Blog: http://iotocco.ilcannocchiale.it

G8, sentenza per la Diaz

assolti i vertici della polizia. L'aula grida: "Vergogna"

Dunque per i fatti di Genova non c'è giustizia. O almeno, la giustizia non colpisce i potenti, potremmo pensare.
Il verdetto per l'irruzione nella scuola Diaz durante il G8 del 2001, vede l'assoluzione per Gratteri (ora capo anticrimine) e Luperi (n.1 dell'ex Sisde).
Infine, pagano solo gli agenti, quelli operativi, quelli che avevano ricevuto ordini. 13 le condanne.

In totale erano 28 i poliziotti sul banco degli imputati, ma il collegio presieduto da Gabrio Barone ha deciso di emettere 13 condanne, esclusivamente nei confronti dei responsabili delle violenze all'interno della scuola. Sono state inflitte condanne per 35 anni e sette mesi, rispetto agli oltre 108 anni chiesti dall'accusa.

Assolti, dunque, i funzionari di polizia che firmarono il verbale di perquisizione e cioè Gratteri, Luperi e Calderozzi.

La totalità delle condanne riguarda i componenti del Settimo nucleo mobile di Roma, del suo capo dell'epoca Vincenzo Canterini condannato a 4 anni e accusato di calunnia, falso ideologico e lesioni, e dai suoi sottoposti Fabrizio Basili, Ciro Tucci, Carlo Lucaroni, Emiliano Zaccaria, Angelo Cenni, Fabrizio Ledoti e Pietro Stranieri, condannati a 3 anni e accusati di lesioni aggravate in concorso. Il vice di Canterini, Angelo Forniè è invece stato condannato a due anni di reclusione.

Per la vicenda delle molotov introdotte all'interno della scuola, invece, Pietro Troiani è stato condannato a 3 anni e Michele Burgio a 2 anni e 6 mesi, ambedue erano imputati di calunnia, falso ideologico e violazione della legge sulle armi. Infine Luigi Fazio è stato condannato a un mese di reclusione.

Alla lettura della sentenza, dopo 11 ore di camera di consiglio, si è levato il grido 'vergogna, vergogna!' dai settori del pubblico che affollava l'aula.

Il primo processo ad essere celebrato per i fatti di Genova è stato quello per le violenze di strada che si è concluso il 14 dicembre 2007 con la condanna a pene tra i 5 mesi e gli 11 anni per 24 no global. Ne ho parlato già QUI
Il secondo è stato invece quello per le violenze e i soprusi avvenuti nella caserma di Bolzaneto. Il 14 luglio 2008 il tribunale ha condannato 15 persone (tra poliziotti e civili) a pene variabili tra 5 mesi e 5 anni.
Ne ho parlato QUI.

Il dibattito su quella sospensione della democrazia in Italia, che come i fatti confermano resterà solo parzialmente e superficialmente punita, può risultare ormai anacronistico. Ma c'è gente, come me, che non ha alcuna voglia di dimenticare.
Io non dimentico.


Pubblicato il 13/11/2008 alle 22.53 nella rubrica ioTocco news & co..

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web