Blog: http://iotocco.ilcannocchiale.it

Italietta - Una catena di indignazioni

Aderisco volentieri alla provocazione dell'amica Lu e all’invito di Occhiodelciclone pubblicando anch’io i miei tre punti d’indignazione.

Le regole del gioco:

Indicare nel proprio blog tre cose di questa nostra Italietta che riteniamo disgustose, vergognose, che ci fanno venir voglia di urlare il nostro disprezzo e pensare che sarebbe meglio vivere da un'altra parte.

Invitare 5 blogger a fare altrettanto nei propri blog, indicando i loro link e spiegando perché scegliamo proprio loro.

1) Il revisionismo continuo: non quello di chi, studiando, offre fatti che permettano di rileggere con più completezza determinati eventi storici, ma il revisionismo che sconfina nel negazionismo, quello di chi vorrebbe, insomma, delle verità a modo proprio, e non esita a negare fatti acclarati (un esempio? Chi pensa che il fascismo fu una passeggiata, una dittatura all’acqua di rose, in cui chi dava fastidio rischiava solo di essere mandato in vacanza all’estero a spese dello Stato).


2) Il tutti contro tutti: l’odio che porta alla divisione, la divisione che è semplificazione. Destra contro sinistra, pedoni contro automobilisti, pubblico contro privato, vecchi contro giovani, famiglie contro single, cattolici contro laici, Maometto contro Cristo, nord contro sud, est contro ovest. Non si vive in guerra, non si vive col terrore addosso, non si vive col nemico dietro l’angolo.

3) La televisione di Costanzo e De Filippi, la televisione di Endemol: prendo questi due autori Tv, insieme a questo marchio, come massimi rappresentanti di un nuovo modo di fare televisione, di chi tende a rincoglionire il pubblico, addormentandolo a forza di soubrette, tronisti, scandali. L’obiettivo è riuscito, la gente si è via via abituata a questo modo di guardare alla realtà. La realtà è già fiction. Ci si addormenta davanti al televisore, convinti che la realtà sia quella che proviene dallo schermo, incapaci di guardare più in là del telecomando. Incapaci di vivere davvero.


Per dare continuità a questa reazione a catena nomino:

Carla, Le Lucilleidi

Geco

Martenot-Neon

Quovadis

Simone Arcadia

Pubblicato il 26/7/2008 alle 12.45 nella rubrica ioTocco news & co..

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web