Blog: http://iotocco.ilcannocchiale.it

CONSIGLI PER PREVENIRE LE TRUFFE

Avevo già segnalato a gennaio la truffa del "finto" specchietto rotto. Pare che siano stati segnalati altri episodi.

Le truffe costituiscono una fiorente fonte di introiti per la malavita e un danno, psicologico ancor prima che economico, per chi le subisce. In estate c'è un incremento, a danno soprattutto degli anziani soli.
Val la pena, quindi, di rinnovare alcuni consigli, ma una lista più esaustiva di consigli e avvertimenti si trova nel sito della Polizia di Stato, che invito a visitare:

CONSIGLI PER PREVENIRE LE TRUFFE:

Non aprite la porta di casa a sconosciuti anche se vestono un'uniforme o dichiarano di essere dipendenti di Comune, ENEL, azienda del gas, banca presso cui siete clienti.
Potete sempre prendervi tutto il tempo che volete, per telefonare all'Ente di cui si dicono dipendenti, e verificare. In ogni caso è meglio non aprire se non si è proprio certi.
Dite loro che verificherete chiamando il 113, prima di aprire. Se sono truffatori, scapperanno. Se sono lavoratori, resteranno ad attendere.

Nessun Ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente. Quindi diffidate sempre da questo tipo di richieste.

Se qualcuno vi ferma, dicendovi che vostro figlio o nipote gli deve dei soldi, probabilmente vi sta truffando. Anche se vi passa al telefono il vostro parente, non vi fidate. Richiamate voi, col vostro telefonino, il parente, ovvero andate via.

Occhio al bancomat: evitate di operare se vi sentite osservati. Nel digitare il codice segreto, mettete una mano a ricoprire la tastiera.

Soprattutto, ricordate che potreste avere a che fare con professionisti della truffa: quasi mai violenti, sempre gentili, ben vestiti, affabili. Purtroppo, molto bravi. Per qualunque problema e per chiarivi qualsiasi dubbio non esitate a chiamare il 113.

Pubblicato il 24/7/2008 alle 9.19 nella rubrica tutto fa blog.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web