Blog: http://iotocco.ilcannocchiale.it

Catene di Sant'Antonio

Una catena di sant'Antonio è un sistema per propagare un messaggio inducendo il destinatario a produrne copie da spedire, a propria volta, a nuovi destinatari. Tra i metodi comunemente sfruttati dalle catene di sant'Antonio vi sono storie che manipolano le emozioni, sistemi piramidali che promettono un veloce arricchimento e l'uso della superstizione per minacciare il destinatario con sfortuna, malocchio o anche violenza fisica o morte se "rompe la catena" e rifiuta di aderire alle condizioni poste dalla lettera. È un fenomeno propagatosi anche su Internet attraverso le e-mail, malgrado diffondere questo tipo di messaggi sia una violazione della netiquette.
Fin qui la definizione di Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Catena_di_Sant'Antonio

Giorni fa, ho ricevuto un sms: cercasi donatori di sangue gruppo b+ per una bambina di 4 anni colpita da leucemia fulminante. Segue nome, cognome, numero tel. di riferimento.
Il messaggio arrivava da persona che ritengo seria ma, ugualmente, non mi andava di inoltrarlo.
Non c'era nè una data, nè una città, nè alcun'altra informazione per poter inquadrare la provenienza della richiesta, quindi ho pensato di telefonare al numero del papà della bambina.
Avrei messo volentieri a disposizione il blog, per aiutarlo e, ovviamente, avrei inoltrato il suo messaggio dopo averlo verificato personalmente.
Ho scoperto così che si era trattato di uno scherzo che qualche amico coglione aveva fatto a lui, allo scopo di sommergerlo di telefonate. L'amico si commenta da sè. Ma dalla storia si può dedurre che:
E' sempre intelligente verificare prima, giacchè sul web o tramite SMS gira di tutto. Invece di inoltrare passivamente, è più facile (e a volte meno costoso) verificare prima cosa si vuole inoltrare.
La maggior parte dei messaggi che circolano sul web, soprattutto se senza data, per decontestualizzarli, è fasulla, si tratta di catene studiate perchè non si interrompano mai.
Faccio un appello: NON INOLTRATE PIU' QUESTE CATENE. Se vi sembrano vere, prima di inoltrarle fate comunque una verifica.
Le verifiche sono molto più semplici di quanto si pensi. Io, ad esempio, vado a cercare la presunta notizia sul blog di Attivissimo http://attivissimo.blogspot.com/
E' un blog serio e completo, con un ottimo approfondimento su ogni questione.
Infine un'ultima cosa: a Natale e per la befana arrivano quei messaggini tipo labefanaviendinottecomefannolemignotte, e così via con filastrocche che occupano 3 pagine. Adesso una domanda: se un SMS è lungo 3 pagine, inoltrandolo, ognuno di noi inoltra 3 SMS a un indirizzario di (in media) 10 persone, quindi fanno 30 sms con un clic. Ognuno può così capire quanto gli è costato inoltrare la filastrocca della befana. Adesso: chi mi sa dire chi è che ci guadagna? Perchè se rispondete bene a questa domanda, saprete anche chi è l'autore di questi messaggi.

Pubblicato il 18/1/2008 alle 14.13 nella rubrica tutto fa blog.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web