera da letto! -
Così, a forza di cera sui pavimenti mi sono fatto una cultura.
Dello spettacolo poi non è che me n’importasse, a otto anni: seguivo male la storia, non capivo i dialoghi, non m’appassionavo ai personaggi.
L’unica cosa che mi piaceva era l’inizio; mi cullavo nel brusio di sottofondo prodotto alle mie spalle (zia Lina aveva la prima fila) e mi divertiva aspettare il suono della prima campanella, quando ogni rumore sarebbe cessato di colpo per poi riprendere in crescendo.
Alla seconda campanella mi voltavo. La cosa che m’affascinava di più era osservare come tutti gli spettatori fossero ancora distanti dai posti assegnati con una logica quasi matematica. Il signore sudaticcio in giacca e cravatta dietro di me doveva raggiungere nientemeno che i palchi, e diceva all’amico con la pipa di non preoccuparsi, che ancora c’è tempo. Poi lanciava benedizioni papali a una decina di persone ad ogni angolo della sala, come a dire “tra un po’ ci vediamo su”.
Alla terza campana si scatenavano gli avvoltoi della poltrona libera, quelli che avevano il posto in galleria e pregavano perché il commendatore Arena non venisse. “Quella è la sua poltrona, di solito è puntuale, vuoi vedere che non ha trovato parcheggio?”
Zia Lina m’insegnava a riconoscerli già dalla prima campana: - Guardali; tutti fermi ai lati della sala, aria circospetta, viso paonazzo. -
Ci azzeccava sempre.
La cosa che mi meravigliava era vedere come, con tutto quel casino di posti da conquistare, file intere occupate da una persona sola (“Guardi che chiamo la maschera. Questa è storia d’ogni volta!”), gente che andava, veniva, salutava, rideva, vociava, rimproverava, correva, quattro minuti dopo il suono della terza campana tutto questo era miracolosamente un ricordo. C’ero rimasto io, con quel tendone rosso porpora davanti, con quelle due parti austere e magiche che al via di non so quale forza misteriosa si sarebbero aperte per catapultarmi in una storia non mia, tutta nuova, bella o brutta non importava in quel momento, perché quello era il momento in cui io, solo io, stavo entrando nella favola segreta: era il momento in cui s’apriva il sipario.




Nota bene: il testo contenuto nella presente è sempre protetto da copyright e non può mai essere utilizzato a meno di esplicita ed inequivoca autorizzazione da parte dell'autore.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. letteratura racconto teatro iotocco sipario

permalink | inviato da ioTocco il 5/5/2008 alle 8:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


2 maggio 2008

THE TUDORS

Grande appuntamento del giovedì sera, nonostante la mia ritrosia televisiva, ho cominciato a seguire la serie televisiva

THE TUDORS


ovvero la storia, in chiave romanzata, dei primi anni di regno di Enrico VIII, re d'Inghilterra fino al 1547.

La storia, prodotta nel Regno Unito per il canale Showtime, ha debuttato in Italia sul digitale terrestre, canale Mya, a fine aprile di quest'anno.

L'interprete principale è Jonathan Rhys Meyers. Il cast è composto da attori per lo più sconosciuti in Italia, tranne Sam Neill che interpreta il Cardinale Thomas Wolsey.




Recitato comunque in maniera convincente, il serial si distingue per le scenografie, eccellenti.
La trama è coinvolgente, sebbene l'aderenza alla storia sia tutta da provare. Ma tiene incollati allo schermo.

E' un altro modo di vedere prodotti televisivi, senza alcuna distrazione pubblicitaria, per due puntate di fila ogni giovedì. Un serial che è distante anni luce dalle nostre produzioni, se penso alle fiction di Mediaset o della Rai, anche in costume, mi viene da sorridere.
Davvero, dopo aver visto un prodotto simile, con una programmazione lineare, senza pubblicità, è difficile tornare indietro.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. THE TUDORS

permalink | inviato da ioTocco il 2/5/2008 alle 12:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        giugno
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
ioTocco news & co.
Racconti
biografie
visti & riletti
tutto fa blog
Bar sport
BloggerOTECA

VAI A VEDERE

X CURIOSARE QUA E LA':
Mauro SQUIZ Daviddi
Mauro Daviddi fotografo
INTER F.C.
Attivissimo antibufala
Home Movies Bologna
IMSU
.
I VOSTRI BLOG:
Ale
Concy31
Il Conte
Dilettomanoppello (Stefano)
Disastro
Efesto
Elepuntaallaluna
Gattara
GuyFawkes
Lei... Julia
liberol'anima (blue eyes)
Lu, i 400 colpi
Marte(not-Neon)
Nat
occhiodelciclone
Piero, SvegliaItalia
Saxer
Yogurtina :)



bloggeroteca america anni 50 letteratura berlusconi andré gorz stato iotocco ambiente paolo borsellino aldo bianzino anniversario blog allevamento balcani bertolt brecht biografie giovanni falcone apolitico american underworld thrilogy mafia arcipelago gulag alitalia tutto fa blog andrzej bambini apartitico protezione animali alexander langer american tabloid politica







le stelle potrebbero essere nientemeno che semi del cielo, e in una notte far nascere fiori, uno, per ogni stella caduta. ma io pensavo, che le stelle fossero solo lacrime degli angeli, ed i girasoli, che crescessero così alti per asciugarle di nascosto, nella notte.

