Blog: http://iotocco.ilcannocchiale.it

In Italia non esiste la tortura, esiste il "diritto di polizia"

Tortura. Non è una formula impropria o sovrattono. Due anni di processo a Genova hanno documentato - contro i 45 imputati - che cosa è accaduto a Bolzaneto, nella caserma Nino Bixio del reparto mobile della polizia di Stato nei giorni del G8, tra venerdì 20 e domenica 22 luglio 2001, a 55 "fermati" e 252 arrestati. Uomini e donne. Vecchi e giovani. Ragazzi e ragazze. Un minorenne.

Tra venerdì 20 e domenica 22 luglio 2001.


Quella sospensione della democrazia in Italia resterà non giudicata. Chi ha commesso il fatto è stato "solo" l'ispettore Antonio Gugliotta, condannato a cinque anni di reclusione.

A lui, e a pochi altri (24 su 45) viene addebitata intera la responsabilità per quei fatti. Nessuno sconterà la pena.

Vediamo cosa furono, questi fatti.

Un colore diverso per ogni tortura, colori pastello, perchè la stonatura col testo risulti EVIDENTE. PERCHE' C'E' QUALCOSA DI PROFONDAMENTE STONATO, IN QUELLO CHE SI LEGGE:

C'è chi viene picchiato con stracci bagnati
Chi sui genitali con un salame, mentre steso sulla schiena è costretto a tenere le gambe aperte e in alto
C'è chi subisce lo spruzzo del gas urticante-asfissiante
Chi patisce lo spappolamento della milza

D. arriva nello stanzone con una frattura al piede. Non riesce a stare nella "posizione della ballerina". Lo picchiano con manganello. Gli fratturano le costole. Sviene. Quando ritorna in sé e si lamenta, lo minacciano "di rompergli anche l'altro piede". Poi, gli innaffiano il viso con gas urticante mentre gli gridano. "Comunista di merda".

C'è chi ricorda un ragazzo poliomielitico che implora gli aguzzini di "non picchiarlo sulla gamba buona".

S. P. viene condotto in un'altra stanza, deserta. Lo costringono a denudarsi. Lo mettono in posizione fetale e, da questa posizione, lo obbligano a fare una trentina di salti mentre due agenti della polizia penitenziaria lo schiaffeggiano.

J. S., lo ustionano con un accendino.

Le donne sono costrette a restare a lungo nude dinanzi a cinque, sei agenti della polizia penitenziaria. Dinanzi a loro, sghignazzanti, si svolgono tutte le operazioni. Umilianti.

Una ragazza è stata costretta a rimuovere il suo piercing vaginale con le mestruazioni dinanzi a quattro, cinque persone

A L. K. hanno spruzzato sul viso del gas urticante. Vomita sangue. Sviene. Rinviene sul lettino con la maschera ad ossigeno. Stanno preparando un'iniezione. Chiede: "Che cos'è?". Il medico risponde: "Non ti fidi di me? E allora vai a morire in cella!".

G. A. si stava facendo medicare al San Martino le ferite riportate in via Tolemaide quando lo trasferiscono a Bolzaneto. All'arrivo, lo picchiano contro un muretto. Gli agenti sono adrenalinici. Dicono che c'è un carabiniere morto. Un poliziotto gli prende allora la mano. Ne divarica le dita con due mani. Tira. Tira dai due lati. Gli spacca la mano in due "fino all'osso". G. A. sviene. Rinviene in infermeria. Un medico gli ricuce la mano senza anestesia. G. A. ha molto dolore. Chiede "qualcosa". Gli danno uno straccio da mordere. Il medico gli dice di non urlare.


Si potrà parlare a lungo delle ragioni e dei torti, di come si svolsero i fatti in quel tragico appuntamento di Genova. Se ne potrà parlare a lungo, sì. Ma con una macchia: giustizia non è stata fatta. La sentenza dimostra che ci fu chi, dietro una divisa dello Stato italiano, torturò persone fermate o arrestate e quindi sotto tutela dello Stato.

Ma la sentenza stessa adduce ad un solo sottoufficiale la responsabilità di tutto questo.

Esiste dunque un diritto di polizia, al quale ci affideremo se verremo fermati, cercando il poliziotto buono, quello che deciderà di concederci i nostri diritti, perchè il diritto dello Stato, dentro una caserma, non ci tutelerà.

Tutto ciò mi riporta alla vicenda di Aldo Bianzino, e di tutti coloro che, entrati nelle carceri o nei commissariati dello Stato, si sono trovati in assenza di uno stato di diritto e si sono visti condannati senza giudizio. Alcuni, lasciandoci la vita.


Pubblicato il 16/7/2008 alle 18.34 nella rubrica ioTocco news & co..

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web