Blog: http://iotocco.ilcannocchiale.it

Lettera a due amici che si sposano domani


C’è un immagine, che mi torna in mente più di tutte mentre penso a voi che domani sarete marito e moglie: è l’immagine di me che resto solo davanti all’altare. E’ quel momento, attimi, in cui tutti si allontanano, prendono posto, il prete è indaffarato, e io mi volto a guardare il rettangolo di luce da dove tra poco entrerà la mia sposa.
Sono emozionato, se n’è accorto pure il prete. Guardo la porta della chiesa e tutto è sospeso (se fossi morto mi passerebbero davanti le scene principali della mia vita, e invece sono vivo e vestito da sposo). E l’unica cosa che mi passa per la testa è una domanda: mi piacerà?

La domanda che, davvero! mi gira in testa è: quella donna mi piacerà? Ed è talmente pressante che non ho il tempo di capire cosa mi sto chiedendo veramente: se ne sarò capace, se riuscirò ad amarla e onorarla per tutta la vita, a condividere con lei la salute e la malattia, i momenti facili e quelli difficili, se sarò un buon marito e, forse, chissà, un buon padre per i nostri figli.

Osservo quel rettangolo di luce e mi chiedo cosa mai lo attraverserà, la mia fine o il mio inizio.
Ecco, è questa l’immagine che ho in mente pensando a voi, che domani, tra poco, sarete marito e moglie.

Ho pensato: adesso gli scrivo tutto quello che so; gli devo dire che quel patto d’amore, dopo sette anni, c’è ancora, che naviga anche contro vento. Gli devo dire che la creatura che attraversò quel rettangolo di luce per venirmi a fianco adesso è mia moglie, che è quasi tutta la mia vita, e che con lei vicino mi sento forte. Gli dirò che il legame, quel legame, può vincere tutto, anche le notizie di cento divorzi dei nostri più cari amici, e le muse che ogni giorno ci offrirebbero il loro ristoro. Ho pensato: devono sapere.

A voi due che domani sarete marito e moglie, a te che guarderai verso la luce fuori dalla chiesa, e a te che quella luce attraverserai, voglio immaginarvi così, sospesi in quell’attimo, in attesa di congiungervi per sempre.


…. E un bacio alla sposa!

MT


Nota bene: il testo contenuto nella presente è sempre protetto da copyright e non può mai essere utilizzato a meno di esplicita ed inequivoca autorizzazione da parte dell'autore.


Pubblicato il 27/2/2008 alle 11.27 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web