Blog: http://iotocco.ilcannocchiale.it

Un anno da blogger

Andando per blog si ricevono molti stimoli. Commentando i post, si scrivono cose che portano ad altre cose e ad altre cose ancora.

Qualche giorno fa ho commentato un post di un'amica di blog (una volta tanto non ne farò il nome, ma è tra i miei link) che faceva una domanda facile facile: TU PERCHE' SCRIVI?

Il post era scritto molto bene, invitava al commento, così ho provato a rispondere.

Mi sono ricordato, scrivendo, che è passato un anno esatto da quando ho aperto il primo blog, su Blogspot. Era l'agosto del 2007.

Il blog non esiste più, in quanto a gennaio di quest'anno, passando al Cannocchio, ho deciso di non tenerne in vita due.

Un anno da blogger, non so se è poco o molto, ma in qualche modo il blog ha trasformato il mio tempo libero e la mia percezione dello stare insieme.


Io scrivo per...
la domanda è bella, ma la risposta non è facile.
O meglio: non è semplice.
Ho aperto il blog quando è nato il mio secondo figlio. Ero intrappolato a casa, come capita con i figli neonati. Ho passato un anno difficile, quasi in solitudine, preso da diecimila compiti eppure chiuso dentro casa. Casa lavoro, lavoro casa.
Sentivo il bisogno di comunicare, ma il mio tempo libero iniziava alle 22 e finiva alle 24.

Il blog era una strada, ma non pensavo si potesse parlare con gente che non conosci. Il "virtuale" mi era sconosciuto e mi faceva un po' paura.
Scrivevo per un giornale on line, Romareporter, ma non ero soddisfatto: nessun riscontro ai miei articoli, ancora una volta poca soddisfazione.
Adesso sono editore di me stesso, mi sento libero e creativo.

Mentirei se dicessi che i commenti e l'affetto non mi fanno piacere.
Il primo blog che ho aperto era sempre privo di commenti, era come parlare a un pubblico dal palcoscenico. Ma io amo mischiarmi, quasi quasi permetterei a chiunque di scrivere al mio posto e io starei a commentare.

Oggi il blog lo amo e lo odio. Mi ruba più tempo di quanto ne abbia in realtà, dormo poco e questo è male, però so che il blog mi fa bene, e così continuo.

Pubblicato il 26/8/2008 alle 22.7 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web