SE LASCI UN COMMENTO, QUESTO BLOG DIVENTA ANCHE UN PO' TUO...


Add to Technorati Favorites

 Chuck Palahniuk,
FIGHT CLUB

Il richiamo ad una generazione X sempre più spaesata e individualista, che trova nel collettivo la perpetuazione della propria solitudine: perchè è meglio essere odiati da Dio che trovarsi al cospetto della Sua indifferenza.

 

 Andrea Camilleri,
LA CACCIA AL TESORO

Migliore degli ultimi Montalbano, meno svogliato, ma non più all'altezza dei primi.

 Davide Enia,
ITALIA - BRASILE 3 A 2 

Libretto gustosissimo, che ripercorre la mitica sfida, descrivendo un quadretto familiare molto riuscito, nei suoi riti e nei suoi tic. Racconto lieve ma mai superficiale, accompagnato da una vena ispirata di ironia, perfino nelle note che ci spiegano le regole calcistiche con puntuale leggerezza. 

 

James Ellroy,
IL SANGUE E' RANDAGIO

Completa la trilogia americana. Più toccante e magico dei primi due, dipinge personaggi inediti e tiene alto il ritmo. Degnissima conclusione di una trilogia esplosiva. 859 pagine che corrono via. Per gli appassionati del genere è un libro imperdibile.

IGORT,
5 è il numero perfetto

Interessante romanzo a fumetti, sul ritorno alla scena e sul riscatto di un vecchio guappo.

Hermann Koch,
LA CENA

Attuale e intrigante racconto sulla "banalità del male", con un punto di vista originale. Scrittura veloce e non sempre efficace, il romanzo merita comunque di essere letto!

 Paolo Sorrentino,
HANNO TUTTI RAGIONE

Da spiaggia!

 Georges Simenon,
LA VERITA SU BEBE' DONGE 
††††

Le anime si scontrano, in questo splendido racconto, in cui ogni personaggio non è casuale, ed ogni azione può essere riletta in sfumature opposte, fino a conclusioni in antitesi tra loro, come quella che porta la sorella di Bèbè, Jeanne, a dire, senza speranza: "A che serve continuare a porsi domande? Facciamo tutto quello che possiamo..."

 

 ERRI DE LUCA,
IL PESO DELLA FARFALLA
††††

Un racconto che mette il lettore alla pari col mondo e lo riporta a una condizione essenziale di uomo. Sorretto da una scrittura un po' ampollosa, ma efficace, scorre lieve e delicato fino all'ultima pagina.

FRANCO ALFONSO,
BARBIERE SI NASCE
††

L'esperienza di vita di un bambino di paese che, in un periodo in cui non era facile sognare, aveva un grande sogno: diventare barbiere a Palermo! Un libro genuino che ha molto da insegnare.

  Letti nel 2009:

SERGIO ROTINO,
UN MODO PER USCIRNE
†††

ANDREA CAMILLERI,
LE INCHIESTE DEL COMMISSARIO COLLURA

 

WILLA CATHER,
IL MIO MORTALE NEMICO

DANILO "MASO" MASOTTI,
IL CODICE BOLOGNA

GIANRICO CAROFIGLIO,
IL PASSATO E' UNA TERRA STRANIERA

ANDREA CAMILLERI,
LE PECORE E IL PASTORE

C. AUGIAS, M. PESCE,
INCHIESTA SU GESU'

JAMES ELLROY,
SEI PEZZI DA MILLE


ANDREA CAMILLERI,
LA DANZA DEL GABBIANO

ANDREA CAMILLERI,
L'ETA' DEL DUBBIO


Letti nel 2008:


JAMES ELLROY,
AMERICAN TABLOID



WU MING 4,
STELLA DEL MATTINO



ORNELA VORPSI,
LA MANO CHE NON MORDI



SANDOR MARAI,
LE BRACI
††


WU MING,
PREVISIONI DEL TEMPO
††

 
Andrea Camilleri,
IL CAMPO DEL VASAIO



Georges Simenon,
LETTERA AL MIO GIUDICE
†††


Andrè Gorz,
LETTERA A D.
†††

Lettura in corso
Fabio Levi,
IN VIAGGIO CON ALEX
††

Ultimo letto
Attilio Bolzoni Giuseppe D'Avanzo,
IL CAPO DEI CAPI
††


Fruttero & Lucentini,
LA DONNA DELLA DOMENICA
††††

La mia opinione:
†      passatempo
††    interessante
†††   
da leggere
††††  imperdibile

 

 
Giuseppe Di Stefano

il grande Tenore e un incontro del 1993


              Io dono... e tu?


      JULIO C
RUZ      




ETNA INNEVATA


TORTA ETNA



Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne la rimozione.











NO CENSURA!

 

 

CERCA