Blog: http://iotocco.ilcannocchiale.it

Priebke ospite in giuria al concorso delle miss

L’idea di invitare il criminale di guerra Erich Priebke è venuta a tale Claudio Marini, 35 anni di Frosinone. Uno che le ha provate tutte pur di raggiungere uno strapuntino di notorietà.



L’anno scorso come presidente della giuria del suo concorso di bellezza «giunto ormai alla nona edizione» si era dovuto accontentare di Fabrizio Corona.

Priebke è apparso così in videoconferenza, perchè il Giudice di sorveglianza gli ha negato il permesso e lui non ha potuto lasciare gli arresti domiciliari di Roma.

Per approfondire l'articolo invito a leggere qui.

Claudio Marini, dunque. Registriamo bene questo nome, perchè il tizio in questione vuole notorietà, quindi è giusto che l'abbia.

CLAUDIO MARINI
CLAUDIO MARINI
CLAUDIO MARINI

Lascio a chi legge ogni commento, ma il nome ci deve rimanere impresso insieme alle gesta di questa ennesima testa non pensante.



24 marzo 1944 - Strage alle Fosse Ardeatine, cave di pozzolana situate a due chilometri oltre Porta San Sebastiano, prescelte da Kappler per compiere la vendetta decisa da Hitler e dal comando militare tedesco in Italia, per l'attacco partigiano di via Rasella. Vengono uccisi con un colpo alla nuca, nei tempi calcolati e programmati con meticolosità, in circa cinque ore, dal primo pomeriggio alle venti, 335 italiani, di ogni età e di varia condizione sociale, patrioti e rastrellati per caso, 75 ebrei soppressi solo per odio razziale. Undici delle vittime sono rimase senza nome, per due non si è certi della identità attribuita. Una strage da tenere segreta, la notizia diffusa solo il giorno dopo senza comunicare i nomi degli uccisi e il luogo dell' esecuzione, gli ingressi delle gallerie preclusi e celati dal crollo del terreno provocato facendo esplodere per quattro volte cariche di dinamite.
Nell'avviare i destinati al massacro erano stati scelti tra i prigionieri di via Tasso, del III braccio di Regina Coeli e della pensione Oltremare, sede della "polizia speciale" di Pietro Kock. 285 da Kappler, 50 dal questore Caruso e da Koch per completare la lista su richiesta di Kappler. Dopo l'esecuzione, rifacendo il conto delle vittime, queste risultarono, per gli errori compiuti durante la selezione dei detenuti, 5 in piu' del previsto (sarebbero state 6 se il disertore austriaco Joseph Reider, unico straniero inserito tra i destinati a morire, non fosse riuscito a fuggire pochi istanti prima di essere avviato all' esecuzione.

Priebke fu prima condannato a 15 anni, poi ridotti a 10 per motivi di età e di salute; poi, nel marzo1998, la Corte d'Appello militare lo condannò all'ergastolo, insieme all'altro ex membro delle SSKarl Haas. La sentenza è stata confermata nel novembre dello stesso anno dalla Corte di Cassazione; a causa della sua età avanzata, a Priebke sono stati concessi gli arresti domiciliari.


Per non dimenticare!


Pubblicato il 14/9/2008 alle 18.39 nella rubrica ioTocco news & co..

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web